Fase 2 emergenza Covid19, De Luca: “Campania regione più penalizzata d’Italia per un blocco di interessi nordista”

Il governatore, nella consueta diretta su Facebook del venerdì, ha ricordato come la Campania riceva meno soldi di quanti le spetterebbero nel riparto del fondo sanitario nazionale e ha spiegato che durante l'emergenza Covid19 è stata anche quella che ha ricevuto meno tamponi “La Campania è la regione più penalizzata d’Italia e lo Stato italiano dovrebbe vergognarsi. Rispetto a questo dato indegno di un Paese civile, lo Stato non ha fatto nulla. Nessuna coalizione politica ha fatto niente, di centrodestra o di centrosinistra. C’è un blocco di interessi nordista che ha prevalso su ogni regola di civiltà e di correttezza”. A dirlo il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, durante la consueta diretta Facebook del venerdì per il punto sull'emergenza

Sanità campana, ok dalla conferenza Stato-Regioni a fine commissariamento

La conferenza Stato-Regioni ha approvato la richiesta della Campania di uscita dal commissariamento della sanità. Ora manca solo il via libera del Governo La conferenza Stato-Regioni ha dato parere favorevole alla richiesta della Regione Campania di uscita dal commissariamento della sanità. Ora manca solo il via libera del Governo, che potrebbe avvenire nel primo Consiglio dei ministri utile. “Per noi è un obiettivo di immenso valore. Dopo 10 anni di commissariamento rientriamo nella gestione ordinaria”, è il commento del presidente della Regione Vincenzo De Luca. “Abbiamo fatto – prosegue De Luca – un lavoro straordinario di risanamento finanziario e di avanzamento dei livelli essenziali di assistenza. La caratteristica fondamentale di questo lavoro è che abbiamo risanato i bilanci delle Asl senza tagliare,

Cure palliative, accordo Stato Regioni sui profili professionali

La conferenza Stato-Regioni riconosce il ruolo  degli operatori con esperienza triennale Cure palliative e terapia del dolore, la Conferenza Stato-Regioni definisce altri aspetti fondamentali della Legge 38 del 2010, individuando le figure professionali con competenze ed esperienze specifiche nel settore, per adulti e per l’età pediatrica, riconoscendo a pieno il ruolo dei professionisti e degli operatori sanitari che abbiano maturato un’esperienza almeno triennale nel campo delle cure palliative e la terapia del dolore. Particolare soddisfazione per l’ennesimo e importante passo in avanti, sotto il profilo istituzionale e organizzativo, è stata espressa dal dottor Sergio Canzanella, manager dell’European Cancer Patient Coalition, nonché dirigente dell’Associazione House Hospital onlus e segretario regionale campano della Società Italiana Cure Palliative. L’accordo sull’individuazione delle figure professionali competenti e preparate