Clima di veleni al Comune di Napoli, il vicesindaco Sodano si dimette

Alla base della decisione la scelta del Comune di costituirsi parte civile nel processo che lo vede imputato per truffa e abuso d'ufficio iper un progetto dello stesso Comune, in materia ambientale Napoli, 16 giugno - Tommaso Sodano si è dimesso dall'incarico di vice sindaco del Comune di Napoli e lascia la giunta de Magistris. Lo ha comunicato lo stesso Sodano in un incontro con la stampa. "Non avrei pensato di terminare il mio incarico prima della fine della consiliatura - ha detto Sodano - ma lo faccio per una scelta personale e ringrazio il sindaco de Magistris per l'esperienza". "Per lavorare c'è bisogno di un climna di lealtà, tranquillità e di solidarietà", ha aggiunto Sodano parlando invece di un clima di

Rimborsopoli: la Regione Campania non si costituisce parte civile

La Regione Campania non si costituisce parte civile nel processo “rimborsopoli” e qualora non dovesse farlo in seguito, i consiglieri indagati potranno partecipare alle prossime elezioni regionali campane Il Presidente della Regione Campania Stefano Caldoro, usa ancora la mano morbida contro i sette consiglieri, accusati a vario titolo di peculato e truffa in relazione all’utilizzo dei fondi assegnati ai gruppi in consiglio regionale. La Regione Campania, non si costituisce parte civile nel processo “Rimborsopoli” (vai all'articolo). Caldoro, prendendo tale decisione, fornisce un assist ai consiglieri indagati perchè permette loro di ricandidarsi alle prossime elezioni regionali campane. L’udienza, iniziata il 14 gennaio davanti all’ufficio del Gup di Napoli Francesco De Falco Giannone, vede alla sbarra l’ex capogruppo Udeur, oggi Ncd, Ugo De