Coronavirus, finiti i posti letto al Cotugno e Monaldi. Nuovi 90 casi

Verso saturazione posti terapia intensiva in 2 ospedali città Napoli, 23 marzo - Sono 136 i pazienti ricoverati nelle strutture dell'Azienda dei Colli, di Napoli, tra gli ospedali Cotugno, centro di riferimento regionale per le malattie infettive, e Monaldi. La disponibilità di posti letto, in regime di ricovero ordinario, che comprende anche una quota di sub intensiva, è esaurita, perché quelli disponibili sono attualmente occupati. Dei 136 ricoverati, 127 sono casi confermati di positività al coronavirus, mentre per altri 9 pazienti si è in attesa dell'esito dei tamponi. In Terapia intensiva, al momento sono ricoverate 15 persone, in tutto. Nell'Ospedale Monaldi, si contano altri 6 posti letto 'liberi' nel reparto di terapia intensiva. A breve, al Cotugno saranno attivati nuovi posti letto

Intervento record al Monaldi di Napoli

Rimossa massa surrenale gigante utilizzando laparoscopia 3D Intervento chirurgico da record nell'azienda ospedaliera dei Colli di Napoli: il direttore della Uoc di Chirurgia Generale del Monaldi Diego Cuccurullo e la sua equipe sono riusciti ad asportare con la laparoscopia 3D una massa di 16 centimetri che interessava il surrene di un paziente di 55 anni. Le casistiche di masse surrenali giganti laparoscopicamente asportate riferiscono di rarissimi casi tra 8 e 14 centimetri. I chirurghi hanno portato a termine l'intervento senza complicanze anche grazie alle avanzate tecnologie delle sale operatorie del Monaldi. La rimozione della massa (pesata ben 240 grammi, quando, normalmente, un surrene ne pesa tra 4 e 6 grammi) ha richiesto una meticolosa dissezione grazie alla quale è stato possibile evitare

Al Monaldi arriva il robot Da Vinci per la chirurgia mininvasiva

"L'Azienda Ospedaliera dei Colli può ampliare ulteriormente l'offerta assistenziale in ambito chirurgico", annuncia il direttore generale Maurizio di Mauro. Napoli, 28 agosto - Installato nell'ospedale Monaldi di Napoli il robot Da Vinci, di ultimissima generazione: la piattaforma all'avanguardia per la chirurgia mininvasiva, nella struttura ospedaliera, è operativa già dal 2002 ed ora, con questa acquisizione, sarà possibile eseguire interventi di complessità sempre più elevata. "Si tratta di un'apparecchiatura dalle innumerevoli potenzialità che ci darà l'opportunità di effettuare interventi che prima era impossibile effettuare in via mininvasiva, come, ad esempio le ricostruzioni della parete addominale in caso di ernie ventrali particolarmente complesse e di fornire ulteriori vantaggi nella chirurgia del colon-retto", spiega Diego Cuccurullo, direttore della Uoc di Chirurgia Generale dell'Azienda Ospedaliera dei

Ospedale Monaldi, protesta del comitato genitori bimbi trapiantati

Chiusura cardiologia pediatrica al Monaldi, appello al presidente della Repubblica Mattarella Napoli, 15 marzo -  Manifestazione di protesta del comitato genitori bimbi trapiantati che hanno bloccato l'uscita dell'ospedale Monaldi. I genitori manifestano contro quelle che definiscono "le bugie" della Regione Campania e della direzione del Monaldi riguardo l'assistenza fornita ai piccoli pazienti. Il comitato denuncia che lunedì è morto un bimbo di 13 anni ricoverato in un reparto per adulti, e rivolge un appello al capo dello Stato Sergio Mattarella. La protesta - spiegano i rappresentanti del comitato - nasce dalla chiusura del reparto di Cardiologia e di Terapia intensiva pediatrica. "Un reparto - dice Dafne Palmieri, presidente del comitato oggi al settimo giorno di sciopero della fame - la cui attività è sospesa

Interventi al polmone: il Monaldi primo in Italia per l’adozione di tecniche mini-invasive

Oltre 560 interventi  dal 2011, anno di introduzione della nuova tecnologia, ad oggi, con un risparmio pari a 2 milioni di euro, grazie alla riduzione della degenza ospedaliera. Il Monaldi si conferma un’eccellenza e diventa il primo ospedale  in Italia per numero di interventi effettuati Napoli, 31 gennaio – Per il quarto anno consecutivo, con 160 interventi nel solo 2017, l’Azienda Ospedaliera dei Colli si conferma al primo posto in Italia per interventi chirurgici sui pazienti affetti da tumore al polmone con tecniche mini-invasive in videotoracoscopia o VATS (Video- assistedthoracoscopicsurgery). La nuova tecnologia, che ha completamente rinnovato la chirurgia toracica,  è stata introdotta nella struttura dal 2011 e fino ad oggi ne hanno beneficiato oltre 560 pazienti. Grazie ai nuovi sistemi gli interventi