Incontri Internazionali del Cinema di Sorrento, omaggio al Regno Unito 

Il “drama” tra il piccolo e grande schermo e un focus sul Regno Unito Sarà dedicata al genere “drama” l'edizione 2018 degli Incontri Internazionali del Cinema di Sorrento che si terrà dal 18 al 22 aprile nella cittadina costiera, organizzata da Cineventi, con la direzione artistica di Remigio Truocchio, il sostegno della Regione Campania e in collaborazione con la Film Commission Regione Campania. La kermesse è promossa dal Comune di Sorrento, guidato dal sindaco Giuseppe Cuomo, organizzata dall’Assessorato agli Eventi, retto da Mario Gargiulo, con il coordinamento del dirigente del Settore Cultura, Antonino Giammarino, autore del nuovo format. Con l'omaggio al Regno Unito si riconferma, dopo la scorsa edizione dedicata alla Francia, il focus degli “Incontri” che accenderà ogni anno i riflettori sulla produzione audiovisiva di un Paese: 5 giornate di lavori, che vedranno l’alternarsi di proiezioni, anteprime, retrospettive,

Lavoro, 90mila italiani trasferiti all’estero in un anno: Regno Unito e Germania le mete preferite

Milano è in testa con quasi 3.300 cambi di residenza verso l’estero di connazionali tra 18 e 39 anni, seguita, per numeri assoluti, da Roma (2.949), Napoli (1.885) e Torino (1.653) Milano, 5 gennaio - Secondo studi della Camera di commercio di Monza e Brianza sono 90mila gli italiani che nel 2014 hanno trasferito la loro residenza all'estero, il 30,7% in più rispetto al 2012; tra questi circa la metà del totale è rappresentata da giovani con meno di 40 anni (3,3 trasferiti all'estero ogni mille under 40, in aumento del 34,3%), a questo dato incide soprattutto la percentuale di disoccupazione giovanile, giunta ormai al 44,2%, che spinge i più giovani a costruirsi un futuro migliore lontano dalla patria natale. Milano è la città con più cambi di residenza verso

Non solo capitone. Le tradizioni a tavola dalla Norvegia agli States passando per il Messico, cibi natalizi in giro per il mondo

Quale migliore occasione, se non le feste natalizie, per allargare gli orizzonti, anche quelli culinari? Mentre in Italia ci si prepara ad imbandire la tavola con cappelletti in brodo e casoncelli, baccalà e capitone, polenta e gnocchi all'anatra, frutti di mare, cappone o abbacchio, fritto misto di verdure, nel mondo i piatti tradizionali di questo periodo dell'anno sono i più disparati. Tipico dei paesi nordici è il cervo arrosto, la salsiccia di renna in particolare in Norvegia. In Russia si gusta aringa, salmone affumicato e caviale rosso e nero, in Repubblica Ceca si preferisce la carpa, mentre in Francia e anche in Romania si prediligono piatti a base di carne di maiale. Sulle tavole anglosassoni (Regno Unito e Stati Uniti), come anche in Spagna,