Pompei, Schola Armatorarum: dagli scavi emerge un deposito di anfore

Siamo solo all’inizio di questa  avventura e già iniziano ad emergere reperti intatti che aggiungono elementi nuovi alla lettura della storia dell’antica città A Pompei si scava. Presso la Schola Armaturarum, ormai simbolo di rinascita per Pompei, dove è in corso il restauro degli affreschi originali salvatisi dal bombardamento del 1943, dallo scorso luglio è stato avviato anche lo scavo degli ambienti retrostanti, mai prima indagati. Un deposito di anfore, al momento formato da quattordici reperti immersi nel lapillo, è stato riportato alla luce. Si tratta di uno dei tre ambienti individuati alle spalle della parte di struttura più nota della Schola Armatorarum. Le anfore rinvenute intatte, dovevano contenere olio, vino e salse di pesce: un'anfora presenta iscrizioni dipinte in cui si leggono numeri, a indicare

Domeniche gratis: boom di visitatori a Pompei, oltre 27 mila presenze

4 mila visitatori al Parco archeologico di Ercolano Napoli, 2 ottobre - Oltre 30 mila presenze sono state registrate nei siti archeologici vesuviani per la prima domenica del mese, in occasione dell' ingresso gratuito ai luoghi della cultura statali. A Pompei - secondo i dati della Soprintendenza - sono state 27.180 le presenze. 4.699 quelle al Parco archeologico di Ercolano, 711 agli Scavi di Oplonti e 111 al museo di Boscoreale. La domenica gratis ai siti e musei statali è una iniziativa promossa dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e nei siti archeologici vesuviani sta riscuotendo successo e gradimento del pubblico.

Pompei apre al pubblico il complesso Championnet e la Casa del marinaio

Gli esclusivi quartieri panoramici a terrazze dell’antica Pompei aprono al pubblico. Due grandi interventi di messa in sicurezza e restauro portati a compimento nell'ambito del Grande Progetto Pompei Pompei - Venerdì 22 settembre la presentazione alla stampa. Si tratta del complesso di Championnet, un insieme di eleganti edifici residenziali (oltre 60 ambienti) finemente decorati e articolati in diversi atri e peristili, disposti a terrazza a sud ovest del pianoro di Pompei, con affacci panoramici sulla piana del Sarno. E della casa del Marinaio, edificio, a doppio atrio, con impianto termale privato e un ampio sotterraneo adibito a panificio; un unicum nel panorama domestico pompeiano. Le due grandi strutture aprono per la prima volta al pubblico, con un'esposizione di reperti originali in più ambienti e

La VII Commissione Cultura del Senato in visita a Pompei

Sottosegretario Cesaro: “Prima Pompei era vista come un problema e non una opportunità per il Paese. Oggi si può guardare al sito come vanto" Si è tenuto questa mattina all’Auditorium degli scavi di Pompei l’incontro con la VII Commissione Permanente (istruzione Pubblica, beni culturali) del Senato, in visita al sito archeologico, per un aggiornamento sullo stato dei lavori del Grande Progetto Pompei (GPP). Il tavolo di lavoro è stato presieduto dal Presidente della VII Commissione, Senatore Andrea Marcucci, dal Direttore Generale del Parco archeologico di Pompei, Massimo Osanna, dal Direttore Generale del Grande Progetto Pompei, Generale Luigi Curatoli e dal Sottosegretario di Stato per i beni e le attività culturali e per il turismo, on. Antimo Cesaro. Dopo un punto della situazione

Grande Progetto Pompei, partono i cantieri di messa in sicurezza della città antica 

Entro due anni, completa la messa insicurezza del sito archeologico di Pompei Pompei (Napoli), 17 agosto - ​Con l’avvio del cantiere di messa in sicurezza dei fronti di scavo, ovvero di tutta quella porzione di terreno che circonda l’area non scavata di Pompei, di circa 22 ettari, e con la ripresa dei cantieri della Regio I, II e III precedentemente bloccati a causa di un ricorso al TAR, entro il 2019 l’area archeologica di Pompei sarà interamente consolidata. Oltre due chilometri di muri antichi saranno oggetto di messa in sicurezza, mentre l’area  non scavata alle spalle dei fronti di scavo, nelle Regiones I-III-IV-V-IX, sarà oggetto  di intervento di mitigazione del rischio idrogeologico, che assicurando un adeguato drenaggio del suolo consentirà di ridurre la spinta del terreno

A Paestum per una domenica all’insegna dell’arte, la storia e la natura

Domenica 5 si parte dal tempio di Athena, il punto più alto della città, per arrivare al mare percorrendo “Il Sentiero degli Argonauti”. Una piacevole passeggiata tra archeologia, storia e paesaggio, sapientemente guidati da Legambiente Paestum L'appuntamento è alle ore 10:30 alla biglietteria del Museo, dove i partecipanti ritireranno il biglietto gratuito per poi partire dal tempio di Athena. Il percorso, di facile percorrenza, è di circa 2 Km (si consigliano scarpe comode). Alle 10.30, passeggiata dai templi al mare con Legambiente; alle 11.30 e alle 15.30 visite guidate, in italiano e in inglese, all'area del santuario meridionale (Tempio di Nettuno e Basilica). Successivamente "Paestum per tutti - Architetture senza barriere": gli assistenti alla fruizione del Parco Archeologico di Paestum guideranno i

Crollo a Pompei, nell’atrio della casa del Pressorio di terracotta

Cedimento di una porzione di una parete non affrescata della domus chiusa al pubblico Pompei, 27 gennaio - Nel corso dei sopralluoghi del personale di custodia di questa mattina è stato rilevato il cedimento di una porzione di muro di circa 1,5  mq, pertinente alla parete non affrescata di un cubicolo che affaccia sull’atrio di una domus chiusa al pubblico, nota come la casa del Pressorio di terracotta, posta sulla via dell’Abbondanza al civico 22 (Insula IV) della Regio I.  Sono in corso i sopralluoghi dei tecnici e dei Carabinieri di Torre Annunziata per le verifiche del caso. La Regio I  assieme alla Regio II sono le ultime Regiones  del sito di Pompei, nelle quali deve avviarsi la messa in sicurezza prevista dal

Turismo: siti archeologici e parchi presi d’assalto dai turisti nel giorno di Ognissanti

Solo gli scavi di Pompei hanno fatto registrare oltre 10mila presenze Ercolano - Parchi naturali, siti archeologici e ville vesuviane prese d'assalto dai turisti nel ponte di Ognissanti anche in provincia di Napoli. Bene il Vesuvio che fa registrare 8.403 presenze: secondo i dati forniti dal consorzio Arte'm, ente concessionario del servizio di biglietteria, gli ingressi al Gran Cono sono stati 3.442 il 30 ottobre, 2.323 il 31 ottobre e 2.638 il primo novembre. Gruppi di turisti anche nei siti archeologici di Ercolano, Pompei, Oplontis, Stabia e Boscoreale. Nella sola giornata di ieri a Pompei - da quanto si apprende dalla Soprintendenza - sono stati 10.250 i visitatori. Aperti anche oggi, primo novembre, fino al tramonto i parchi verdi di Villa Bruno e

Scavi di Pompei, chiusura temporanea dell’Anfiteatro

Disallestimento della Piramide sede temporanea della Mostra Mito e Natura "Napoli, 14 giugno - L’Anfiteatro di Pompei chiuderà temporaneamente al pubblico dal 15 giugno (dalle ore 18,30) fino al giorno 25 giugno, al fine di consentire gli interventi di disallestimento della Piramide sede temporanea della Mostra Mito e Natura che ha visto in esposizione reperti organici e affreschi di “Nature Morte”. La Mostra che chiuderà il 15 giugno per la parte espositiva della Piramide, continua con l’itinerario tematicoall’interno dell’area archeologica nelle domus di recente restauro che caratterizzate da splendidi giardini e spazi verdi appositamente risistemati o ripristinati. L’Anfiteatro, che riaprirà regolarmente alle visite il 26 giugno, sarà sede privilegiata dei concerti di David Gilmour il 7 e 8 luglio e di Elton John

Percorsi di visita serali agli scavi archeologici: a Pompei rinviata l’apertura

Confermata l’apertura agli scavi di Ercolano prevista per sabato 14 maggio Ogni sabato sera, fino al 1 ottobre, dalle ore 20 alle 23 (ultimo ingresso ore 22), nell’ambito dei progetti di valorizzazione promossi dal Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo in collaborazione con la Soprintendenza Pompei, sono previste aperture straordinarie serali dei siti statali. Confermata l’apertura serale del sito archeologico di Ercolano, dove al costo di ingresso di 2 euro, gi scavi saranno visitabili con il supporto del  Gruppo archeologico vesuviano, che accompagnerà il visitatore alla scoperta dei reperti conservati nel Padiglione della Barca, dove è anche esposta l’imbarcazione ritrovata sulla spiaggia antica di Ercolano. Da qui si raggiungerà l’area dei Fornici, sfortunato ricovero per i circa

Pompei: dopo 36 anni riapre l’Antiquarium, si inagura la mostra Per grazie ricevuta

Presentazione e inaugurazione giovedì 28 aprile alle ore11 con il Direttore Generale Soprintendenza Pompei Massimo Osanna e Monsignor Tommaso caputo Dopo 36 anni riapre al pubblico l'Antiquarium degli scavi di Pompei. Realizzato nel 1870 da Giuseppe Fiorelli, bombardato nel 1943, riallestito nel 1948 da Amedeo Maiuri e chiuso nel 1980 in seguito al terremoto, il 28 Aprile 2016  si inaugura nella sua nuova veste di visitor center e spazio museale. Un luogo di accoglienza e conoscenza per approfondire la storia della città dalle sue origini al 79 d.C., attraverso nuovi allestimenti museali e multimediali, spazi dedicati alle mostre, percorsi di realtà virtuale immersiva per rivivere l’esperienza tragica dell’eruzione e la vita quotidiana dell’epoca, e un nuovo e moderno bookshop. Negli spazi riservati alle mostre, l’esposizione

1° Maggio, apertura straordinaria dei siti archeologici Vesuviani

Ingresso gratuito la prima domenica del mese che coincide con la festa dei lavoratori La Soprintendenza Pompei comunica che i siti archeologici vesuviani saranno aperti in via straordinaria e ad ingresso gratuito domenica 1 maggio, come da iniziativa del Ministero per i beni, le attività culturali e il turismo. Per gli Scavi di Pompei, al fine di  regolamentare il massiccio afflusso di visitatori verificatosi nelle precedenti domeniche e garantire la sicurezza e la salvaguardia dell’area archeologica, l’accesso al sito sarà consentito nelle seguenti fasce orarie: dalle ore 9,00 alle ore 12,00 e dalle 14,30 alle 18,00. Al fine di evitare un eccesivo sovraffollamento la Soprintendenza si riserva di anticipare la chiusura delle casse al raggiungimento dei 15mila ingressi nella prima fascia oraria. Il

“Vita e Sport a Pompei” per la Giornata internazionale per i monumenti e siti del Patrimonio sportivo

I soci di Icomos agli Scavi di Pompei per festeggiare il ruolo formativo dello sport Cade il 18 aprile di ogni anno la giornata internazionale per i monumenti e i siti che l’ICOMOS, (International Council on Monuments and Sites) dedica per il 2016 al Patrimonio sportivo;  lo spunto derivato dalle prossime olimpiadi che si terranno a Rio de Janeiro nel mese di agosto 2016 per celebrare in particolar modo il ruolo formativo dello sport nella vita umana. Il prossimo 18 aprile i soci dell’Associazione parteciperanno all’evento ‘Vita e Sport a Pompei’ organizzato da ICOMOS Italia in collaborazione con la Soprintendenza Pompei, all’interno degli Scavi archeologici di Pompei, dove potranno visitare i luoghi destinati alla pratica sportiva dell’antica città quali la palestra grande, la

Grande progetto Pompei: restituite al pubblico nuove domus, strade e botteghe

Area di 60mila metri quadri con botteghe, strade e botteghe, la messa in sicurezza del sito ha raggiunto il 44% https://www.youtube.com/watch?v=B95j0oDPloY Napoli, 24 marzo - Non più tessere di mosaici che saltano, o rigonfi per l'umidità nelle sontuose Domus dell'antica Pompei. Un'area di 60 mila metri quadri, con botteghe, attività commerciali, Domus e una rete viaria completamente accessibile, viene restituita al pubblico al termine degli interventi di messa in sicurezza della Regio VIII, previsti dal Grande Progetto Pompei. Si tratta della vasta area meridionale-occidentale della città antica, che a sud del Foro, dalla Basilica degli scavi si estende fino al quartiere dei teatri, affacciandosi su via dell'Abbondanza. "L'impegno del personale della Soprintendenza e della Direzione del Grande Progetto Pompei che - ha spiegato