Lorenzin non vuole De Luca commissario alla Sanità. Imbarazzo tra i renziani

Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, e i centristi del Sud sono contrari alla nomina. Imbarazzo tra i renziani e il Governo prende tempo Beatrice Lorenzin, ministro della Salute, non vuole nominare commissario della sanità campana Vincenzo De Luca. Secondo notizie di stampa, la nomina del presidente della Regione Campania, era arrivata al Consiglio dei ministri di ieri, ma è stata bloccata. Lorenzin non avrebbe nulla di personale con De Luca, ma non sarebbe disposta ad avallare una nomina che permetta a quest'ultimo di essere allo stesso tempo controllore e controllato. Nelle ultime ore il veto su De Luca sarebbe arrivato anche dai senatori Ap del Sud, a cominciare dal sottosegretario Tonino Gentile, contrari a un cambio di rotta rispetto alla

Sanità campana, Ciarambino (M5s): “Ospedali di Napoli al collasso”

La Capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle, Valeria Ciarambino, sul governatore De Luca: “Sta già pensando alla prossima passerella in TV” Napoli, 27 giugno – “Gli ospedali di Napoli sono al collasso”, e avevamo già “denunciato tempo fa che si sarebbe prodotta una difficile situazione in città, come ci raccontano i frequenti episodi di cronaca”. Lo ha affermato Valeria Ciarambino, Capogruppo del Movimento 5 Stelle alla Regione Campania. Ciarambino punta il dito contro il presidente De Luca, colpevole a suo dire, di proseguire nelle inaugurazioni a rate dell'Ospedale del Mare. “De Luca – spiega Ciarambino – ha annunciato in conferenza stampa che il 30 giugno avrebbe inaugurato sessanta posti letto all'Ospedale del Mare ed è subito cominciata la 'deportazione' del personale dagli

Ospedale del Mare, De Luca annuncia: “Entro fine mese i primi ricoveri”

Il governatore ha illustrato ai giornalisti il cronoprogramma che porterà entro dicembre 2017 a utilizzare tutti i posti letto previsti per l'Ospedale del Mare Napoli, 5 giugno – Entro il 30 giugno all'Ospedale del Mare saranno possibili i primi trenta ricoveri. Lo ha annunciato il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, illustrando ai giornalisti il cronoprogramma che porterà entro dicembre 2017 a utilizzare tutti i 415 posti letto previsti nella struttura e all'entrata in funzione di 16 sale operatorie (alcune attive H24) e del pronto soccorso. “Nel corso di quest'anno completeremo tutto l'Ospedale del Mare – ha spiegato De Luca –. Abbiamo dovuto fare le corse contro il tempo per completare il collaudo, per completare le autorizzazioni ma soprattutto per

Sanità campana, Santangelo: “Più professionalità, meno politica”

Nella sanità “se nello scegliere i vertici si pensasse più alla professionalità e meno alle dinamiche politiche la situazione sarebbe sicuramente migliore”, ha affermato Michele Santangelo, medico responsabile Uosd trapiano di rene da vivente e chirurgia del retroperitoneo dell'Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II Napoli, 4 aprile – “La sanità è il settore pubblico in cui girano più soldi e inevitabilmente quando c'è denaro ci possono essere persone deviate”, per questo bisognerebbe mettere “persone giuste al posto giusto e lasciare libertà agli operatori sanitari di scegliere i prodotti che loro ritengono migliori, senza imposizioni dall'alto”. Lo ha dichiarato al quotidiano Il Mattino Michele Santangelo, medico responsabile Uosd trapiano di rene da vivente e chirurgia del retroperitoneo dell'Azienda Ospedaliera Federico II, a margine

Fondo sanitario nazionale, De Luca: “Dobbiamo trovare un punto di equilibrio corretto per il riparto”

Il governatore della Campania, a margine della firma del protocollo sull'Economia del Mare avvenuta stamane a Palazzo Santa Lucia con il governatore della Liguria, Giovanni Toti, ha ribadito la necessità di rivedere il riparto del Fondo sanitario nazionale, ricevendo a parole una parziale apertura da parte di Toti Napoli, 3 aprile – Sul Fondo sanitario nazionale “dobbiamo trovare un punto di equilibrio corretto, io ritengo che bisogna partire dallo stesso riparto per ogni cittadino italiano e poi affrontare i problemi specifici e le esigenze che hanno diverse regioni come appunto la Liguria e la Campania”. Lo ha affermato il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, a margine dell'incontro avvenuto stamane a Palazzo Santa Lucia per la firma del protocollo sull'Economia

Sanità, De Luca: “Il risanamento fatto è solo contabile, siamo ultimi in assistenza sanitaria”

Il governatore: “Fatta un'operazione truffa sul risanamento generale della sanità” Napoli, 29 Napoli – Quello fatto dai vari commissari di governo alla sanità campana durante 8 anni di commissariamento, “è un risanamento contabile a discapito delle prestazioni e dei livelli di assistenza, tant'è che siamo ultimi nella griglia dei Lea (Livelli essenziali di assistenza, ndr)”. Lo ha affermato il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, durante la conferenza stampa di presentazione di adeguamento strutturale del presidio ospedaliero veterinario del Frullone. Per il presidente della Giunta regionale si è trattato di “un'operazione truffa”, ma nel giro di due anni “dobbiamo essere primi, la Campania deve essere la prima in Italia anche per i Lea” e per questo “siamo tutti chiamati a

Sanità, De Luca inaugura un nuovo reparto della clinica oculistica della Sun

Il governatore: “Con l'inaugurazione di questo centro di eccellenza nella cura di patologie oculari si è aperta una stagione molto interessante per la sanità nella nostra Regione” Napoli, 22 marzo – In Campania abbiamo “punti di assoluta eccellenza. Il reparto che si va ad inaugurare oggi non ha paragone con nessun'altra realtà d'Italia”. Lo ha detto il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, inaugurando il nuovo reparto dedicato alle Malattie Oculari Rare dell'Azienda ospedaliera Universitaria Vanvitelli. Nel riparto del Fondo sanitario nazionale, ha ricordato De Luca, “essendo la Regione più giovane d'Italia la Campania riceve la somma pro capite più bassa del Paese. Impegnarsi nella ricerca e cura di malattie rare – ha aggiunto – è una scelta di valore e

Sanità, De Luca: “Essere la Regione più giovane non vuol dire essere la più sana”

Il governatore: “Siamo drammaticamente penalizzati nel riparto del Fondo sanitario nazionale” “Non è automatico il fatto che essere la Regione più giovane significhi anche essere la Regione più sana d'Italia, è esattamente il contrario per tanti versi”. Lo ha dichiarato il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, sottolineando come la Campania sia “penalizzata drammaticamente” perché il Fondo sanitario nazionale “prevede un riparto legato all'età anagrafica della popolazione” (vai all'articolo). “Poi magari – ha spiegato – scopri che tra le fasce più giovani ci sono problemi che magari qualche anno fa non c'erano. Penso ai disturbi alimentari che toccano soprattutto i giovani di oggi o ad altre dipendenze come quella dall'alcol”. “Stiamo andando avanti da anni senza sapere com'è cambiato il fabbisogno

De Luca annuncia: “Ospedale del Mare completato entro il 30 giugno”. Ma non basterà a risolvere i problemi della sanità campana

Dopo l'inaugurazione dei reparti di radiologia, radioterapia ed emodialisi, il 30 giugno dovrebbe essere completata la costruzione dell'Ospedale del Mare, il cui appalto è iniziato 13 anni fa “Le scadenze si rispettano al minuto. Entro il 30 giugno completeremo l'Ospedale del Mare”. Lo ha dichiarato il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, intervenendo mercoledì a un incontro sulla sanità tenutosi all'Università degli Studi di Napoli Parthenope. Peccato che il completamento del nosocomio sito a Ponticelli, il cui appalto è iniziato nel 2004, ovvero ben 13 anni fa, non basterà a risolvere i problemi della sanità campana. Il completamento dell'Ospedale del Mare è certamente una buona notizia dopo che a dicembre è avvenuta l'inaugurazione di tre reparti: radiologia, radioterapia ed emodialisi. Chi

Pressioni nomine manager sanità, condannato Nello Mastursi

L'ex capo staff del governatore della Campania, Vincenzo De Luca, è stato condannato a 1 anno e 8 mesi Roma, 9 marzo – Nello Mastursi, ex capo staff del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, è stato condannato con rito abbreviato dal Tribunale di Roma a 1 anno e 8 mesi di reclusione per il reato di induzione indebita a promettere. Sono stati rinviati a giudizio, invece, gli altri cinque imputati tra cui il giudice Anna Scognamiglio ed il marito Guglielmo Manna. La prima udienza del processo è fissata per il prossimo 18 settembre. Durante le indagini emerse che Manna avrebbe fatto pressioni sulla moglie in relazione alla sentenza della prima sezione civile del Tribunale di Napoli, che bloccava gli effetti

Sanità, altri 54 milioni per la Campania per la possibile introduzione del criterio di “deprivazione sociale”

La soddisfazione del governatore De Luca: “È l'inizio di un cambiamento di metodo che potrà portare ad acquisire nel riparto il peso della condizione sociale della nostra Regione” Napoli, 24 febbraio – “Piena soddisfazione per il risultato ottenuto dalla Campania nel riparto del Fondo nazionale per la sanità. Il Fondo destinato alla Campania sarà di 10 miliardi e 254 milioni, 54 milioni in più rispetto allo scorso anno”. Lo ha affermato il governatore Vincenzo De Luca, commentando il riparto del Fondo sanitario nazionale 2017. “Ma la cosa più importante – ha aggiunto – è che il criterio di riparto non tiene conto solo del dato anagrafico della Campania regione 'più giovane'. È l'inizio di un cambiamento di metodo che potrà portare ad

Sanità, il commissariamento potrebbe durare altri due anni. Polimeni: “C’è ancora tanta strada da fare”

Il commissario governativo per la sanità campana ha spiegato che per uscire dal commissariamento servono “un consolidato equilibrio economico finanziario” e “l'incremento dei Lea” Napoli, 18 febbraio – “Per uscire dal commissariamento della sanità alla Campania servono due elementi fondamentali: un consolidato equilibrio economico finanziario e l'incremento dei Lea”. Lo ha affermato il commissario governativo per la sanità campana, Joseph Polimeni, a margine del convegno “La sanità che cambia” tenutosi venerdì al centro congressi dell'ateneo Federico II a Napoli. Per quanto riguarda l'aspetto economico, la Campania “deve dimostrare non solo in modo annuale o biennale, ma anche in senso prospettico che ha messo in sicurezza il suo equilibrio economico finanziario”. Mentre per quanto riguarda i Lea (Livelli essenziali di assistenza), questi “vanno

Sanità, De Luca sarcastico: “Siamo i primi in Italia, con 1,6 miliardi in meno”. Ma il problema dei fondi resta e va risolto

Per il governatore le fotografie ai pazienti curati a terra all'ospedale San Giovanni Bosco sono “atti di sciacallaggio” Napoli, 12 febbraio – “Gli atti di sciacallaggio sulla sanità campana non ci devono distrarre”. Lo ha detto il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, durante la visita all'Ospedale Cardarelli in occasione della giornata mondiale del malato. Quali sarebbero questi “atti di sciacallaggio”? Le fotografie che i cittadini, prima all'ospedale di Nola e poi al San Giovanni Bosco, hanno scattato per denunciare le spiacevoli situazioni di cui sono stati testimoni. “È successo che al San Giovanni Bosco una persona sia stata messa a terra per dieci secondi e subito è uscito qualcuno a fotografarla. Io sono nettamente contro lo sciacallaggio e l'idiozia. In

Sanità, Ciarambino (M5S): “La rianimazione dell’Ospedale di Nola inaugurata tre giorni fa non è ancora operativa”

La capogruppo pentastellata in Consiglio regionale: “Inconcepibile inaugurare reparti e non garantirne la funzionalità” Napoli, 2 febbraio – “Ancora una volta tocca al Movimento 5 Stelle svelare i bluff del presidente De Luca. Il nuovo reparto di rianimazione dell'ospedale di Nola, inaugurato in pompa magna da quest'ultimo appena tre giorni fa, non è ancora operativo”. Lo ha affermato la capogruppo pentastellata in Consiglio regionale, Valeria Ciarambino. “Un paziente, giunto in arresto cardiaco – ha spiegato la consigliera –, è stato trasferito in un altro nosocomio visto che nella vecchia rianimazione i sei posti letto disponibili erano occupati e la nuova rianimazione scandalosamente è ancora un reparto fantasma. Il presidente De Luca è un professionista dei tagli di nastro, ma il nuovo reparto