Risorse negate ai Comuni del Sud. San Giorgio a Cremano presenta ricorso al Capo dello Stato 

Ricorso contro il riparto del Fondo di Solidarietà 2019 per un milione 800 mila euro. Secondo i legali dell'amministrazione comunale il governo gialloverde ha messo in atto una graduale riduzione dell’azione di perequazione San Giorgio a Cremano, 22 maggio - Il comune di San Giorgio a Cremano presenta ricorso amministrativo al Capo dello Stato contro il riparto del Fondo di Solidarietà 2019. Si tratta di un'iniziativa legale che l'amministrazione guidata dal sindaco Giorgio Zinno, attraverso l'assessore Pietro De Martino, ha avviato in seguito ad una erronea applicazione da parte del Governo dei principi e dei parametri del federalismo fiscale, contravvenendo ai principi costituzionali (artt. dal 115 al 119). In pratica nei territori dove gli enti non hanno un gettito fiscale tale da

Dirigenti scolastici lanciano appello a Di Maio e Bussetti, “noi non riconosciuti”

50 dirigenti scolastici campani non vengono riconosciuti come tali dopo un iter anche giudiziario che dura da anni Napoli, 24 luglio - "Chiediamo giustizia, il riconoscimento dei nostri diritti e lanciamo un appello al vicepremier Di Maio e al ministro Bussetti affinchè sia fatta luce su una vicenda incredibile per la quale 50 dirigenti scolastici campani non vengono riconosciuti come tali". Così le insegnanti Paola Guarino e Valeria Vaccaro denunciano all'ANSA la loro condizione di "dirigenti non riconosciuti" dopo un iter anche giudiziario che dura da anni. "Le tenebre hanno avvolto ormai da circa sette anni un gruppo di docenti - spiegano - i quali hanno partecipato al concorso per dirigente scolastico in Campania nel lontano 2011 superando le prove valutabili ma non

Scuola: primo successo in Tribunale per l’Associazione Nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori, gli ITP potranno partecipare al concorso

Il Tar Lazio, Sezione III Bis, nella sede cautelare, ha accolto il ricorso relativamente alla posizione dei nostri soci ricorrenti I.T.P. Napoli, 25 agosto - Dopo le manifestazioni di piazza ed i positivi incontri a Montecitorio con i gruppi parlamentari di Sinistra Italiana e Sinistra Dem con l'onorevole Roberto Speranza, per la battaglia per l'abilitazione dei docenti lavoraori di Terza fascia, che vede in prima linea a livello nazionale l'Associazione Docenti per i Diritti dei Lavoratori, il mese di agosto ha visto il nostro primo successo in Tribunale nella prima azione legale intrapresa dall'Associazione. Il 5 agosto, a scioglimento della riserva, dopo un numero imprecisato di continui rinvii nonostante la richiesta rivestisse carattere d'urgenza, il Collegio Giudicante del Tar Lazio, Sezione III Bis, nella sede

Calcio: è ufficiale, quattro giornate di squalifica per Higuain. Il Napoli farà ricorso

Una giornata di stop per Sarri, Koulibaly e Mertens. Queste le sanzioni del giudice sportivo, Tosel, inflitte al tecnico e ai calciatori del Napoli Gonzalo Higuain è stato squalificato per quattro giornate. È questa la sanzione inflitta all'attaccante argentino dal giudice sportivo della Lega di serie A, Gianpaolo Tosel, per l'espulsione in Udinese-Napoli e le successive proteste nei confronti del direttore di gara, Massimiliano Irrati. Il calciatore sarà inoltre costretto a pagare un'ammenda di 20mila euro. Una giornata di stop è stata comminata per il doppio giallo, le altre tre per la reazione. Il Napoli farà ricorso e punterà a dimostrare come sia Irrati a dirigersi verso Higuain e non quest'ultimo, che metterebbe le mani al petto del direttore di gara

Primarie, Bassolino presenta ricorso alla commissione nazionale di Garanzia del Partito Democratico. Valente: “Si crede attaccante ma rischia autogol”

L'ex sindaco e presidente della Regione Campania chiede che si rivoti nei seggi delle primarie dove sarebbero avvenute irregolarità Napoli, 16 marzo – Antonio Bassolino ha presentato ricorso alla commissione nazionale di Garanzia del Partito Democratico affinché si rivoti nei seggi delle primarie di centrosinistra dove sarebbero avvenute irregolarità (vai all'articolo). Ad annunciarlo è stato lo stesso Bassolino sulla sua pagina Facebook. “Con il ricorso presentato oggi alla commissione nazionale di garanzia chiedo formalmente che si voti di nuovo nei seggi contestati”, ha scritto l'ex sindaco ed ex presidente della Regione Campania. Con quello presentato oggi salgono a tre i ricorsi presentati da Bassolino. Gli altri due sono stati entrambi respinti dalla commissione provinciale di Garanzia, in quanto nei verbali non sono

Il Comitato per le primarie, i motivi del rigetto del ricorso di Bassolino: limitati episodi non segnalati, niente brogli

Il Comitato per le primarie riunitosi questo pomeriggio ha deciso di rigettare il secondo ricorso presentato da Antonio Bassolino Secondo quanto precisato dal presidente della commissione, Giovanni Iacone, "i limitati episodi delle registrazioni non sono stati segnalati dai componenti del seggio e/o dai rappresentanti dei candidati che li presidiavano e, in ogni caso, non sono suscettibili di inficiare il voto espresso nei medesimi seggi da centinaia di cittadini." Secondo il Comitato, rispetto ai motivi dedotti nel ricorso presentato dal candidato Bassolino, non si può parlare di brogli e non esistono elementi in punto di fatto e di diritto tali da consentire l'annullamento del voto nei seggi indicati nel medesimo ricorso. Per questi motivi sono state confermate le decisioni della riunione dello scorso 9 marzo e la proclamazione di Valeria Valente vincitrice delle primarie della coalizione

Primarie centrosinistra, rigettato il secondo ricorso. Il segretario Pd Carpentieri: voto regolare, invito all’unità

Rigettato il secondo ricorso presentato dal candidato alle primarie Antonio Bassolino. Il commento del segretario Pd metropolitano di Napoli, Venanzio Carpentieri "La nuova pronuncia della Commissione interviene a confermare ancora una volta la regolarità complessiva del voto di domenica 6 marzo - ha commentato il segretario del partito democratico metropolitano, Venanzio Carpentieri, che ha proseguito: chiariti gli aspetti di carattere regolamentare, non ci sottraiamo all'onere di affrontare le eventuali ulteriori divergenze di carattere politico ancora sussistenti rispetto alle posizioni espresse ‎da Antonio Bassolino; di attuare il pieno coinvolgimento degli altri candidati; di riallacciare il dialogo con quei partiti che negli ultimi giorni non hanno partecipato ai lavori della coalizione. Tutti dovranno sentirsi protagonisti nell'imminente sfida che ci attende. Il nostro invito alle forze

Primarie, domani la Commissione di garanzia deciderà sul ricorso di Bassolino

Slitta a lunedì la riunione prevista per oggi per dare ad alcuni commissari il tempo per approfondire la vicenda contestata Napoli, 13 marzo - La riunione della Commissione di garanzia per le primarie del centrosinistra a Napoli, è prevista per lunedì alle 12. In un primo momento era prevista per oggi ma come spiegato dal presidente dell'organismo, Giovanni Iacone, la decisione è stata presa per la ''manifestata indisponibilità di molti componenti'', e per la richiesta ''da parte di taluno di avere il tempo di meglio approfondire la vicenda anche sotto il profilo giurisdizionale''.

Caos primarie, Valente e Bassolino presentano ricorso. Domani l’ex governatore parlerà ai suoi all’Augusteo

Sia l'attuale candidata alle Elezioni Comunali per il centrosinistra che l'ex sindaco presentano ricorso. Valente: “Verificare se gli iscritti del Pd abbiano tenuto comportamenti lesivi dell’onorabilità del partito e degli stessi candidati”. Bassolino: “Gravi irregolarità, annullare il voto” Napoli, 11 marzo – Dopo le primarie di domenica scorsa nel centrosinistra napoletano è caos totale. Sia la vincitrice Valeria Valente, attuale candidata del centrosinistra, che Antonio Bassolino, secondo per soli 450 voti, hanno presentato ricorso alla commissione di Garanzia del Partito Democratico. Il comitato per Valeria Valente, con una nota comunica il deposito di un ricorso per “verificare se iscritti del Pd abbiano tenuto comportamenti lesivi dell’onorabilità del partito e degli stessi candidati, durante le primarie”. Chiede “di avviare ogni accertamento utile”

Primarie, Bassolino pensa al ricorso ma Guerini lo gela. “Verdetto non appellabile”

L'ex sindaco ed ex presidente della Regione Campania è intenzionato a presentare un ricorso bis sull'esito delle primarie del centrosinistra, a suo dire viziate da irregolarità “Presento un ricorso bis, sono pronto a farlo anche a Roma perché la mia è una battaglia per la legalità, il rispetto delle primarie e dei cittadini napoletani. Mi batto per l'onore del Pd”. Lo ha dichiarato Antonio Bassolino al Corriere del Mezzogiorno, facendo capire chiaramente che non si fermerà al primo verdetto emesso dalla commissione Garanzia del Partito Democratico (vai all'articolo). Bassolino ha anche sottolineato come i membri della commissione “non abbiano esaminato i verbali e i filmati”. “Faccio ricorso – ha aggiunto – nell'interesse dei quattro candidati e perché si faccia piena luce

Il ricorso presentato da Bassolino è irricevibile. La commissione di Garanzia boccia l’ex governatore

I rappresentanti vicini all'ex sindaco di Napoli ed ex presidente della Regione Campania hanno lasciato la riunione della commissione di Garanzia Pd e parlato di una sentenza preconfezionata. Dello stesso parere lo stesso Bassolino, che si sfoga in un post su Facebook. Da parte degli 8 rimasti nella commissione, 7 voti contro il ricorso e uno solo a favore Napoli, 9 marzo – Valeria Valente resta il candidato sindaco del centrosinistra alle Elezioni Comunali di Napoli (vai all'articolo). La commissione di Garanzia del Partito Democratico ha infatti rigettato con 7 voti a 1 il ricorso presentato dall'ex sindaco di Napoli ed ex presidente della Regione Campania, Antonio Bassolino, a seguito di presunte irregolarità avvenute ai seggi, documentati dai video pubblicati dalla

Primarie centrosinistra: Antonio Bassolino presenta il ricorso

E' di pochi minuti fa l'annuncio su Facebook. com. Antonio Bassolino ha presentato ricorso per contestare i fatti accaduti fuori ad alcuni seggi nel quartiere Scampia in occasione delle primarie che lo hanno visto soccombere per pochi voti Rispettare la libertà e la dignità delle persone è un requisito irrinunciabile della democrazia. Per questo ho presentato un ricorso sui gravi episodi avvenuti nelle primarie di domenica Pubblicato da Antonio Bassolino su Martedì 8 marzo 2016

Bagnoli, il sindaco de Magistris sul commissariamento: “Ricorso nel più breve tempo possibile”

In un servizio della web tv del Comune di Napoli, il primo cittadino riferendosi alla manifestazione tenutasi stamane a Bagnoli ha affermato di “guardare con molto interesse alle mobilitazioni popolari” perchè “è importante che la città intervenga su questa questione molto delicata” Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, in un servizio pubblicato stamane dalla web tv del Comune di Napoli, fa il punto sul commissariamento di Bagnoli e sulle mosse che la Giunta comunale porrà in essere per contrastare la decisione del Governo. “Stiamo lavorando – ha affermato de Magistris – alacremente con gli avvocati per presentare ricorso nel più breve tempo possibile. Ovviamente motivandolo bene perchè si tratta di un atto molto importante e significativo. Chiaramente nel momento in

Giugliano in Campania: Poziello a rischio per un ricorso al Tar del Movimento 5 Stelle

Secondo i pentastellati ci sarebbero stati degli illeciti nella certificazione delle firme per le elezioni comunali dello scorso 31 maggio Gli esponenti del Movimento Cinque Stelle di Giugliano in Campania hanno presentato un ricorso di oltre mille pagine al Tar per l'annullamento del verbale di proclamazione degli eletti alle elezioni comunali dello scorso 31 maggio. Come evidenziato dal quotidiano online TeleclubItalia, secondo i pentasellati ci sarebbero stati una serie di illeciti amministrativi connessi alle elezioni, che hanno poi portato Antonio Poziello alla vittoria. Sotto la lente dei Cinque Stelle sono finiti verbali, liste, firme, schede elettorali. Tra gli illeciti, secondo gli esponenti del Movimento, ce ne sarebbero diversi nelle firme che certificano le liste. Visto che si tratta di un ricorso d'urgenza,