Questa notte alle 2 torna l’ora legale

Da domenica 29 marzo a domenica 25 ottobre 2020 Alle 2:00 di questa notte, domenica 29 marzo 2020, le lancette degli orologi si dovranno spostare avanti di un'ora. Si dormirà un'ora in meno, ma in compenso avremo più luce durante il giorno. L'ora legale durerà fino a domenica 25 ottobre 2020, quando rientrerà in vigore l'ora solare. Nel 2019, secondo quanto dichiarato da Terna - la società che gestisce la rete elettrica nazionale - si è avuto un risparmio pari a 505 milioni di kWh corrispondente ad un consumo medio annuo di elettricità di circa 190 mila famiglie e minori emissioni di Co2 in atmosfera per 250 mila tonnellate oltre ad un risparmio economico pari a circa 100 milioni di euro.

Lancette indietro di un’ora, si torna all’ora solare

Cambio dell'ora nella notte fra sabato 26 e domenica 27 ottobre. Dalle 3 si passerà alle 2 e quindi all'ora solare Nella notte tra sabato 26 e domenica 27 ottobre si torna all'ora solare. Le lancette dell'orologio passeranno alle 3 di notte di sabato indietro di un'ora e indicheranno le 2. L'ora solare resterà in vigore fino al 29 marzo 2020, poi, nel corso dell'anno successivo, ciascun Stato membro dell'Ue potrà decidere se mantenerla o meno.  Gli Stati membri che decidono di mantenere l'ora legale dovrebbero cambiare le lancette dell'orologio per l'ultima volta l'ultima domenica di marzo 2021, mentre quelli che preferiscono mantenere l'ora solare dovrebbero farlo l'ultima domenica di ottobre 2021. La modifica dell’ora fu introdotta per decreto regio nel 1916

Ritorna l’ora legale, questa notte le lancette dell’orologio un’ora avanti

Si dorme un'ora in meno ma si guadagna tanta luce in più Domenica 31 marzo alle due di notte le lancette degli orologi dovranno essere spostate un'ora in avanti. Con questo passaggio si annuncia un lungo periodo di luce nelle nostre giornate che ci accompagnerà fino al prossimo autunno. Tanta luce in più e giornate più lunghe a nostra disposizione, un invito a trascorrere più tempo all’aria aperta. Si ritornerà all'ora solare domenica 26 ottobre. L'obiettivo è consentire al Paese un risparmio di energia e la salvaguardia dell'ambiente. Ad ogni modo questo sarà uno degli ultimi cambi d'orario. A partire dal 2021 ciascun Paese dovrà mantenere sempre lo stesso orario, o solare o legale. Il Parlamento europeo nei giorni scorsi ha infatti

Torna l’ora solare, lancette indietro di 60 minuti: si dorme un’ora in più

Potrebbe essere l'ultimo cambio dell'ora in Europa. Secondo una proposta della Commissione Europea si potrà scegliere se mantenere per sempre l'ora legale o l'ora solare Questa notte si passerà dall’ora legale a quella solare. Alle 3 le lancette torneranno indietro di 60 minuti e dormiremo un'ora in più. La società che gestisce la rete elettrica nazionale Terna stima che dal 25 marzo ad oggi siamo riusciti a risparmiare complessivamente 554 milioni di kilowattora (quanto il consumo medio annuo di elettricità di circa 205 mila famiglie) e minori emissioni di CO2 in atmosfera per 290 mila tonnellate, con un risparmio calcolato di 111 milioni di euro. A fine agosto il presidente della Commissione Europea, Jean-Claude Juncker, aveva annunciato di voler abolire il cambio dell'ora ma la proposta dovrà essere discussa

Domenica 25 torna l’ora legale, un’ora di sonno in meno ma tanta luce in più

Comincia il lungo periodo dell'ora legale che va da marzo ad ottobre Domenica 25 marzo alle due di notte le lancette degli orologi dovranno essere spostate un'ora in avanti. Con questo passaggio si annuncia un lungo periodo di luce nelle nostre giornate che ci accompagnerà fino al prossimo autunno. Tanta luce in più e giornate più lunghe a nostra disposizione, un invito a trascorrere più tempo all’aria aperta. Si ritornerà all'ora solare domenica 29 ottobre. L'obiettivo è consentire al Paese un notevole risparmio di energia e la salvaguardia dell'ambiente. Lo scorso 2017 Terna, gestore della rete elettrica nazionale, ha quantificato un risparmio complessivo di 567 milioni di kilowattora – quanto consumato mediamente in un anno da oltre 200mila famiglie – e prodotto minori emissioni di CO2

Torna l’ora solare, domani si dorme un’ora in più

Risparmiati nel periodo di ora legale per il 2017 110 milioni di euro e prodotto minori emissioni di CO2 in atmosfera per 320mila tonnellate Ritorna l'ora solare. Le lancette dell'orologio, la notte alle 3 di domenica 29 ottobre si sposteranno un'ora indietro segnando le 2. In pratica domenica dormiremo un'ora in più ma da domani il sole tramonterà un'ora prima. Da domani ci attendono giornate meno luminose con il rischio di una maggiore irritabilità, stanchezza e sensazione di affaticamento. Il consiglio degli esperti – per evitare di cadere in uno stato depressivo tipico della stagione – è un invito ad andare a dormire più presto e ad alzarsi presto per almeno 15 giorni per riabituare il nostro organismo al cambio di orario. Con il cambio

Torna l’ora legale, lancette in avanti di un’ora

Questo finesettimana si dorme un'ora in meno Questa notte, tra sabato 25 e domenica 26 marzo ritorna l'ora legale. Occorre ricordare di spostare le lancette  un'ora avanti a partire dalle due del mattino di domenica. L’ora legale ci accompagnerà per i prossimi sette mesi, fino alla notte tra il 28 e 29 ottobre 2017, quando ritornerà l'ora solare. Domenica si dorme un’ora in meno. In compenso da domani tanta luce in più e con l’arrivo delle belle giornate avremo tante lunghe giornate da vivere all’aria aperta. Come far abituare il nostro corpo alla variazione dell’ora è presto detto. Gli esperti ci informano che per gli adulti il problema di adattamento non esiste, mentre per i più piccini basterà qualche ora in più da passare giocando

Ritorna l’ora solare, questa notte alle 3 le lancette tornano un’ora indietro

Nel 2016 il risparmio dovuto all'introduzione dell'ora legale è stato di 90 milioni di euro pari a 573 milioni di kilowattora Tra sabato 29 e domenica 30 ottobre sarà ripristinata l'ora solare con il vantaggio di un'ora di sonno in più domenica mattina. Questa notte alle 3, quindi, le lancette dei nostri orologi si dovranno spostare un'ora indietro per il ritorno dell'ora solare e da domani farà buio molto prima. L'ora legale fu introdotta per la prima volta in Gran Bretagna nel 1916, durante la Prima Guerra Mondiale come misura volta al risparmio energetico per sostenere lo sforzo bellico. Anche in Italia fu adottata nello stesso anno con l'obiettivo di risparmiare energia elettrica per l'illuminazione delle città. Durante la Seconda Guerra Mondiale

Domenica ritorna l’ora legale: meno sonno e rischio per la nostra schiena

Secondo gli esperti un'ora in meno di sonno potrebbe provocare dei disturbi alla nostra colonna vertebrale Fra sabato 26 e domenica 27 marzo ritorna l'ora legale. Domenica 27 marzo, giorno di Pasqua, dormiremo un'ora in meno. Bisognerà infatti spostare le lancette dell'orologio in avanti di un'ora. Come di consueto, i media ci ricorderanno di spostare le lancette dell'orologio dalle 2 del mattino alle 3, ma non perdete tempo e sonno a quell'ora ovviamente. La maggior parte dei nostri orologi si aggiorneranno automaticamente! Resteranno da aggiornare le sveglie tradizionali. Con questo passaggio si annuncia un lungo periodo di luce nelle nostre giornate che ci accompagnerà fino al prossimo autunno. Tanta luce che sembrerà di avere molto tempo in più a nostra disposizione e

Ritorna l’ora legale. Questa notte la lancetta si sposta in avanti di un’ora

Nella notte tra sabato 28 marzo e domenica 29 marzo torna in vigore l'ora legale, le lancette si sposteranno un'ora avanti, il che si tradurrà in un ora in meno di riposo per domani ma tanta più luce da vivere all'aria aperta Il cambio dell'ora legale può comportare delle ripercussioni sull'organismo, come uno stato d'ansia e di stress dovuto alla mancanza di sonno. Difatti chi soffre di disturbi del sonno, ansia, chi ha dei ritmi di vita molto frenetici tende a vivere il cambio d'ora legale con maggiore fatica ed avrà bisogno di qualche giorno per abituare il proprio organismo al cambiamento di orario. Un vantaggio sostanziale: più ore di luce consentiranno di affrontare i vari impegni quotidiani con minore fatica il che comporterà

Bentornata ora legale!

Da domani le lancette dell'orologio in avanti di 60 minuti Domani, domenica 30 marzo, torna l'ora legale. Come viene indicato da anni ormai, ci raccomandiamo, se dormite svegliatevi rigorosamente alle 2 di notte per spostare in avanti la lancetta delle vostre sveglie. Si dorme un'ora in meno. In compenso da domani tanta luce in più e con l'arrivo delle belle giornate avremo tante lunghe giornate da vivere all'aria aperta. L'ora legale ci accompagnerà sino al 26 ottobre. Come far abituare il nostro corpo alla variazione dell'ora è presto detto. Gli esperti ci informano che per gli adulti il problema di adattamento non esiste mentre per i più piccini basterà qualche ora in più da passare giocando all'aria aperta per superare rapidamente - in tre

Torna l’ora legale. Da Domenica 31 Marzo lancette avanti di sessanta minuti.

Nella notte tra Sabato 30 e Domenica 31 Marzo tornerà l'ora legale in vigore fino all'ultima domenica di Ottobre. Poco meno di una settimana e le lancette dei nostri orologi torneranno avanti di un'ora. Già a partire dalla domenica di Pasqua, trascorreremo giornate più lunghe e con abbondanti ore di luce. Sperimentata dall'americano Benjamin Franklin (1784) e successivamente ripresa dal britannico William Willet (1907), la convenzione dell'ora legale avrebbe avuto come finalità quella di far risparmiare energia, grazie al relativo minore utilizzo dell'illuminazione elettrica. In Italia è arrivata qualche anno dopo, solamente nel 1916 quando, col decreto legislativo n°631 del 25 Maggio, è rimasta in uso fino al 1920. Usata in periodi e modalità diversi, nel corso degli anni, ha portato in fretta  non pochi benefici.

Ritorna l’ora solare: il 28 ottobre la lancette si sposteranno indietro di un’ora.

Domenica 28 ottobre ci sveglieremo con un’ora in più di sonno, le lancette dell’orologio poste di un’ora indietro rimetteranno l’ora “solare” nella sua naturale collocazione. Il disturbo del sonno legato all’entrata in vigore a marzo dell’ora legale sarà ora ripagato da questa ora recuperata. Ma l’effetto durerà poco perché l’organismo umano compensa in breve tempo tutte le fasi del bioritmo, come ad esempio il fenomeno del jet lag riscontrato nelle persone che viaggiano in aereo tra paesi separati da diversi fusi orari. Pronti per questa ora tutta per noi? Sicuramente verrà vissuta in modi diversi, specie per chi ha già il sonno difficoltoso. Sarà un’ora in più per leggere o per preparare una bella colazione con la tavola apparecchiata per una