Aggredito da baby gang è in rianimazione al Cardarelli

Immigrato del Bangladesh ferito per aver reagito a furto. L'aggressione nei pressi del lungomare Caracciolo Accerchiato da una baby gang che ha tirato anche una pietra colpendo al volto un immigrato originario del Bangladesh, 39 anni, rimasto ferito gravemente e ora ricoverato in rianimazione all'ospedale Cardarelli di Napoli. L'aggressione si è verificata domenica sera in via Generale Orsini, poco distante dal lungomare di via Partenope, a Napoli. Secondo quanto riferisce Repubblica l' ambulante, che era in compagnia di un connazionale, stava rientrando verso la sua abitazione ai Quartieri spagnoli dopo aver stazionato con un carrettino di fronte agli alberghi di via Partenope. Verso la mezzanotte i due sono stati accerchiati da un gruppo di ragazzini che gli avrebbero rubato una delle cover.

E’ in rianimazione 14enne ferito da proiettile vagante

L'episodio di violenza a Parete, colpo sparato da un terrazzo. Indagano i carabinieri Caserta, 25 dicembre - E' ricoverato in gravissime condizioni nel reparto di Rianimazione dell'ospedale di Caserta un 14enne di Parete che ieri sera è stato ferito al capo da un proiettile vagante mentre era seduto su una panchina con alcuni amici nei pressi di un bar in via Vittorio Emanuele, sul corso principale del paese. Secondo la prima ricostruzione delle forze dell'ordine, il proiettile sarebbe stato sparato da un terrazzo. L'adolescente è stato prima condotto nell'ospedale Moscati di Aversa e poi trasferito a Caserta dove è stato operato d'urgenza per l'estrazione del proiettile. Sul fatto indagano i carabinieri che hanno visto le registrazioni delle telecamere di sorveglianza di alcuni

Sanità, Ciarambino (M5S): “La rianimazione dell’Ospedale di Nola inaugurata tre giorni fa non è ancora operativa”

La capogruppo pentastellata in Consiglio regionale: “Inconcepibile inaugurare reparti e non garantirne la funzionalità” Napoli, 2 febbraio – “Ancora una volta tocca al Movimento 5 Stelle svelare i bluff del presidente De Luca. Il nuovo reparto di rianimazione dell'ospedale di Nola, inaugurato in pompa magna da quest'ultimo appena tre giorni fa, non è ancora operativo”. Lo ha affermato la capogruppo pentastellata in Consiglio regionale, Valeria Ciarambino. “Un paziente, giunto in arresto cardiaco – ha spiegato la consigliera –, è stato trasferito in un altro nosocomio visto che nella vecchia rianimazione i sei posti letto disponibili erano occupati e la nuova rianimazione scandalosamente è ancora un reparto fantasma. Il presidente De Luca è un professionista dei tagli di nastro, ma il nuovo reparto

È morto il 26enne colpito in casa da un proiettile vagante la vigilia di Natale

Si indaga sui bossoli di pistola ritrovati di fianco l'abitazione, a vico Zite nel quartiere di Forcella Napoli, 30 dicembre — Non ce l’ha fatta il giovane polacco ferito alla testa da un proiettile vagante la sera della vigilia di Natale mentre si trovava nella propria abitazione seduto tranquillamente sul divano. Giorgi Goradze, secondo quanto riferisce la polizia, è morto ieri in ospedale dopo cinque giorni di agonia nel reparto di Rianimazione del Loreto Mare dove era ricoverato. Il giovane era stato trasferito d’urgenza in ospedale, ma le sue condizioni erano apparse da subito molto gravi, l’attività celebrale risultava assente. Continuano le indagini della polizia per far chiarezza sulla dinamica di quanto accaduto nell’abitazione a vico Zite, nel quartiere di Forcella. L’unica pista