Carceri campane, agenti aggrediti e droga in cella

Carceri campane ancora nell’occhio del ciclone: detenuto tenta di strangolare un Agente e poi aggredisce un poliziotto penitenziario a Carinola, trovata droga nel minorile di Airola Ancora violenza ed eventi critici negli Istituti Penitenziari della Campania e ad avere la peggio è sempre il personale della Polizia Penitenziaria. Spiega Emilio Fattorello,

Tre arresti per la truffa al concorso agenti di polizia penitenziaria

Blitz Nic-Gdf, 160 avvisi di chiusura indagini e perquisizioni Roma - Organizzarono una truffa durante il concorso per il reclutamento, nel 2016, di 400 allievi agenti del Corpo di polizia penitenziaria, divulgando materiale riservato tramite un soggetto legato alla società che si era aggiudicata l'appalto per l'elaborazione, la stampa e la

Napoli, aggressione in carcere a Poggioreale

L'aggressione nei confronti di poliziotti Penitenziari alla scoperta di un cellulare posseduto da un rivoltoso Campania penitenziaria ancora al centro delle cronache. L’ultimo grave episodio è accaduto a Napoli Poggioreale e lo racconta Emilio Fattorello, segretario nazionale per la Campania del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE: “Ancora violenza contro i poliziotti

Detenuto tenta la fuga dal Loreto Mare, ferito un agente

Bloccato dall' intervento di altri poliziotti penitenziari Napoli, 17 giugno - Movimentato inseguimento all'interno dell'ospedale Loreto Mare, a Napoli, dove un detenuto, che doveva sottoporsi a una visita, si è divincolato dal controllo ed ha iniziato a fuggire, inseguito da un agente penitenziario. A un certo punto il detenuto ha scavalcato un

Carceri, ancora un telefono cellulare sequestrato nel minorile di Nisida

Il sindacato di polizia penitenziaria SAPPE: “E’ in atto una dimostrazione di forza dei clan nei penitenziari contro lo Stato” Napoli, 15 maggio - Torna al centro delle cronache il carcere minorile di Nisida, dove alcuni giorni fa sono stati rinvenuti e sequestrati dalla Polizia Penitenziaria telefoni cellulari ed un detenuto

Agente penitenziario aggredito e sequestrato nel carcere minorile di Nisida

Il sindacato Uspp: "Basta con presenza maggiorenni tra detenuti istituto minorile" Napoli, 2 gennaio -  Un agente penitenziario - secondo quanto riferisce Ciro Auricchio, ispettore capo e segretario regionale del sindacato Uspp - è stato strattonato, aggredito a calci e pugni e poi sequestrato nell'istituto penale minorile di Nisida a Napoli da

Cosentino: soldi e posti di lavoro per la Polizia penitenziaria del carcere di Secondigliano in cambio di favori

Documenti, mozzarella ed informazioni in cambio di denaro. Così l'ex segretario si guadagna un trattamento di favore nel carcere di Secondigliano. Sotto accusa ora una guardia, il cognato e la moglie Nuova ordinanza di custodia cautelare per l'ex sottosegretario Nicola Cosentino, già detenuto in carcere e ora accusato di corruzione. Finisce