Inchiesta “Listopoli” a Napoli, indagato Gennaro Mola (Pd)

Mola, compagno della Valente, sarà ascoltato dai pm martedì Napoli, 16 febbraio – Anche Gennaro Mola, esponente del Pd napoletano e marito di Valeria Valente, candidata del centrosinistra alle Elezioni comunali di Napoli dello scorso giugno, è finito nel registro degli indagati nell'inchiesta della Procura di Napoli sui candidati a loro insaputa, quella che mediaticamente è stata ribattezzata “Listopoli” (vai all'articolo). A fare il nome di Mola, dichiarando che quest'ultimo gli avrebbe consegnato il verbale con i nominativi da vidimare, sarebbe stato il consigliere comunale Salvatore Madonna (Pd), fino a ieri unico indagato. Mola, ex assessore ai rifiuti della giunta Iervolino, ha affermato al quotidiano Metropolis: “Sono sereno perché ho la coscienza a posto. I padri politici mi hanno insegnato che quando

Inchiesta “listopoli” a Napoli, il consigliere Madonna (Pd) avrebbe riferito di aver ricevuto i nomi dal compagno della Valente

Il consigliere comunale Madonna nella giornata di ieri è stato sentito dai pm per tre ore e mezza sul caso dei candidati a loro insaputa nella lista Napoli Vale, a sostegno della candidata sindaco del centrosinistra, Valeria Valente, alle Elezioni comunali dello scorso giugno Napoli, 14 febbraio – Il consigliere comunale del Partito Democratico, Salvatore Madonna, sarebbe stato convinto a effettuare le autenticazioni delle firme dei candidati da compagni di partito i quali lo avrebbero informato che anche altri consiglieri stavano collaborando impegnandosi in tale operazione. Lo avrebbe riferito lo stesso stesso Madonna che ieri è stato sentito dai pm per tre ore e mezza sul caso dei candidati a loro insaputa nella lista Napoli Vale, a sostegno della candidata sindaco

Inchiesta candidati Elezioni a Napoli, il consigliere Madonna (Pd) indagato si sospende dal partito

Il consigliere comunale Salvatore Madonna: “In attesa che la mia posizione venga chiarita mi autosospendo dal Partito Democratico”. La deputata e consigliera Valeria Valente, che oggi è stata sentita dai pm come persona informata sui fatti: “Accertare la verità” Napoli, 8 febbraio – “In relazione alle vicende che mi vedono interessato, pur ritenendo di non aver commesso alcuna irregolarità ed in attesa che la mia posizione venga chiarita, ritengo opportuno autospendermi dal Partito Democratico”. Lo ha dichiarato il consigliere comunale Pd, Salvatore Madonna, unico indagato al momento sulla vicenda dei candidati a loro insaputa alle Elezioni comunali di Napoli dello scorso giugno (vai all'articolo). Non è indagata la deputata e consigliera comunale Valeria Valente (in foto), che tuttavia oggi è stata sentita