Concorso Scuola, 80 domande in 80 minuti e i precari si giocano il lavoro

E' scontro tra M5s e Sindacati. Su Facebook la senatrice Felicia Gaudiano pubblica una foto dove si legge "Azzolina stoppa i sindacati", poi la cancella "80 domande in 80 minuti. I minuti in cui si giocherà il futuro dei Lavoratori precari che attendevano che si passasse dal precariato infinito alla stabilizzazione, dalle promesse elettorali ai fatti. Fatti negati da questa maggioranza di governo ed in primis dal M5s che di parole ne ha spese a quintalate in campagna elettorale dalla parte dei precari". Questo il commento del professor Pasquale Vespa, presidente dell'Associazione nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori. 45 domande sulla propria classe di concorso, 30 domande sulle competenze didattico metodologico e 5 domande di lingua straniera. Senza fornire il database

Scuola, AnDDL a Bologna in difesa del diritto al lavoro

Appuntamento venerdì 17 gennaio alle ore 14,00 presso l'Istituto Aldini Valeriani via Bassanelli, 9/11 e Lumino Day, fiaccolata per il lavoro a piazza Maggiore "Dopo l''assemblea di Terni e la manifestazione di Roma sulle scale del Miur, seguita dalle fiaccolate di Napoli, poi Parma, Padova, Milano e ancora Napoli è ora la volta di Bologna. E siamo in procinto di organizzare altre assemblee e fiaccolate in tutta Italia per ribadire a lettere cubitali che la nostra battaglia è per il Diritto al Lavoro sancito dalla nostra Carta Costituzionale e questo deve essere rispettato in primis dallo Stato - così il presidente Pasquale Vespa, dell'Associazione nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori -. Non è possibile - continua il professor Vespa - che

AnDDL, il 2020 si apre all’insegna della protesta in nome della stabilizzazione dei precari della Scuola

Fissati già 3 appuntamenti a gennaio per rilanciare le proposte di stabilizzazione: corteo a Napoli il 3, Milano in assemblea il 9 gennaio e Bologna il 17 per assemblea e corteo di protesta nel cuore della città "La mobilitazione avviata 5 anni fa con l'Associazione nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori ed oltre un anno fa insieme ai sindacati era ed è per portare alla stabilizzazione decine di migliaia di lavoratori precari. Oggi quegli stessi precari si vedono penalizzati da una politica sorda che ha deciso numeri dei posti da mettere a bando, nettamente inferiori a quelli necessari per stabilizzare tutti i lavoratori che sono serviti allo Stato per garantire il funzionamento delle Scuole in questi anni, ed emesso sentenza:

Lumino Day, a Napoli nuovo appuntamento con la fiaccolata per il lavoro

La battaglia per la stabilizzazione dei precari va avanti. Venerdì 29 AnDDL convocata per un incontro al MIUR. Va avanti anche la Petizione AnDDL e le firme saranno consegnate a Bruxelles Lumino Day, fiaccolata per il Lavoro, la manifestazione organizzata da AnDDL a viale Trastevere su gradini del Ministero della Pubblica Istruzione a Roma, venerdì 22 novembre, vede un nuovo appuntamento organizzato per Napoli. La fiaccolata per il Lavoro organizzata dall'Associazione Nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori avrà un secondo appuntamento a Napoli, capitale della disoccupazione e del lavoro precario. I precari si danno appuntamento venerdì 6 dicembre dalle ore 16 a piazza Carità a poca distanza dalla sede del Pd Napoli. E nel frattempo va avanti anche la raccolta firme

LuminoDay, fiaccolata per il Lavoro. In Europa le firme della Petizione AnDDL

La Petizione AnDDL va avanti. Le firme saranno consegnate a Bruxelles a supporto di una denuncia che l'Associazione Nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori ha intenzione di presentare alla Commissione Europea Lumino Day, fiaccolata per il Lavoro, la manifestazione organizzata da AnDDL a viale Trastevere su gradini del Ministero della Pubblica Istruzione a Roma, ieri 22 novembre. E' stato un evento particolarmente sentito e partecipato. Sono accorsi a Roma da tutte le Regioni d'Italia i coordinatori territoriali dell'Associazione Nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori, insieme ai soci ed ai tanti precari che in queste settimane si sono attivati per la raccolta firme della Petizione per la Stabilizzazione di tutto il personale precario lanciata dal presidente AnDDL, il professor Pasquale Vespa. All'appello

Scuola: #LuminoDay, fiaccolata per il lavoro

La protesta della Scuola si concentrerà a Roma sulle scale del Ministero della Pubblica Istruzione di viale Trastevere con una fiaccolata sulle note di Mozart Ancora una volta i prof precari si mobilitano e questa volta lo faranno con un flash mob, denominato #LuminoDay, che vedrà illuminare le scale del Ministero della Pubblica Istruzione di viale Trastevere a Roma con una fiaccolata sulle note del Requiem di Mozart, a sottolineare la morte della scuola pubblica sotto la scure di interventi legislativi che ne hanno fortemente compromesso la mission. L'appuntamento è per venerdì 22 novembre alle ore 14.30 e ad organizzare la manifestazione di protesta è l'Associazione Nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori (AnDDL). Si parla tanto di continuità didattica e di

Scuola, Decreto “Salva Precari” o esodo in massa per decine di migliaia di lavoratori?

60mila docenti precari attendono la fase di stabilizzazione che anche questa volta non ci sarà Dopo mesi di confronto con le sigle sindacali rappresentative CGIL CISL UIL SNALS e GILDA e un accordo siglato l'11 giugno e sfumato dopo la crisi di governo di agosto, il primo ottobre va in porto un accorto tra governo e sindacati che lascia l'amaro in bocca a tutti i precari della scuola. Un risultato, quello raggiunto, che ha visto anche un ritardo nella pubblicazione in Gazzetta Ufficiale per la mancata firma del Capo dello Stato Sergio Mattarella. Profili di incostituzionalità e tanti esclusi hanno prodotto un testo che, dopo qualche modifica, ha poi visto incardinare il testo firmato nell'iter parlamentare con l’assegnazione alle commissioni parlamentari competenti,

Scuola: #LuminoDay, fiaccolata per il lavoro. AnDDL dà appuntamento ai precari a Roma

Raccolta firme e fiaccolata per la stabilizzazione dei precari della scuola a Roma il 22 novembre a viale Trastevere Venerdì 22 novembre alle ore 14.30 l'Associazione Nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori (AnDDL) organizza una manifestazione ed un flash mob per chiedere ancora una volta la necessaria Stabilizzazione dei Lavoratori Precari Storici che hanno consentito in questi anni il corretto funzionamento della Scuola Statale. "A differenza di altri - dice il presidente Pasquale Vespa - noi non abbiamo mai cambiato idea. I docenti con pluriennale esperienza sono già stati selezionati sul campo e il Concorso Straordinario non ha nulla di straordinario se non le tante falle che ha fatto sì che innanzitutto il Capo dello Stato ne ritardasse la firma e

AnDDL lancia una raccolta firme per la stabilizzazione dei precari della scuola

L'Associazione Nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori lancia una raccolta firme in tutta Italia: coinvolti docenti precari e personale ATA Una nota stampa di AnDDL fotografa lo stato di profondo malessere vissuto dai precari della scuola che attendevano il 4 settembre la pubblicazione del "Salva Precari". Nel frattempo l'insediamento a viale Trastevere del neo ministro Lorenzo Fioramonti e il susseguirsi di dichiarazioni successive preoccupano non poco i docenti che attendono di essere stabilizzati e non nuovamente penalizzati. "Siamo stanchi di leggere continui cambi di opinione a seconda di come gira il vento politico. - E' il commento del professor Pasquale Vespa, presidente dell'Associazione Nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori -.  Dall'insediamento del nuovo ministro dell'istruzione siamo passati già da un

Buon lavoro al ministro Fioramonti dai Precari della Scuola. AnDDL: “Chiediamo incontro”

L'Associazione costituita da docenti precari chiede di parlare con il ministro. "Ci ascolti, abbiamo proposte condivise con chi la scuola la vive" "Auguri di buon lavoro al neo Ministro dell’istruzione dell’Università e della Ricerca italiana Lorenzo Fioramonti. A lui le nostre congratulazioni per il nuovo ed impegnativo incarico. Un incarico che ha onori ed oneri, tra i quali quello di non stravolgere la vita dei lavoratori del ministero che da oggi rappresenta ma di migliorare la qualità della vita di tutti: studenti e docenti", così in una nota stampa l'Associazione Docenti per i Diritti dei Lavoratori presieduta dal professor Pasquale Vespa. "Chiudere la piaga del precariato di scuola, università e enti di ricerca” è una delle affermazioni del nuovo inquilino di viale

Docenti precari, AnDDL: “In piazza ma NO alle strumentalizzazioni politiche”

Vespa, presidente Associazione Nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori: "Il 4 settembre saremo in piazza Montecitorio per la stabilizzazione dei precari. Diciamo NO alle strumentalizzazioni politiche e invitiamo i vertici di CGIL CISL UIL SNALS GILDA, firmatari dell'accordo dell'11 giugno, ad unirsi a noi lavoratori" Napoli, 1 settembre - "Leggo di fantomatici colleghi che dalla Sicilia verrebbero in piazza a Roma per manifestare contro il governo in formazione. E noi diciamo un netto e chiaro NO alle strumentalizzazioni politiche. La nostra manifestazione ha una ed una sola finalità ovvero chiedere la stabilizzazione dei docenti precari". Queste le dichiarazioni del professor Pasquale Vespa, presidente dell'Associazione nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori in vista della manifestazione organizzata per il 4 settembre

Monta la protesta dei docenti precari di Terza Fascia. Vespa (AnDDL): “Contro la politica che non decide saremo nuovamente in piazza”

L'Associazione nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori organizza una nuova manifestazione di protesta a Roma, il 4 settembre in piazza Montecitorio a partire dalle ore 9,30, per la stabilizzazione dei docenti precari con pluriennale esperienza "È emergenza sociale - scrive il professor Pasquale Vespa, presidente dell'Associazione Nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori e Coordinatore UIL Scuola Precari. A settembre saranno 180mila i contratti a tempo determinato per mancanza di docenti di ruolo. Ancora un anno in emergenza! E ancora di più degli anni passati! Stabilizzare i docenti precari si deve e si può". E qui la proposta si fa di una semplicità estrema, a mo' di sfida verso i politici di tutti gli schieramenti che, dice il professor Vespa, "predicano

A Roma ad agosto costretti ancora a protestare, Vespa (AnDDL): “Stabilizzare tutti i precari e abilitare tutti gli ingabbiati”

Mercoledì 7 agosto i “Disoccupati di Stato” e i docenti di ruolo “ingabbiati” manifestano insieme a piazza Montecitorio Napoli, 1 agosto - "Ed anche il mese di luglio è trascorso nell'attesa di un decreto urgente che non arriva mai! Dopo oltre 3 mesi da quel 24 aprile 2019, data dell'accordo che poi ha dato l'avvio ad un tortuoso confronto Governo, Miur e Sindacati conclusosi con la firma dell'11 giugno, i precari della scuola sono ancora in attesa del “veicolo normativo” più veloce per dare attuazione a quanto deciso". Così, in una nota stampa, il professor Pasquale Vespa, presidente dell'Associazione Nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori e Coordinatore UIl Scuola Precari. "Intanto Settembre è alle porte e si prevede un nuovo anno all'insegna

Precariato, Vespa: “La battaglia riparte da Siracusa con l’assemblea sindacale UIL Scuola”

Riprendono le assemblee UIL Scuola - AnDDL: "In attesa che si materializzi quel tanto sospirato "veicolo normativo" per l'emendamento che deve condurre alla stabilizzazione e all'abilitazione di 55mila precari" L'appuntamento con la prossima Assemblea Sindacale della UIL Scuola è per l'8 luglio a Siracusa. L'incontro si terrà alle ore 9,00 presso I.I.S.S. Liceo Artistico “A. Gagini” di Via Piazza Armerina n. 1 e vedrà la partecipazione di Claudio Parasporo, Segretario Generale Regionale UIL Scuola Sicilia, di Pasquale Vespa, Coordinatore UIL Scuola Precari e presidente dell'Associazione nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori e di Mario Rubino, Segretario Generale Territoriale UIL Scuola Siracusa. "Dopo le tante assemblee e manifestazioni della prima metà di quest'anno, ora ripartiamo dal Sud, - si legge in una nota