Movida violenta a Napoli, 30 ragazzini aggrediscono 3 giovani

Denuncia alla Ps, i tre giovani "colpiti senza motivo". Spari al Vomero Napoli, 2 giugno - Tre giovani residenti in provincia di Napoli sono stati aggrediti e malmenati la scorsa notte da una baby gang composta, a detta delle vittime, da una trentina di ragazzini. Il fatto è avvenuto in vico Carrozzieri, zona Monteoliveto, nel cuore delle strade della movida partenopea. Le vittime hanno rispettivamente 23, 21 e 20 anni. Alla Polizia di Stato hanno raccontato di aver incrociato il branco di ragazzini e che da uno scambio di parole grosse, per futili motivi, si è poi passati all'aggressione con pugni e calci. I feriti sono stati medicati in ospedale e dimessi: il 20enne ha riportato contusioni al fianco e al torace,

Spari nel cortile del “Vecchio Pellegrini”

Probabile obiettivo 22enne ferito giunto poco prima Napoli 17 maggio - Agguato in ospedale la scorsa notte a Napoli dove un ragazzo armato di pistola e con in testa un casco, ha sparato alcuni colpi d'arma da fuoco nel cortile dell'ospedale Vecchio Pellegrini di Napoli all'indirizzo di un 22enne del quartiere Arenella giunto poco prima, insieme con altri giovani, con ferite d'arma da fuoco alle gambe. I colpi, per fortuna, non hanno raggiunto il giovane. Sull'accaduto sono in corso indagini da parte dei carabinieri della Compagnia Centro.

Spara sotto casa della ex poi investe un poliziotto

60enne finge di arrendersi e sperona volante, bloccato dalla polizia Napoli, 2 dicembre - Un 60enne a Napoli spara sotto la casa della ex, poi investe un poliziotto e viene arrestato per atti persecutori, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, violenza privata. Fermato da una pattuglia, ha finto di arrendersi e, quando i poliziotti sono scesi dalle auto, ne ha investito uno per poi speronare una delle volanti per aprirsi un varco, ma senza risultato. L'uomo aveva sparato diversi colpi d'arma da fuoco quali avvertimenti per la sua ex compagna, che voleva interrompere ogni genere di rapporto con lui. La vittima ha denunciato che l'uomo, in passato, vista la sua volontà di interrompere ogni relazione con lui, manifestata più volte, la minacciava

Spari a Fuorigrotta, indagini dei carabinieri: uomo ferito per la paura

Uomo di 64 anni per lo spavento ha urtato contro qualcosa in casa Napoli, 6 ottobre - Indagini dei carabinieri sono in corso per capire cosa sia successo la scorsa notte nel quartiere Fuorigrotta di Napoli dove sono stati esplosi colpi di arma da fuoco. Un uomo di 64 anni è rimasto ferito ma non perché raggiunto da qualche proiettile. Secondo accertamenti successivi, infatti, è stato accertato che l'uomo, incensurato, quando ha sentito l'esplosione di colpi, si è spaventato e alzandosi di fretta dal letto ha sbattuto contro qualcosa procurandosi una ferita guaribile in dieci giorni. In via Giacomo Leopardi, dove si è verificata la sparatoria, i militari stanno cercando di capire cosa sia successo prima e subito dopo il fatto: l'area

Forcella, ferito 13enne in raid contro centro scommesse

Esplosi almeno 6 colpi d'arma da fuoco Napoli, 20 settembre - Un ragazzino di 13 anni è stato leggermente ferito allo zigomo da una scheggia di vetro durante un raid intimidatorio con colpi di pistola sparati contro un centro scommesse nella zona di Forcella, a Napoli. L'episodio è avvenuto nella serata di ieri. Anche una cassiera, nelle fasi di concitazione, si è leggermente ferita. Nessuna delle persone presenti nel centro è stata raggiunta dai colpi, almeno 6, sparati da due persone in sella ad uno scooter. Sta indagando la Squadra Mobile con l'ausilio anche della Scientifica.

“Stesa” a Forcella, ferita una donna affacciata al balcone

Il raid nel quartiere dove fu uccisa per errore la 14enne Annalisa Durante Napoli, 4 settembre - E' ancora ricoverata in ospedale la donna di 52 anni ferita da un proiettile vagante a Napoli. Il fatto è avvenuto in via Vicaria Vecchia, nella zona di Forcella nel corso di una "stesa", raid in cui vengono esplosi colpi in aria a scopo intimidatorio. La donna era affacciata al balcone di casa quando è stata ferita da un colpo d'arma da fuoco. A sparare sarebbero state due persone in sella ad uno scooter con il volto coperto da un casco che entrati hanno fatto fuoco in aria. Il fatto è accaduto poco dopo le 23. La donna è stata soccorsa e portata in ospedale. Le

Quarto: 16enne spara in aria. Fermato da carabiniere interviene lo zio, arrestato

La pistola era una scacciacani. Arrestato lo zio del ragazzo per minacce al militare Napoli, 15 luglio - Estrae una pistola dalla cintola e spara in aria, mentre passa un carabiniere in borghese. Il militare lo blocca, scopre che si tratta di un minore e che l'arma è finta. Sul posto intervengono i parenti del ragazzo, uno minaccia il militare e viene arrestato. E' accaduto a Quarto (Napoli) dove i militari della locale tenenza hanno arrestato con l'accusa di resistenza e minaccia aggravata a pubblico ufficiale un 34enne già noto alle forze dell'ordine per reati comuni. Il militare dell'Arma che, libero dal servizio, stava transitando in abiti civili in via Crocillo alla guida della sua vettura, ha notato un giovane, successivamente identificato nel

18 colpi d’arma da fuoco a Monte di Dio, ferito un parcheggiatore abusivo

L'uomo è stato sottoposto a intervento chirurgico. Indaga la Polizia Napoli, 9 luglio - Diciotto colpi d'arma da fuoco sono stati esplosi la scorsa notte da sconosciuti in via Supportico d'Astuti, in zona Monte di Dio, a Napoli. A far scattare l'allarme è stata una guardia giurata che ha udito gli spari ed ha chiamato la polizia. Il fatto è accaduto intorno alle 2,30 della scorsa notte. Gli agenti giunti sul posto hanno trovato i 18 bossoli esplosi da tre armi di calibro diverso ed alcune macchie di sangue. Successivamente in Questura è giunta la segnalazione di un uomo ferito a colpi d'arma da fuoco, ricoverato in gravi condizioni all'ospedale 'Loreto Mare'. L'uomo, 32 anni, è stato sottoposto ad un intervento chirurgico

Qualiano, spari vicino alla piazza di un comizio

Due persone a bordo di una moto Transalp hanno esploso colpi, per i carabinieri nessun legame con elezioni Napoli, 23 giugno - Paura ieri sera a Qualiano, in provincia di Napoli, dove a circa duecento metri da piazza Rosselli, dove era in corso un comizio elettorale, sono stati esplosi colpi d'arma da fuoco. Secondo la ricostruzione dei carabinieri non ci sarebbe alcun legame tra la sparatoria e il comizio elettorale. E' avvenuto tutto intorno alle ore 22. Era in corso l'intervento elettorale quando alle spalle della piazza due persone a bordo di una moto Transalp e con il volto coperto da caschi integrali hanno esploso diversi colpi d'arma da fuoco: in seguito ai rilievi sono stati trovati cinque bossoli. Le indagini sono in

Napoli, chef originario del Mali rimasto ferito da colpi di arma da fuoco

La vittima: "Sparavano e ridevano, credevo di morire." Nuova denuncia contro clima di tensione verso gli immigrati Napoli, 22 giugno - Vittima di un nuovo atto di razzismo contro gli immigrati è un giovane chef originario del Mali. Konate Bouyagui, tornava a casa dopo un giornata di lavoro quando è stato sorpreso da due ragazzi in Corso Umberto. Due colpi all'addome, Konate credeva di morire; "Erano due ragazzi, sparavano e ridevano in un'auto in corsa", racconterà poi alla polizia. Il giovane, in Italia da 5 anni, era riuscito ad integrarsi nel paese grazie a un percorso organizzato da Less Onlus; successivamente insieme ad altri migranti aveva aperto un ristorante multietnico: "Kikana", al Parco Margherita. Abile in cucina, è diventato noto per esser stato

Esplode tre colpi in aria e tenta di rapinare una pasticceria, arrestato

Carabinieri hanno sequestrato la pistola e recuperato il bottino Napoli, 17 giugno - E' entrato all'interno di una pasticceria di Casandrino, in provincia di Napoli, per compiere una rapina. Ma quando il titolare ed i suoi familiari hanno tentato di reagire non ha esitato ad esplodere con una pistola tre colpi in aria. Poi ha afferrato 150 euro dalla cassa e si è dato alla fuga. Il rapinatore, un 48enne, è stato bloccato poco dopo dai carabinieri che erano stati, nel frattempo, allertati. Non ci sono feriti. I militari hanno rinvenuto e sequestrato l'arma, una pistola Beretta calibro 9 con matricola abrasa, trovata col colpo in canna. Recuperato il bottino, il rapinatore è stato portato in caserma.

Agguato di camorra al Rione Conocal: un morto ed un ferito

Nel quartiere di Ponticelli si torna a sparare, muore un 19enne sparato alla schiena Napoli, 27 aprile - Poco prima delle 20 di ieri, in via al Chiaro di Luna, nel Rione Conocal, un giovane diciannovenne è stato ucciso da un colpo di arma da fuoco alla schiena. Emanuele Errico, così si chiamava il ragazzo, è morto dopo essere stato trasportato all’ospedale di Villa Betania. Era insieme ad un amico, il trentenne Rosario Ciro Denaro, originario di Volla, rimasto ferito alla gamba sinistra. Secondo la ricostruzione dei Carabinieri sembrerebbe che Errico, evaso dagli arresti domiciliari ottenuti per spaccio di stupefacenti, si sia reso conto di ciò che stava accadendo e perciò abbia cercato di scappare dirigendosi verso l’interno delle palazzine. Conosciuto nel rione Conocal

Spari ai baretti di Chiaia, fermato figlio di camorrista

Sfida tra due gruppi di giovani dopo appuntamento su Facebook Napoli, 29 novembre - Giuseppe Troncone, 20 anni, figlio di un esponente di un clan attivo nella periferia occidentale di Napoli, è stato fermato dalla polizia con l'accusa di tentativo di omicidio nell'ambito delle indagini sulla sparatoria avvenuta nella notte tra il 18 e il 19 novembre scorso davanti ai baretti di Chiaia, luogo della movida napoletana, durante la quale furono feriti quattro ragazzi. Il provvedimento di fermo è stato emesso dai pm della Dda Celeste Carrano e Antonella Fratello. Avrebbe tentato di depistare le indagini quando la notte stessa della sparatoria si recò al pronto soccorso dell'ospedale di Pozzuoli, sostenendo di avere subìto una rapina e inducendo altre persone a riferire

Agguato a Napoli, ferito per errore un 15enne mentre gioca a pallone

L'episodio in piazza Tafuri, nella zona di Marianella. Il ragazzo è in ospedale ma non è grave Napoli, 2 luglio - Un ragazzino di 15 anni è stato ferito alla natica sinistra da un colpo d'arma da fuoco sparato durante un agguato scattato a Napoli con l'obiettivo di colpire un ex collaboratore di giustizia. L'episodio è avvenuto nel tardo pomeriggio di ieri in piazza Tafuri, nella zona di Marianella. Il ragazzino stava giocando a pallone mentre l'ex collaboratore di giustizia, a piedi, stava passando in piazza. In quel momento sono entrate in azione due persone in sella a uno scooter che hanno sparato un colpo di pistola contro l'ex pentito. Il proiettile, però, ha mancato l'obiettivo ed ha colpito il giovane che