G7 dei Parlamenti, delegazioni accolte a Napoli da de Magistris e dal cardinale Sepe

Il presidente della Camera Laura Boldrini: “Napoli mi sembra piena di turisti. È una città che ha una grande forza attrattiva” Napoli, 9 settembre – Le delegazioni del G7 dei Parlamenti, dopo che a Roma si è aperta la 15esima Conferenza dei Presidenti delle Camere basse dei Paesi del G7, nella giornata di venerdì hanno fatto tappa a Napoli. Ad accogliere la presidente della Camera Laura Boldrini e i suoi omologhi, il sindaco Luigi de Magistris e il Cardinale Crescenzio Sepe. “Quando si organizza la conferenza del G7, i presidenti hanno piacere a mostrare le bellezze del loro Paese. A me, quindi, è venuto spontaneo portarli qui a Napoli, che è una delle nostre capitali della cultura, un luogo di contaminazione

#VentiRighe – Trump e Clinton, due impresentabili con diverse sfumature di grigio

L'"insalata mista", ricca di insulti, volgarità, spiate, corna, sessismo, omofobia, razzismo, gossip, intrusioni di hacker, è servita Sulla tavola degli americani e del mondo il piatto del menu fisso è stato per l’allucinante durata di troppi mesi l’“insalata mista” ricca di insulti, volgarità, spiate, corna, sessismo, omofobia, razzismo, gossip, intrusioni di hacker delle due sponde, furibondi botta e risposta di fanatici ultra pro Trump ed esaltati tifosi della Clinton. Liberarsene è certamente un sollievo che sottrae l’opinione pubblica degli States e dell’intera umanità al supplizio di titoli, editoriali, dossier, che hanno saturato come invasioni barbariche il mondo dei media. Vista da altra angolazione la fine della competizione per succedere a Barak Obama apre scenari preoccupanti. Qualcuno, interprete di sentimenti diffusi, si è chiesto

Il Porto di Napoli ha il nuovo presidente, Delrio nomina Spirito

Si attende ora il parere favorevole del Parlamento Napoli, 3 novembre - Il ministro per le Infrastrutture, Graziano Delrio, ha firmato il decreto di nomina di Pietro Spirito a presidente dell'Autorità Portuale del mar Tirreno centrale, che comprende tra l'altro il porto di Napoli Delrio ha inviato questa mattina la lettera di nomina al presidente del Senato affinché venga espresso il parere parlamentare, così come previsto dalla legge.

Città metropolitana di Napoli, le Acli: e adesso si proceda con l’attuazione della Legge Delrio

In queste ore verranno diffusi i nomi dei 24 consiglieri che siederanno nell’Assemblea della città metropolitana, questa la dichiarazione di Gianvincenzo Nicodemo, presidente delle Acli metropolitane di Napoli Napoli, 10 ottobre - "La Città metropolitana - commenta Gianvincenzo Nicodemo, presidente delle Acli metropolitane di Napoli - è un ente importante quanto sconosciuto". Il presidente delle Acli metropolitane sottolinea infatti che "quella della città metropolitana è una grande opportunità: potrebbe diventare veramente uno spazio di programmazione di area vasta con una ricaduta positiva non solo sulla qualità dei servizi pubblici, ma anche sulla stessa economia di un territorio che è relativamente piccolo ma che raccoglie più della metà della intera Regione". La Città metropolitana di Napoli è infatti una delle tre città metropolitane

Consiglio comunale di Napoli, il 18 luglio la prima riunione dopo le amministrative

La prima seduta della nuova consiliatura si svolgerà lunedì 18 luglio intorno alle ore 11 nella Sala dei Baroni al Maschio Angioino. A presiederla il consigliere anziano Gabriele Mundo Napoli, 12 luglio – È stata convocata dal sindaco Luigi de Magistris la prima riunione del nuovo Consiglio comunale di Napoli. La seduta si terrà lunedì 18 luglio intorno alle ore 11.00 nella sala dei Baroni al Maschio Angioino e sarà presieduta dal consigliere anziano Gabriele Mundo. L'ordine dei lavori prevede l'esame delle condizioni di eleggibilità e compatibilità dei consiglieri eletti, l'elezione del presidente del Consiglio comunale, l'elezione dei due vicepresidenti del Consiglio, la comunicazione di appartenenza al gruppo consiliare da da parte dei consiglieri. A seguire il giuramento del sindaco, la

Olio dalla Tunisia, Coldiretti: il made in Italy si difende quando si fa la spesa

L'olio di oliva al centro del dibattito della Coldiretti Dopo la mobilitazione, a Catania, di numerosi contadini scesi in piazza per difendere il prodotto agricolo italiano, ormai a rischio con l’entrata in scena di prodotti provenienti dall’Estero, Roberto Moncalvo, Presidente della Coldiretti, ha affermato: “Dopo che nel 2015 in Italia sono aumentate del 481% le importazioni dell’olio di oliva della Tunisia, per un totale di oltre 90 milioni di chili, è un errore l'accesso temporaneo supplementare sul mercato dell'Unione di 35mila tonnellate di olio d'oliva tunisino a dazio zero, per il 2016 e 2017.” Al centro dell’attenzione c’è “l’olio”. Con le varie agevolazioni, quasi l’intero import in Italia proviene dal paese africano. La grande preoccupazione, sottolineata dal Presidente della Coldiretti, è

Città metropolitana di Napoli, domani si riunisce il Consiglio

All’ordine del giorno, tra le altre cose, l’elezione del Presidente e del Vicepresidente della Commissione Statutaria Il Sindaco metropolitano Luigi De Magistris, ha convocato per domani 17 dicembre alle ore 11, il Consiglio Metropolitano di Napoli, che si riunirà nel plesso monumentale di Santa Maria la Nova. Oltre alla discussione sugli ordini del giorno presentati, vi sarà da risolvere la questione relativa all'elezione del Presidente e del Vicepresidente della Commissione Statutaria ai sensi art. 7 comma 2 del Regolamento provvisorio per il funzionamento del Consiglio Metropolitano. Nella scorsa seduta il Consiglio Metropolitano aveva approvato un ordine del giorno riguardante l'esclusione dei fondi fondi investiti per la tutela del territorio, il trasporto pubblico, per la manutenzione ed il ripristino dell’edilizia scolastica e degli assi

Il discorso del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano a Pesaro in occasione delle celebrazioni per il 25 aprile.

Roma 25 aprile 2012. Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano a Pesar per le celebrazioni del 67° anniversario della Liberazione. Alcuni passi del discorso del Presidente: «abbiamo bisogno della politica come impegno inderogabile che nella Resistenza venne da tanti riscoperto per essere poi quotidianamente praticato». Ed ancora sul ruolo dei partiti: «Nulla ha potuto e può sostituire il ruolo dei partiti, nel rapporto con le istituzioni democratiche. Occorre allora impegnarsi perché dove si è creato del marcio venga estirpato, perché i partiti ritrovino slancio ideale, tensione morale, capacità nuova di proposta e di governo». A proposito delle riforme, il Presidente aggiunge: «sollecitare anche con accenti critici, riforme istituzionali e politiche; e mi rammarico che si sia, in questa legislatura e nella precedente, rinunciato a