Tangenziale di Napoli: automobilisti rischiano l’ennesimo aumento del pedaggio

Per gli utenti della tangenziale di Napoli, sarebbe il tredicesimo aumento di pedaggio dal 2001 ad oggi Potrebbe essere il tredicesimo aumento di pedaggio dal 2001, quello proposto dal Ministro Maurizio Lupi per l'A56, la Tangenziale di Napoli. L'ultimo, solo un anno fa, portò il prezzo da 90 a 95 centesimi. Ora, per i 270.000 utenti giornalieri dell'asse viario, potrebbe arrivare ad 1 euro. Il rischio, che potrebbe diventare reale ad inizio 2015, è contenuto nel piano di adeguamento delle tariffe autostradali, proposto dal titolare del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Il decreto, pronto ma non ancora firmato, nel frattempo sta provocando accese polemiche tra gli utenti. Qualcuno ha reagito mandando email al Ministero, altri pensano ad una class action. La

La “cara” Tangenziale di Napoli di Pomicino incassa le lamentele degli utenti

Paolo Cirino Pomicino decide e Benetton incassa 5 centesimi in più per il pedaggio Napoli, 20 gennaio - Il 1 gennaio il pedaggio della Tangenziale di Napoli è passato da 90 a 95 centesimi e da allora continuano ad arrivare in redazioni commenti e lamentele dei nostri lettori. Quello della Tangenziale di Napoli (A56) è un caso del tutto particolare dato che risulta essere l’unica in Italia ad avere un pedaggio che  che dal 2006 ad oggi il rincaro ha visto lievitare l'obolo da 65 centesimi a 95 con un aumento quindi del 46,15%. L'A56, 20 km di strade che permettono di raggiungere sia il centro di Napoli, che zona universitaria ed ospedaliera ancorché la provincia, è nata nel 1968 con lo strumento del project financing e il