Napoli, turista rapinata e ferita

Ricoverata all'ospedale Vecchio Pellegrini, prognosi di sette giorni Napoli, 28 giugno - Una turista greca di 53 anni è stata rapinata di un orologio del valore di 13 mila euro e ferita, dopo essere caduta a terra nel tentativo di reazione all'aggressione subito da parte di due uomini che si trovavano a bordo di uno scooter, in via Monteoliveto a Napoli e che subito dopo si sono allontanati. La donna è stata portata all'ospedale Vecchio Pellegrini. Per lei una prognosi di sette giorni per contusioni e un trauma cranico.

Rapinano coppia armati di pistole giocattolo: arrestati tre giovani

Fermati Antonio Volpe, 21 anni, Raffaele Celentano, 19, e Giuseppe Staiano, 18, tutti di Vico Equense Napoli, 6 gennaio - Armati di pistole a salve, e con il volto coperto, bloccano e rapinano una coppia: identificati e arrestati dai carabinieri, si tratta di tre giovani tra i 18 e i 21 anni tutti incensurati. E' accaduto in località Bonea a Vico Equense (Napoli). Bottino un portafoglio con 150 euro. I carabinieri li hanno identificati e arrestati per rapina aggravata. Sono Antonio Volpe, 21 anni, Raffaele Celentano, 19, e Giuseppe Staiano, 18, tutti di Vico Equense. I tre sono agli arresti domiciliari. La refurtiva è stata ritrovata a casa di uno dei tre ed è stata restituita alle vittime. Ritrovate le tre pistole,

Rapinatore ferito nella provincia di Napoli

L'uomo dinanzi ai carabinieri ha detto di aver subito un'aggressione per scippo Il 42enne Ciro Palma Esposito, con diversi precedenti per rapina ed estorsione, ieri sera è stato ferito nella zona di Bacoli in circostanze ancora da capire. Non si conoscono neanche le identità degli aggressori ma su questo sta indagando la polizia. Una volta arrivato al pronto soccorso sono state subito avvertite le forze dell'ordine e l'uomo ha affermato agli agenti di polizia di essere stato avvicinato da due persone che in sella ad uno scooter hanno esploso due proiettili che  lo hanno raggiunto alla gamba ed al braccio. L'uomo adesso è ancora ricoverato all'ospedale La Schiana di Pozzuoli e nonostante i proiettili non è in fin di vita.

Banda del buco, a Napoli sventata rapina alla gioielleria Cartier

I malviventi sono stati arrestati grazie ad una segnalazione Napoli, 17 novembre - I malviventi avevano appena terminato di forare la rete fognaria in prossimità della gioielleria Cartier di via Calabritto, il foro aveva il diametro di circa 50 cm, quando la centrale operativa della polizia di Stato di Napoli, stamane, ha ricevuto una segnalazione di persone che stavano entrando nel condotto fognario. Le forze dell'ordine hanno immediatamente allertato gli addetti del servizio fognario del comune e sono entrati a loro volta per effettuare un controllo, proprio da questo controllo sono stati ritrovati alcuni malviventi, esperti nel rapinare gioiellerie attraverso le fognature. E' probabile che quella fosse la fase di pianificazione del colpo dato che i rapinatori erano disarmati. Un grosso sollievo per

Ercolano, rapinatori uccisi: non si esclude la possibilità che ci fosse un complice

Proseguono le indagini dei carabinieri per ricostruire i dettagli della rapina compiuta ieri ai danni di un titolare di preziosi ad Ercolano che ha reagito uccidendo i banditi, Bruno Petrone, 53 anni, e Luigi Tedeschi, 51 anni, entrambi residenti a Napoli e con precedenti; si cerca di capire, tramite dichiarazioni di testimoni, se vi fosse anche un complice pronto a segnalare ai due rapinatori le mosse dell'imprenditore Napoli, 8 settembre - La Procura della Repubblica di Napoli continua le indagini sulla rapina di ieri a Ercolano finita in tragedia, con la morte dei due banditi Bruno Petrone, 53 anni, e Luigi Tedeschi, 51 anni, entrambi residenti a Napoli e con precedenti, per mano del gioielliere che stavano derubando. Gli inquirenti stanno cercando di capire se

Ercolano, reagisce a rapina e uccide due banditi fuori un deposito di detersivi

L'obiettivo dei rapinatori era un uomo (forse un cliente del deposito) che aveva da poco prelevato denaro contante da uno sportello bancomat. I banditi lo avrebbero seguito fino al parcheggio del deposito dove gli hanno intimato di consegnare il denaro. L'uomo, dopo aver consegnato il denaro ai due, avrebbe estratto la pistola facendo fuoco Ercolano, 7 ottobre - Due banditi sono stati uccisi in un tentativo di rapina fuori un negozio di detersivi e bibite che si trova in via Alveo. Secondo una prima ipotesi dei Carabinieri, a uccidere, con colpi d'arma da fuoco, i due rapinatori, sarebbe stato il titolare del negozio. Ipotesi poi smentita, infatti, i due rapinatori che sono stati freddati nel piazzale antistante il deposito, sono stati colpiti da un cliente del negozio stesso e

Bevono una birra e poi rapinano barista e clienti: incastrati dalle telecamere

I due rapinatori sono entrati in un bar fingendosi clienti, hanno ordinato una birra e poi con una pistola hanno rapinato tutti, ma sono stati incastrati dalle telecamere Succede a Cercola (Napoli), sono state arrestate due persone con l'accusa di rapina a mano armata: Francesco Leonardo, 36enne di Caivano e Francesco Esposito, 24enne napoletano. Sono le sei del mattino, due rapinatori entrano tranquillamente in un bar fingendosi clienti e ordinano una birra. Dopo aver bevuto un ultimo sorso, Esposito estrae con velocità una pistola semiautomatica, la carica, e rapina barista e clienti. Una rapina che poteva andare "liscia come l'olio", se non fosse stato per un piccolo particolare: la scena è stata interamente ripresa dalle telecamere. Infatti i carabinieri della tenenza di Cercola

17enne rapina lo scooter a poliziotto e viene ferito a gambe e glutei

Ricercato il complice, il ragazzo ferito è stato trovato a Mugnano Napoli, 29 settembre - In due, a bordo di uno scooter, affiancano un altro scooter. Puntano una pistola contro il centauro, gli dicono di consegnargli il suo mezzo. Lui consegna tutto poi reagisce sparando alcuni colpi di arma da fuoco. Ennesimo 'fatto' di sangue nel Napoletano dove a sparare è un poliziotto che aveva da poco terminato di lavorare e dove a restare ferito, alle gambe e al gluteo, è un 17enne. I carabinieri, ora, cercano il complice. Ma intanto la dinamica sembra essere chiara. Mentre il poliziotto segnalava alla sua centrale operativa di aver subito la rapina e di aver sparato alcuni colpi di arma da fuoco, ai carabinieri è arrivata la

Napoli, accoltellato mentre fa footing nei pressi del Bosco di Capodimonte

Giovane di 27 anni reagisce al tentativo di rapina e viene ferito Napoli, 11 settembre - Un giovane di 27 anni è stato ferito in un tentativo di rapina mentre stava facendo footing a Napoli. Si trovava nella zona di via Miano, vicino al Bosco di Capodimonte, quando è stato avvicinato da due giovani a bordo di uno scooter che hanno tentato di rapinarlo. Di fronte alla sua reazione, lo hanno accoltellato all'addome e al polso. Ricoverato all'ospedale Cardarelli è in prognosi riservata ma non in pericolo di vita. Sul fatto indaga la Polizia.

Presi gli assassini di Anatolij. Tentò di sventare una rapina al supermercato

Secondo quanto si è appreso, si tratta di Marco Di Lorenzo e Gianluca Ianuale, fratellastri e figli del boss Ianuale Sono stati fermati i responsabili dell'omicidio di Anatolij Korov, 38enne di origini ucraine, che sabato scorso perse la vita a Castello di Cisterna per aver tentato di sventare una rapina mentre era a fare la spesa in compagnia della figlioletta di quasi due anni (vai all'articolo). I killer, sono stati fermati questa notte dai Carabinieri di Castello di Cisterna mentre erano in Calabria. Secondo quanto si è appreso, si tratta di Marco Di Lorenzo e Gianluca Ianuale, fratellastri e figli del boss Ianuale. L'avvocato dei fermati ha spiegato che i suoi assistiti hanno confessato tutto, fornendo anche gli elementi per recuperare la

Tenta di sventare una rapina al supermercato, ucciso dai malviventi

La vittima è un di 38enne di origini ucraine, era a fare la spesa con la figlia di quasi due anni Castello di Cisterna, 30 agosto - Ha cercato di sventare una rapina al supermercato vicino casa ed è stato ucciso dai malviventi. La vittima si chiamava Anatolij Korov, un 38enne di origini ucraine. E' accaduto ieri sera a Castello di Cisterna, nel Napoletano, l'uomo era a fare la spesa in compagnia della figlioletta di quasi due anni. Mentre usciva dal supermercato Piccolo di via Selva, ha notato i rapinatori ed ha cercato di fermarli. Korov si è avventato su uno di loro che minacciava una cassiera con una pistola in pugno, intimandole di consegnare l'incasso. Nella colluttazione i rapinatori hanno esploso alcuni

Armati di coltello minacciano e rapinano una signora, arrestati 2 fratelli

Uno dei due fratelli è un minore di 16 anni già noto alle forze dell'ordine Napoli, 28 agosto - I Carabinieri del nucleo radiomobile di Napoli hanno tratto in arresto per rapina aggravata in concorso e per resistenza a pubblico ufficiale due fratelli: di 21 anni e 16 anni, entrambi del rione Amicizia. Il minorenne è già noto alle forze dell'ordine. I due ragazzi sono stati sorpresi in via Ugo Niutta. Armati di coltello avevano appena rapinato la borsa ad una 41enne ferma in strada ad aspettare degli amici. Alla vista dei Carabinieri si sono dati alla fuga saltando in sella a uno scooter privo di targa. Inseguiti e raggiunti, sono stati bloccati in via Solario ove hanno tentato di opporsi all’arresto. Disarmati e bloccati dopo

Napoli: 26enne aggredito e rapinato del ciclomotore

L'uomo ha provato a reagire ma è stato ripetutamente colpito dai rapinatori La scorsa notte un 26enne in compagnia della sua fidanzata è stato aggredito da un gruppo di persone che avevano come obiettivo rubare la moto del ragazzo. L'episodio si è verificato mentre l'uomo percorreva via colonello Lahalle. I rapinatori per intimorirlo lo hanno minacciato armati e al momento della reazione del ragazzo lo hanno colpito al volto diverse volte. Dopo aver subito l'aggressione ha immediatamente allertato le forze dell'ordine ed ha raggiunto il pronto soccorso, la prognosi è di 25 giorni. Al momento le forze di polizia sono alla ricerca del mezzo rubato, si cercano eventuali rapinatori della zona.

Scappano a bordo di uno scooter dopo una rapina, cadono e vengono arrestati

Il colpo con una arma giocattolo, recuperati 1200 euro Napoli, 20 agosto - Dopo un colpo ad un supermercato si sono dati alla fuga in sella ad uno scooter. Hanno però hanno perso il controllo del mezzo e sono rovinati a terra. Nel frattempo è giunta la polizia che ha arrestati i due rapinatori. Si tratta di un ragazzo di 20 anni e di un 17enne. Il fatto è avvenuto in via Alveo Artificiale, nel quartiere napoletano di San Giovanni a Teduccio. La polizia ha rinvenuto la pistola giocattolo usata per la rapina. Trovati anche 1200 euro e buoni pasto per 278 euro. (Ansa)