Quarto, si dimettono altri due consiglieri del M5s. I fedelissimi del sindaco: “colpo a tradimento”

Fino ad ora in 7 hanno dato le dimissioni Ancora due dimissioni nel gruppo ex M5S rimasto legato al sindaco di Quarto (Napoli) Rosa Capuozzo, espulsa dal movimento per i forti contrasti con i vertici sulla vicenda giudiziaria che ha coinvolto il comune di Quarto. Nella tarda mattinata hanno protocollato le dimissioni Stefania Ganino e Raffaele D'Alise. "E' stato un vero colpo a tradimento", hanno commentato i fedelissimi del sindaco. "Ieri sera - si apprende dall'entourage del primo cittadino - nell'ennesimo vertice per confrontare le posizioni e definire il varo di una lista civica per proseguire l'esperienza amministrativa, tutti si erano detti concordi nel sostenere il sindaco Capuozzo". C'è rammarico tra i 12 consiglieri "superstiti" anche se c'è la convinzione a voler

Quarto, il sindaco Rosa Capuozzo al M5s: “Siete scappati davanti alla lotta al malaffare”

“Inutile avere le mani pulite e poi tenerle in tasca”. Il sindaco di Quarto cita don Milani in un post su Facebook e accusa di essere stata lasciata sola di fronte alla lotta al malaffare. Per il primo cittadino è una mancata forma di rispetto perché “Quarto meritava di rimanere e combattere” Napoli, 18 gennaio – “È inutile avere le mani pulite se poi le si tiene in tasca”. Inizia citando don Milani il post su Facebook nel quale il sindaco di Quarto, Rosa Capuozzo, polemizza con il Movimento 5 Stelle, colpevole secondo la Capuozzo di averla lasciata sola a “combattere il malaffare”. “Il Movimento 5 Stelle – scrive la Capuozzo – ha avuto l'occasione di combattere il malaffare in prima

Quarto, il marito del sindaco Rosa Capuozzo è indagato per falso e violazione delle norme edilizie

Ignazio Baiano è stato iscritto nel registro degli indagati. Il pm Francesca De Renzis indaga per falso e violazione delle norme edilizie Napoli, 14 gennaio – Ignazio Baiano, marito del sindaco di Quarto, Rosa Capuozzo, è stato iscritto nel registro degli indagati dalla sezione Ambiente della Procura di Napoli. I reati ipotizzati dal pm Francesca De Renzis è di falso e violazione delle norme edilizie. Proprio facendo leva sul presunto abuso edilizio, l'ex consigliere grillino Giovanni De Robbio, avrebbe tentato di ricattare la Capuozzo (vai all'articolo). De Robbio, in diverse occasioni tra ottobre e novembre avrebbe fatto vedere al sindaco una foto aerea della villa di via Masullo 3, un'immagine ripresa dall'alto che proverebbe che la mansarda oggetto del condono è stata

Quarto, il sindaco Rosa Capuozzo: “Non mi dimetto e porteremo avanti il programma anche senza simbolo”

Verso l'espulsione anche i 15 consiglieri di maggioranza, che fanno quadrato intorno al sindaco. La commissione parlamentare Antimafia ascolterà il primo cittadino martedì 19 gennaio Napoli, 13 gennaio – Il sindaco di Quarto, Rosa Capuozzo, nonostante la sua espulsione dal Movimento 5 Stelle (vai all'articolo), ha annunciato che non si dimetterà dalla carica di sindaco. La decisione è stata resa nota inizialmente tramite un comunicato: “Il sindaco e i consiglieri di maggioranza sono decisi a continuare. Al di là dei colori politici, il nostro prioritario senso di responsabilità verso i cittadini ci impone di continuare ad amministrare con coscienza ed onestà il nostro territorio, come fatto fino ad oggi”. Una intenzione, quella di non dimettersi, che la Capuozzo ha ribadito anche

Sindaco di Quarto in Procura per approfondire il contenuto di un’intercettazione

Rosa Capuozzo è interrogata come teste dal pm Woodcock Napoli 12 gennaio - Il sindaco di Quarto (Napoli) Rosa Capuozzo è in Procura di Napoli per essere interrogata in qualità di testimone dal pm Henry John Woodcock, che ha già ascoltato, sempre in qualità di teste, il consigliere comunale del M5S Concetta Aprile. Il magistrato intende approfondire un'intercettazione in cui sindaco e consigliere fanno riferimento ai presunti ricatti subiti ad opera dell'ex consigliere Giovanni De Robbio, indagato per voto di scambio e tentativo di estorsione.

Quarto, Rosa Capuozzo espulsa dal M5s con un messaggio sul blog: “Ogni iscritto deve denunciare i ricatti”

Nel comunicato con cui si annuncia l'avvio della procedura di espulsione si parla di “grave violazione dei principi del Movimento” Napoli – Il sindaco di Quarto, Rosa Capuozzo, è stato espulsa dal Movimento 5 Stelle. L'avvio della procedura di espulsione è stato comunicato dal blog di Beppe Grillo. Il primo cittadino viene accusato di non aver “denunciato immediatamente e senza tentennamenti alle autorità ogni ricatto o minaccia”. La Capuozzo, che è al centro delle polemiche a seguito di un'inchiesta della Dda di Napoli che vede indagato l'ex consigliere grillino Giovanni De Robbio per voto di scambio e tentata estorsione aggravata (vai all'articolo), non ha ancora replicato alle accuse che le vengono mosse dai vertici del Movimento. “La camorra a Quarto ha perso

Quarto, perquisizioni in casa e nell’ufficio del sindaco Rosa Capuozzo

Le perquisizioni dei Carabinieri sono coordinate dalla Procura antimafia di Napoli. Il sindaco al momento non figura nel registro degli indagati Napoli, 11 gennaio – Questa mattina l'abitazione e l'ufficio del sindaco di Quarto, Rosa Capuozzo, sono state perquisiti dai carabinieri su ordine della Procura antimafia di Napoli, nell'ambito dell'inchiesta che vede indagato l'ex consigliere grillino Giovanni De Robbio per voto di scambio e tenta estorsione aggravata (vai all'articolo). L'ipotesi degli inquirenti, tra cui il pm Henry John Woodcock, è quella che la Capuozzo – non indagata al momento  – abbia subito comportamenti del suo ex consigliere. Proprio in queste ore, in concomitanza con le perquisizioni, escono nuove intercettazioni telefoniche, relative allo scorso metà dicembre. Al telefono la Capuozzo si sfoga con

Quarto, Luigi Di Maio: “chiediamo con fermezza a Rosa Capuozzo di dimettersi e far tornare ad elezioni Quarto”

Il vicepresidente della Camera dei deputati su Facebook chiede al sindaco pentastellato di fare un passo indietro: "per essere sempre al di sopra di ogni sospetto" "La strada dell'onestà ha un prezzo. Il prezzo è dover essere, sempre, senza eccezione alcuna, al di sopra di ogni sospetto. Per farlo occorre marcare le differenze tra noi e chi ci ha governato fin'ora in modo netto. A Quarto, un Comune già sciolto due volte per mafia, dove il MoVimento 5 Stelle la scorsa estate è stata l'unica lista politica nazionale autorizzata a correre per le elezioni, lo abbiamo fatto espellendo un consigliere (poi indagato) perché fece pressioni politiche che contraddicevano il nostro programma. Alla prima avvisaglia abbiamo messo alla porta De Robbio e oggi abbiamo

Roberto Saviano in un tweet: “Il sindaco di Quarto deve dimettersi. Se non lo fa il #M5S aggiungerà una blackstar al suo simbolo”

Mancava solo Roberto Saviano al coro della richiesta delle dimissioni del sindaco di Quarto Rosa Capuozzo ma non si è fatto attendere molto il parere dello scrittore Su Twitter lo scrittore ha scritto: "Il sindaco di Quarto deve dimettersi. Se non lo fa il #M5S aggiungerà una blackstar al suo simbolo". Il sindaco di Quarto deve dimettersi. Se non lo fa il #M5S aggiungerà una blackstar al suo simbolo. — Roberto Saviano (@robertosaviano) 9 Gennaio 2016 Gli ha fatto eco il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, invitando Saviano ad un confronto pubblico. In realtà De Luca invita un po' tutti al confronto, partendo da Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera dei Deputati, passando a Beppe Grillo, fino a giungere a Saviano: "Estendo a Beppe Grillo

La politica romana si accorge di Quarto ma il dibattito è il trionfo della retorica

Il caso dell'ex consigliere grillino Giovanni De Robbio, indagato dalla Dda di Napoli, alimenta il dibattito politico nazionale e lo scambio di accuse tra Pd e M5s Napoli, 8 gennaio - “Dimissioni, vergogna. L'onestà tornerà di moda”. Sono questi alcuni degli slogan che stamane hanno intonato rappresentanti e attivisti del Partito Democratico, manifestando davanti al Comune di Quarto per chiedere trasparenza e le dimissioni del sindaco M5s, Rosa Capuozzo. Quest'ultima, stando alle indagini, vittima di minacce da parte dell'ex consigliere grillino Giovanni De Robbio, che è indagato dalla Dda di Napoli per voto di scambio e tentata estorsione aggravata (vai all'articolo). La politica romana – leggasi nazionale, ndr – sembra essersi accorta che in Italia ci sono le mafie e che a

Comune di Quarto nella bufera: il sindaco Capuozzo annuncia il rimpasto

Travolto dall'indagine giudiziaria aperta dalla Dda di Napoli e dalle dimissioni di 2 assessori e 2 consiglieri del M5s Napoli, 3 gennaio - Comune di Quarto nella bufera, travolto dall'indagine giudiziaria aperta dalla Dda di Napoli. Ieri l'annuncio del sindaco pentastellato Rosa Capuozzo del rimpasto di giunta resosi necessario dopo le dimissioni del consigliere grillino Giovanni De Robbio accusato di aver ricattato il sindaco seguite a ruota, lo scorso 30 dicembre, dall’assessore al Bilancio, Umberto Masullo e dal consigliere comunale Fabrizio Manzo. L'inchiesta riguarda le presunte pressioni che Giovanni De Robbio, avrebbe esercitato sul sindaco per agevolazioni e vantaggi personali. De Robbio era stato il primo degli eletti alle ultime comunali con circa mille preferenze. "E' nostra intenzione rinnovare alcuni componenti della giunta,

Quarto: si dimette il consigliere grillino Giovanni De Robbio accusato di aver ricattato il sindaco

Secondo la Dia di Napoli avrebbe utilizzato la fotografia aerea di un presunto abuso edilizio, per ricattare il primo cittadino Rosa Capuozzo. Al suo posto subentrerà Marco Pavia Il consigliere comunale di Quarto, Giovanni De Robbio, stando ad un'anticipazione del quotidiano Il Mattino, si è dimesso dalla sua carica. Espulso dal Movimento 5 Stelle lo scorso 14 dicembre, il consigliere è attualmente indagato per voto di scambio e tentata estorsione aggravata ai danni del primo cittadino, Rosa Capuozzo. Le dimissioni saranno ufficializzate durante la prossima assemblea e si procederà alla surroga con il primo dei non eletti del M5S, Marco Pavia. Secondo la Dia di Napoli, De Robbio avrebbe ricattato il sindaco della sua stessa formazione politica, la Capuozzo, per costringerla ad

Quarto, consigliere grillino ricattava il sindaco M5s Rosa Capuozzo

La Dia di Napoli indaga per voto di scambio e tentata estorsione aggravata Napoli, 24 dicembre – L'amministrazione Cinque Stelle di Quarto non sembra trovare pace, dopo lo scandalo che a novembre travolse il sindaco Rosa Capuozzo, finita sui giornali per un presunto abuso edilizio da parte del marito. Oggi si scopre che il consigliere grillino Giovanni De Robbio (in foto) avrebbe ricattato il sindaco della sua stessa formazione politica, la Capuozzo, per costringerla ad affidare il campo sportivo di Quarto ad Alfonso Cesarano, imprenditore che sarebbe legato in qualche modo al clan Polverino. È quanto emerge dal decreto di perquisizione, eseguito dai carabinieri di Pozzuoli e di Quarto nei confronti di De Robbio e di altre due persone, indagate in

Josi e Rosa, la “politica dal basso” conquista Bacoli e Quarto

Lui è il sindaco più giovane della Campania (28 anni), lei il primo sindaco 5 Stelle della regione, nonché il "primo cittadino donna" in 67 anni di storia del Comune di Quarto Il sindaco più giovane della regione e il primo sindaco del Movimento Cinque Stelle in Campania: Josi Gerardo Della Ragione e Rosa Capuozzo, rispettivamente eletti per la carica di primo cittadino a Bacoli e Quarto. Entrambi “casi elettorali e protagonisti di primati”. Della Ragione, vive a Bacoli, ha 28 anni e dal 2009 è a capo dell'associazione FreeBacoli e dell'omonimo blog. Dopo aver doppiato al primo turno il Partito Democratico, ha battuto il sindaco uscente Emanno Schiano, fortissimo avversario che era sostenuto da Forza Italia e da Fratelli d'Italia. Divenuto consigliere