Lancia la figlia di 16 mesi dal balcone e poi si butta giù

E' accaduto nel Napoletano: la bimba è morta, l'uomo è grave ricoverato al Cardarelli Ha lanciato la figlia di 16 mesi dal balcone del secondo piano e poi si è buttato giù: la bimba è morta e lui, 35 anni, è ricoverato in gravi condizioni all'ospedale Cardarelli di Napoli. E' accaduto a San Gennaro Vesuviano (Napoli). Indagano i carabinieri. Secondo una primissima ricostruzione l'uomo era in casa con la moglie. Le avrebbe chiesto, con una scusa, di allontanarsi, di andare in un'altra stanza, poi la tragedia. Tra il marito e la moglie, sempre secondo primi accertamenti, ci sarebbero stati dei problemi: la coppia, sembra, si stava separando. Indagano i carabinieri.

Teano, uccide moglie e figlio e si suicida

La scoperta è stata fatta dai carabinieri, erano intervenuti in seguito alla segnalazione fatta al 112 Caserta, 22 giugno - In uno scatto d'ira fatale ha ammazzato la moglie e il figlio con il proprio fucile da caccia, quindi ha rivolto l'arma contro sé stesso e ha fatto fuoco, uccidendosi. Il probabile duplice omicidio-suicidio è avvenuto nella tarda serata di ieri nel Casertano, in un'azienda agricola situata in località Taverna Zarone, nel territorio del comune di Teano. La macabra scoperta è stata fatta dai carabinieri, che erano intervenuti in seguito alla segnalazione fatta al 112 da un cittadino romeno, che aveva udito numerosi spari provenire dall'azienda agricola da lui conosciuta. Entrati nella tenuta, i militari hanno trovato distesi sul terreno e in

Si lancia dal balcone con in braccio il figlio di 3 anni

La tragedia è avvenuta nel Salernitano, nella notte. L'uomo aveva litigato con la moglie Salerno, 24 gennaio - Tragedia della follia a Padula, nel Salernitano. Un uomo di 45 anni si è lanciato dal balcone tenendo in braccio il figlioletto di soli tre anni. I due sono morti praticamente sul colpo. Sul posto della tragedia, avvenuta nelle vicinanze della piazza principale del piccolo centro del Vallo di Diano, sono intervenuti carabinieri della locale stazione ed i i vigili del fuoco del distaccamento di Sala Consilina. L'omicidio suicidio si è verificato nella notte, nei pressi di piazza Umberto I. L'uomo, un 45enne di Padula - secondo quanto riferito dagli investigatori - avrebbe dormito a casa della madre che si trova nello stesso stabile

Coniugi trovati morti nel Casertano, uccisi da un colpo di arma da fuoco

Gli inquirenti pensano ad un caso di omicidio-suicidio Caserta, 16 gennaio - Teresa Cotugno di 50 anni e Franco Sorbo di 48 sono stati ritrovati morti in un'abitazione di Santa Maria Capua Vetere (Caserta), in via Galatina. I corpi erano in camera da letto, la donna con un colpo di pistola alla testa era ancora a letto mentre il corpo dell'uomo è stato ritrovato ai piedi del letto. Gli inquirenti ipotizzano possa trattarsi di un caso di omicidio-suicidio. L'arma, una calibro 9x21 utilizzata per commettere il delitto, é stata trovata ai piedi dell'uomo ed era posseduta legalmente da Sorbo in qualità di ex guardia giurata. Sul luogo del delitto sono intervenuti il pm della procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere

Spara alla moglie e poi si suicida, tragedia familiare a San Giorgio a Cremano

L'episodio è avvenuto in un'abitazione di via Gramsci. La donna, gravemente ferita, è stata trasportata d'urgenza all'ospedale Loreto Mare di Napoli e lotta tra la vita e la morte San Giorgio a Cremano, 4 settembre - Ennesimo episodio di omicidio-suicidio ed ennesima tragedia familiare. Questa mattina, a San Giorgio a Cremano, un uomo ha sparato alla moglie ferendola gravemente. Poi si è suicidato con la stessa arma. L'uomo, 54enne e guardia giurata, prima di togliersi la vita con un colpo di pistola alla testa, ne avrebbe sparati almeno tre contro la moglie. A far scattare l'allarme è stata la donna, che nonostante le gravi ferite, urlando ha attirato le attenzioni dei vicini, che hanno allertato il 118. Sul posto, oltre ai carabinieri, sono

Omicidio-suicidio a Napoli: uccide moglie e figlio, poi si toglie la vita

Ha ucciso moglie e figlio di 17 anni, poi ha rivolto la pistola verso di sé e si è tolto la vita. L'autore della tragedia di San Giovanni a Teduccio è Cesare Cuozzo, ex bidello in cura in un centro di igiene mentale. La moglie, Anna Daniele, è la sorella dell'assessore comunale Nino Daniele Napoli, 16 luglio - Una scena raccapricciante quella che è apparsa davanti agli occhi delle forze dell'ordine quando sono entrati all'interno di un appartamento in via Ammiraglio Aubry, nel quartiere San Giovanni a Teduccio, periferia orientale di Napoli. Da subito è stato evidente si fosse consumata una terribile tragedia: tre corpi senza vita; un uomo, una donna ed un ragazzo. I cadaveri sono stati scoperti dai familiari

Carabiniere uccide moglie figlio e poi si suicida. La tragedia nel centro di Napoli nei pressi di piazza Dante

La tragedia si sarebbe consumata nella notte, indossavano il pigiama, infatti i corpi senza vita ritrovati solo nel pomeriggio di eri da un familiare Napoli, 6 maggio – Tragedia a Napoli, nel cuore pulsante della città a vico Bagnara vicino piazza Dante, una famiglia ha lasciato questo mondo nel sangue, non per una fatalità, ma per mano del suo stesso capofamiglia. Alfredo Palumbo, carabiniere di 42 anni, ha ucciso nel cuore della notte di ieri con la sua pistola d’ordinanza, la moglie trentenne, Consuelo Molese, e Francesco, il suo bambino, poi ha fatto fuoco contro se stesso ponendo fine a quella che a detti di parenti e amici era una bella famiglia, conosciuta e stimata. Palumbo era maresciallo in servizio al Comando