Telescopio spaziale TESS della NASA scopre pianeta abitabile: due federiciani del team

Scoperto un pianeta parte di un sistema planetario triplo e tra pochi pianeti di dimensioni terrestri individuati finora nella zona abitabile Giovanni Covone, docente di astronomia e astrofisica e Luca Cacciapuoti, studente magistrale del corso di laurea in Fisica, hanno preso parte alla prima scoperta di un pianeta extrasolare di dimensioni terrestri nella cosiddetta zona abitabile, del telescopio spaziale Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS) della NASA. Progettato e lanciato in orbita allo scopo di trovare pianeti simili alla Terra in orbita attorno a stelle vicine, TESS ha scoperto un pianeta parte di un sistema planetario triplo e tra pochi pianeti di dimensioni terrestri individuati finora nella zona abitabile (cioè la regione intorno ad una stella dove è possibile la presenza di acqua liquida sulla superficie di un pianeta), intorno alla stella

Allarme rientrato, i frammenti del satellite Goce non colpiranno l’Italia

Roma, 10 novembre - In un comunicato diffuso poche ore fa dall' Esa (Agenzia Spaziale Europea), è stato scongiurato il rischio per l' Italia e per tutto il vecchio continente, di essere colpite dai frammenti del satellite europeo Goce (Gravity Field and Steady State Ocean Circulation Explorer). Goce, così bello da essere stato soprannominato "la Ferrari del cielo", è rimasto a corto di carburante ed è da qualche giorno in caduta libera verso la Terra. In un primo momento l'Asi (Agenzia Spaziale Italiana) e la Protezione Civile, avevano diffuso l' allerta per lo stato di pericolo del nostro Paese, potenzialmente interessato dalla caduta di frammenti del satellite. A tal proposito erano state individuate 3 finestre temporali: la prima (il cui rischio è stato