Terra dei Fuochi, Ciarambino (M5s): “Abbiamo votato contro la nostra mozione perché trasformata in atto inutile”

Secondo la capogruppo del Movimento 5 Stelle, Valeria Ciarambino, la lotta ai roghi della Terra dei Fuochi non è prioritaria per il Consiglio regionale Napoli, 27 settembre – “Con una questione urgente presentata a luglio, ma discussa solo nell'ultimo Consiglio, abbiamo denunciato che il Piano di azioni per la Terra dei Fuochi, adottato dalla Giunta ad ottobre 2016 dopo una nostra mozione e corredato di un preciso cronoprogramma, ad oggi non è ancora operativo”. Lo ha detto Valeria Ciarambino, capogruppo del Movimento 5 Stelle in Consiglio regionale della Campania. “Abbiamo chiesto a tutti i consiglieri regionali di assumersi la responsabilità di affrontare in ciascuna commissione, per gli aspetti di competenza, le problematiche connesse ai roghi tossici e alla mancata operatività delle azioni

Il Faito in fiamme, evacuate ville e alberghi

L'ordinanza di evacuazione a firma del sindaco di Vico Equense, Andrea Buonocore Castellammare di Stabia (Napoli), 16 agosto - Non si placa l'emergenza incendi del Monte Faito, tra Castellammare di Stabia e Vico Equense (Napoli). Le fiamme, innescate da diversi roghi che si sospetta di origine dolosa, hanno rovinato il Ferragosto ai turisti ed agli operatori turistici locali. Il sindaco di Vico Equense, Andrea Buonocore, costretto a ordinare l' evacuazione di ville e alberghi del versante della montagna che guarda sul suo Comune. ''Ieri notte, quando sembrava che l'emergenza fosse finita - dice il vicesindaco di Castellammare di Stabia, Andrea Di Martino - l'incendio ha ripreso vigore nella zona bassa della montagna, in località Pozzano, dove una famiglia è stata costretta ad abbandonare la propria

Terra dei Fuochi, continua il presidio dei consiglieri regionali Cinque Stelle, che ricevono la visita di Di Maio

Il vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio, ieri sera è andato a trovare i consiglieri regionali pentastellati, in presidio all'esterno della sede del Consiglio regionale della Campania, al Centro Direzionale di Napoli Napoli, 23 luglio – “Facciamo un grande tavolo con tutti coloro che si stanno occupando di Terra dei Fuochi. Se lo facciamo noi ci dicono: chi vi credete di essere, sono cose che deve fare il Governo centrale o della Regione. Non lo fanno loro e ci dicono che 'siamo qualunquisti'. Allora mettiamoci d'accordo, c'è tutta la volontà di lavorare insieme per l'emergenza Terra dei Fuochi, però ci dovete dire cosa volete fare”. Lo ha affermato il vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio, durante la visita di ieri sera

Terra dei Fuochi, il Movimento 5 Stelle protesta piazzando le tende fuori il palazzo del Consiglio regionale

I consiglieri regionali pentastellati chiedono di orientare la programmazione dei lavori di tutte le commissioni e il Consiglio all'adozione di atti, norme e misure volte alla risoluzione definitiva della problematica degli incendi e dei roghi tossici, con particolare riferimento alla cosiddetta Terra dei fuochi Napoli, 20 luglio – Singolare protesta dei consiglieri del Movimento 5 Stelle, che per richiamare l'attenzione sul problema Terra dei Fuochi, tutt'altro che risolto, hanno piazzato le tende fuori il palazzo del Consiglio regionale della Campania, al Centro Direzionale di Napoli. In realtà la protesta ha anche un altro scopo: quello di ottenere la modifica del calendario dei lavori, in modo da riuscire a concentrare tutti gli sforzi per approvare misure volte al contrasto dei roghi tossici,

Incendi sul Vesuvio, de Magistris: “Prendere i colpevoli dell’attentato”

“Noi vinceremo questa guerra, ma dobbiamo volerlo in tanti. Non consentiamo pià a nessuno di violentarci”. Così il sindaco di Napoli in un post su Facebook Napoli, 17 luglio – “Chi commette un omicidio in un attimo distrugge la vita di una persona. La cancella in un momento. Chi incendia un bosco, una foresta, una montagna distrugge in pochi giorni quello che uomo e natura hanno realizzato per decenni, per secoli in alcuni casi”. Lo ha scritto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, in un post pubblicato su Facebook. Per de Magistris gli autori degli incendi sono “esseri umani portatori di morte”. “Gli incendi di queste ore, di questi anni, stanno distruggendo i nostri paesaggi, la nostra bellezza, la nostra vita.

Emergenza incendi, Scotto (Mdp): “Galletti riferisca in Aula”

Il deputato di Mdp invita il ministro dell'Ambiente a riferire in Aula sull'emergenza incendi. Intanto è polemica tra l'ex governatore della Campania, Antonio Bassolino, e il sindaco di Ercolano, Ciro Buonajuto Napoli, 16 luglio – “Credo sia necessario che Galletti venga a riferire in Parlamento. L'Italia brucia, ormai non è più un fatto circoscritto alla sola Campania e Sicilia”. Così in una nota il deputato Arturo Scotto del Movimento Democratico e Progressista. Scotto spiega che è “necessario mettere a punto una strategia nazionale per un'estate ancora lunga. Rischiamo alla fine di trovarci con un patrimonio naturale e boschivo devastato. Un Paese che sarà irriconoscibile”. Inoltre, “è necessario unire le forze per superare questa emergenza, combattere gli ecoterroristi e mettere subito in

Incendi sul Vesuvio, necessario verificare il rischio frane. De Luca: “Faremo sopralluoghi”

Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, ha convocato una riunione per la verifica del rischio frane. Intanto, tengono banco le discussioni su chi ci sia dietro i roghi Napoli, 15 luglio – Sul Vesuvio, per colpa degli incendi, sono spariti in questi giorni oltre 100 ettari di terreno. Tanto che, alla luce di quanto è successo e sta succedendo, è diventato necessario verificare la tenuta delle colline dal punto di vista di smottamenti o frane. A tale scopo, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha convocato una riunione per la verifica di tali rischi. La riunione, ha spiegato, “si svolgerà in settimana”. A parteciparvi ci sarà, tra gli altri, il direttore generale dei lavori pubblici che dirige i

Di Maio (M5s) affronta il tema della Terra dei Fuochi e chiama alla mobilitazione: “A settembre dobbiamo scendere in piazza”

Il vicepresidente delle Camera in un video su Facebook attraversa le campagne del nolano per recarsi alla discarica di Calabricito. A fine video poi, Di Maio lancia l'appello a scendere in piazza per una grande manifestazione contro la Terra dei Fuochi A settembre una grande manifestazione per richiamare l'attenzione sull'emergenza sanitaria e ambientale conosciuta come Terra dei Fuochi. È sostanzialmente questo l'appello che Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera e deputato del Movimento 5 Stelle, rivolge in un video girato durante un sopralluogo alla discarica di Calabricito, ad Acerra. “Dobbiamo scendere in piazza – ha affermato Di Maio nel video postato su Facebook –. Se si è fatto qualcosa nel 2013 era perché per le strade c’erano decine di migliaia di

Terra dei Fuochi, Cesaro (FI): “Roghi in aumento. Serve intensificazione dei controlli”

Per il capogruppo in Consiglio regionale di Forza Italia, “la lotta ai roghi tossici doveva essere, insieme alle bonifiche, la priorità assoluta del governo regionale, ma a quanto pare così non è” “Nonostante il prevedibile aumento delle temperature e i molteplici appelli dei sindaci, non sembra che l'annunciata attività di prevenzione dei roghi stia dando risultati”. Lo ha affermato il capogruppo in Consiglio regionale di Forza Italia, Armando Cesaro. “Serve una decisa intensificazione dei controlli ed una rigorosa attuazione della legge regionale 'antiroghi' del 2013 che – osserva Cesaro –, stabiliva e sosteneva azioni decise per il controllo dei territori e misure adeguate a tutela della salute dei cittadini. Norme non a caso approvate grazie ad un lavoro condiviso con i territori

“La Terra dei Fuochi continua a bruciare”. Il grido di dolore di Don Patriciello

Il parroco, seguendo l'esempio del giornalista Sandro Ruotolo, si rivolge da Facebook al premier Renzi: “È giunto il momento di mantenere la parola data”. Decine le immagini degli utenti sui social La Terra dei Fuochi brucia ancora, non ha mai smesso di farlo. Anzi, forse brucia più di prima. Lo sanno le persone che abitano tra le province di Napoli e Caserta, costretti a respirare (e con la paura di farlo) un'aria acre, mentre nel cielo che diventa nero come la pece, si stagliano nubi tossiche. Lo sa anche Don Maurizio Patriciello che da anni lotta contro i roghi, affinchè un intero popolo non sia più costretto a vivere con il rischio di ammalarsi di cancro. Ma da quando il governo

In arrivo dalla Regione Campania 5 milioni di euro per salvare la “Terra dei Fuochi”

Napoli - Giovanni Romano, assessore all’Ambiente della Regione Campania, il 4 giugno scorso, ha spiegato l’importanza della sinergia tra le varie istituzioni che ha portato all’approvazione del provvedimento che garantirà alla "Terra dei Fuochi" (area compresa tra i comuni di Qualiano, Villaricca e Giugliano), con uno stanziamento di 5 milioni di euro, misure adeguate per la tutela e la salvaguardia del territorio e per restituirle finalmente lo splendore di un tempo: “L'approvazione del Patto tra le istituzioni promosso dal Commissario Governativo, prefetto Cafagna, e i 5 milioni di euro stanziati dalla Giunta regionale per contrastare il fenomeno dei roghi illegali dei rifiuti rappresentano un segnale concreto a vantaggio dei 27 Comuni dell'area a Nord di Napoli e dei 18 della provincia di