Coronavirus, è di Procida capo team

Le tre donne che hanno isolato il virus abituate alle emergenze E' tutto al femminile il team di ricercatrici italiane che allo Spallanzani di Roma, ha isolato il nuovo coronavirus. Tre donne, protagoniste dell'impresa che consentirà di sviluppare terapie ed un possibile vaccino. Maria Capobianchi la direttrice del laboratorio di Virologia dell'Inmi Spallanzani 67enne nata a Procida, laureata in scienze biologiche e specializzata in microbiologia, dal 2000 lavora allo Spallanzani. Concetta Castilletti, 56 anni, siciliana di Ragusa responsabile della Unità dei virus emergenti, specializzata in microbiologia e virologia. La giovane ricercatrice Francesca Colavita, 30 anni di Campobasso da 4 anni al lavoro nel laboratorio dopo diverse missioni in Sierra Leone per fronteggiare l'emergenza Ebola. Un podio "rosa" che viene dal Mezzogiorno d'Italia

Napoli, EnergyMed 2020 bonifiche in primo piano

Al centro della XIII edizione di EnergyMed ci saranno le bonifiche dei territori martoriati negli anni scorsi dallo sversamento criminale di rifiuti. Si svolgerà dal 26 al 28 marzo alla Mostra d’Oltremare di Napoli Il progetto di "Hub Tecnologica Campania", nasce per promuovere il valore del risanamento del territorio e del recupero ambientale in Campania e ha scelto EnergyMed come suo primo evento strategico. l'incontro prevederà conferenze tecniche e scientifiche, momenti di confronto tra esperti, colloqui con i cittadini e con le scuole di Giugliano. Inolte, per verificare quello che è stato fatto e il percorso ancora da intraprendere, visite direttamente sulla Terra dei fuochi.  Insomma, "Hub Tecnologica Campania” porterà a Napoli un evento centrato sul tema delle tecnologie e sulle

A Napoli il più grande polo nazionale di ricerca, formazione e investimento nel campo delle nuove tecnologie applicate ai beni culturali

L’idea del Rettore Lucio d’Alessandro illustrata in occasione di un convegno sulle nuove sfide dell’Unione Europea “A Napoli può nascere il più grande polo nazionale di ricerca, formazione e investimento nel campo dei beni culturali e delle sue tecnologie più avanzate”. Lo ha annunciato il Rettore dell’Università Suor Orsola Benincasa, Lucio d’Alessandro, aprendo, al fianco del Ministro per gli Affari Europei, Vincenzo Amendola, il convegno dedicato al tema “La Brexit e le nuove sfide dell’Unione Europea”. Una riflessione ideata dal Suor Orsola ad un anno dall’inaugurazione del suo Centro per gli Affari Internazionali di Bruxelles. “Ho illustrato questa ipotesi al Ministro Amendola in un incontro preliminare al convegno - ha evidenziato d’Alessandro - ed ho colto con soddisfazione la sua disponibilità ad una

Ricerca della CGIA di Mestre: sprechi nelle grandi città, risparmi nei piccoli Comuni   

Uno spreco annuo di 7,5 miliardi di euro con un differenziale di oltre 500 euro tra le spese pro capite dei Comuni con oltre 100mila abitanti e quelle degli altri. La ricerca sarà presentata a Napoli il 24 giugno In Italia i Comuni incidono solo per l’1,6% sul debito pubblico che per il 96,3% dipende dalle spese delle Amministrazioni centrali. Nel nostro Paese c’è un gap di 533 euro tra spesa pro capite nei grandi comuni, con oltre 100 mila abitanti, e quella degli Enti sotto questa soglia demografica. Sono questi alcuni dei dati principali di una ricerca della CGIA di Mestre su “La finanza locale nelle grandi città e nei Comuni medio-piccoli”, commissionata da ASMEL, l’Associazione per la Modernizzazione e

Ricerca Telethon, una possibile terapia per il Parkinson

Migliorare le manifestazioni cliniche delle patologie intervenendo non sul difetto genetico specifico ma su delle piccole molecole di RNA Napoli, 13 maggio - Dall’Istituto Telethon di genetica e medicina di Pozzuoli (Tigem) arriva un nuovo approccio terapeutico per le malattie mitocondriali e potenzialmente per molte malattie neurodegenerative a grande diffusione come quella di Parkinson: è quanto emerge dallo studio pubblicato su EMBO Molecular Medicine dai gruppi di ricerca del Tigem guidati da Brunella Franco, professore ordinario di Genetica medica presso il dipartimento di Scienze mediche traslazionali dell'Università "Federico II" di Napoli e da Sandro Banfi, professore associato di Genetica medica presso il dipartimento di Medicina di precisione dell’Università della Campania Luigi Vanvitelli. Le malattie mitocondriali sono un gruppo molto eterogeneo di patologie ereditarie causate

Tumori, la Regione Campania investe 160 milioni di euro nella ricerca oncologica

L'obiettivo, come spiegato dal presidente De Luca, è quello di produrre dei vaccini contro le diverse patologie oncologiche Napoli, 10 settembre – La Regione Campania investirà circa 160 milioni di euro nella ricerca oncologica con il progetto La Campania lotta contro il cancro. “Abbiamo deciso un anno fa di chiamare tutta la comunità scientifica in Campania, i centri di ricerca dei nostri ospedali e delle nostre università, ad impegnarsi in una sfida per vincere il cancro. Impegniamo risorse importanti con circa 160 milioni di euro, credo che neanche a livello nazionale si impieghino tante risorse per un progetto di ricerca su un unico obiettivo”, ha spiegato il governatore Vincenzo De Luca durante un incontro a Palazzo Santa Lucia con gli operatori

Salute, svelato il ruolo dei neutrofili nel tumore alla tiroide

Lo studio è stato condotto dalla ricercatrice Maria Rosaria Galdiero del Centro Interdipartimentale CISI della Federico II, rientrata all'Ateneo federiciano dopo un periodo di formazione in Italia e all'estero Svelato il ruolo dei neutrofili nel tumore alla tiroide: possono essere impiegati in fase diagnostica come biomarcatori di malattia, possono fornire informazioni aggiuntive nella caratterizzazione di un tumore asportato e possono rappresentare un importante target terapeutico nell'ambito delle terapie che agiscono sul sistema immunitario. Lo studio è stato condotto da una ricercatrice del Centro Interdipartimentale CISI della Federico II, Maria Rosaria Galdiero, rientrata all'Ateneo federiciano dopo un periodo di formazione in Italia e all'estero. Richiamata alla Federico II dopo un periodo di collaborazioni a Milano e un dottorato di ricerca presso la Humanitas University,

Aerospazio: protocollo d’intesa tra Dac e Unavia per attività di formazione e ricerca

DAC – Distretto Tecnologico Aerospaziale della Campania - e UNAVIA - Associazione per la normazione, formazione e qualificazione nel comparto aerospaziale e difesa insieme per creare nuove opportunità di business  Napoli, 26 marzo - Sperimentare e consolidare iniziative congiunte, nazionali e internazionali, nel settore dell'aerospazio, che vanno dalla formazione professionale alla “ricerca applicata”, dalla programmazione e gestione dei processi normativi alla raccolta e promozione di dati e informazioni di carattere economico, legislativo e statistico. E’ l’obiettivo del protocollo d’intesa siglato tra il DAC – Distretto Tecnologico Aerospaziale della Campania - e UNAVIA - Associazione per la normazione, formazione e qualificazione nel comparto aerospaziale e difesa - con cui vengono avviate una serie di azioni a favore delle imprese del settore, per creare nuove

Anche a Napoli la giornata per le Malattie Neuromuscolari

Dopo il grande successo della prima edizione, sabato 10 marzo si terrà contemporaneamente in 17 città italiane, la seconda Giornata per le Malattie Neuromuscolari (GMN 2018) Il progetto è ideato e promosso dall’Alleanza Neuromuscolare che include l’Associazione Italiana Sistema Nervoso Periferico (ASNP), l’Associazione Italiana di Miologia (AIM) e Fondazione Telethon con la collaborazione del Coordinamento Associazioni Malattie Neuromuscolari (CAMN). La manifestazione nasce da un’idea di Angelo Schenone, professore presso l’Università degli studi di Genova e Presidente dell’Associazione Italiana Sistema Nervoso Periferico (ASNP) e di Antonio Toscano, professore dell’Università degli Studi di Messina, past-president dell’Associazione Italiana Miologia (AIM). L’istituzione della Giornata per le Malattie Neuromuscolari ha tra i suoi obiettivi principali quello di venire incontro alla sempre presente richiesta di maggiori informazioni provenienti dalle diverse componenti che agiscono nell’ambito delle malattie neuromuscolari, soprattutto pazienti e famiglie. Un ulteriore

Torna Innovation Village, la fiera dedicata all’innovazione alla Mostra d’Oltremare

Dal 5 al 7 aprile un villaggio dove imprese, professionisti, startup incontrano chi produce innovazione. Aperta la piattaforma Brokerage Event per mettere in rete i progetti NAPOLI – Innovation Village, la fiera annuale dedicata all’innovazione, organizzata dalla società Knowledge for Business con il supporto di Regione Campania, co-organizzata con Sviluppo Campania ed Enea- Bridgeconomies EEN e dedicata ai processi a supporto delle nuove tecnologie, torna alla Mostra d’Oltremare (padiglione 5) dal 5 al 7 aprile 2018: un villaggio dove imprese, professionisti, startup incontrano chi produce innovazione, che nel 2017 ha fatto registrare numeri record con 80 espositori, 3.000 presenze e 250 incontri B2B/R2B, di cui 30 internazionali. Temi principali dell’edizione 2018, quest’anno in contemporanea con Energy Med, sono Economia Circolare, un nuovo modo di

“Il Pomodoro. Buono per te, buono per la ricerca”. Iniziativa in tutte le piazze italiane

Sabato 10 e domenica 11 marzo 2018 in tutta Italia la Fondazione Umberto Veronesi scende in piazza per raccogliere fondi a sostegno della ricerca sui tumori pediatrici, grazie al prezioso contributo di ANICAV e RICREA Sabato 10 e domenica 11 marzo la Fondazione Umberto Veronesi torna nelle piazze di tutta Italia per la prima edizione de “Il Pomodoro. Buono per te, buono per la ricerca”, un’iniziativa ideata per raccogliere fondi per finanziare la ricerca scientifica in ambito pediatrico, al fine di garantire le migliori cure possibili ai bambini malati di tumore e aumentare le loro aspettative di guarigione. Fondamentale sarà il contributo dei volontari della Fondazione Umberto Veronesi, che per un intero weekend saranno impegnati nelle piazze per sostenere la ricerca rivolta a trovare una cura alle malattie oncoematologiche dei

Salute: giocare a Ruzzle prima del sonno aiuta a dormire meglio e più a lungo

La scoperta dei ricercatori dell’Ateneo Vanvitelli pubblicata su Behavioral Sleep Medicine Napoli, venerdì 16 febbraio - Cimentarsi in giochi come Ruzzle prima di andare a dormire aiuta e migliora la qualità del nostro sonno.  Chi lo avrebbe mai detto? Eppure uno studio effettuato da un gruppo di docenti del Dipartimento di Psicologia dell’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”, in collaborazione con il Dipartimento Neurofarba (Dipartimento di Neuroscienze, Psicologia, Area del Farmaco e Salute del Bambino) di Firenze, e pochi giorni fa pubblicato sulla rivista internazionale Behavioral Sleep Medicine, mostra come un allenamento intensivo ad un gioco sul cellulare (una versione modificata del noto Ruzzle), fatto  prima dell’addormentamento, migliori numerose caratteristiche (tempo di addormentamento, continuità, efficienza) di un sonnellino diurno successivo. Alla ricerca hanno partecipato 38 studenti

Centro di ricerca sulla fusione nucleare in Campania: scontro tra il M5s e De Luca

Durante la seduta odierna del Consiglio regionale i consiglieri pentastellati hanno chiesto che si discutesse della candidatura della Regione Campania proposta all'Enea per il polo nazionale sulla ricerca della fusione nucleare Napoli, 8 febbraio – L'Enea (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile), ha avviato una selezione per scegliere un sito nel quale insediare il Divertor Tokamak Test, un'infrastruttura di ricerca sulla fusione nucleare. Nove le Regioni che si sono candidate, tra cui la Campania. Il problema è che la candidatura sarebbe stata decisa senza incontri preliminari e informativi nelle commissioni regionali Ambiente e Attività Produttive. Per tale ragione, durante la seduta odierna del Consiglio regionale convocato per l'elezione del Difensore civico, i consiglieri del Movimento

Salute: celiachia, ricercatori campani sul podio

Tre milioni di euro dal 2010 a oggi, con cui la Fondazione Celiachia Onlus dell’Associazione Italiana Celiachia (AIC), ha finanziato 25 progetti di ricerca. Annunciati durante il 6° convegno nazionale AIC i vincitori delle 5 nuove borse di studio Un premio per la ricerca italiana sulla celiachia: 5 borse di studio del valore di 85.000 euro ciascuna. Tra i premiati una netta prevalenza di donne: 4 su 5 under 35. Atenei Campani in testa con tre borse di studio assegnate, tra l’Università ‘Federico II’ di Napoli e l’Università della Campania ‘Vanvitelli’. Ungrant anche alla ‘Sapienza’ di Roma e alla Fondazione Genetica Umana di Torino, dove lavora il più giovane dei premiati, di appena 26 anni. Genetica, sistema immunitario, valutazione di grani antichi