Terrorismo, arrestato a Napoli gambiano appartenente all’Isis

Secondo il procuratore di Napoli l'uomo ha partecipato a duro addestramento in Libia Napoli, 25 giugno - Un cittadino gambiano, accusato di essere legato all'Isis, Sillah Osman, di 34 anni, è stato fermato a Napoli, nel corso di un blitz di polizia e carabinieri. Lo ha reso noto il procuratore di Napoli, Giovanni Melillo, durante un incontro con i giornalisti. Il gambiano ha partecipato, è stato reso noto a un duro addestramento in Libia, in una zona desertica. Il gambiano fermato a Napoli doveva compiere un attentato in Spagna o in Francia, insieme con il giovane di 21 anni Alagie Touray (vai all'articolo), preso lo scorso 20 aprile davanti alla moschea di Licola, nel napoletano, nel corso di un blitz interforze del Ros

Il Madre Museo più social del sud Italia, riconoscimento Atribune

Sull’account Spotify del museo nuove playlist inedite per gli eventi speciali. Per la Notte europea dei Musei apertura straordinaria fino alle 23.00 e ingresso a 1 euro dalle 19.30. A maggio al museo d’arte contemporanea Donnaregina visite guidate, attività per famiglie e itinerari urbani che coinvolgeranno tutta la città  Ad un mese dall’attivazione dei nuovi canali Spotify, Smartify, WhatsApp e Telegram, il prestigioso portale Artribune ha attribuito al Madre il riconoscimento di “Museo più social del sud Italia”. Una nuova menzione per il museo d’arte contemporanea Donnaregina dopo quella recentemente ricevuta da Twitter: nelle statistiche ufficiali della MuseumWeek 2018, l’evento web che per una settimana coinvolge i musei di tutto il mondo, è stato infatti inserito tra i 10 musei più “influenti” d’Italia. Per il mese di maggio, in cui sono in programma visite guidate alle collezioni del Madre e ai luoghi del contemporaneo della

Terrorismo, africano arrestato a Napoli

Doveva lanciarsi con un'auto contro la folla Un migrante del Gambia è stato arrestato su richiesta della Procura della Repubblica di Napoli nell'ambito di un'operazione congiunta condotta da Digos e Ros. L'accusa nei suoi confronti è quella di far parte di un'associazione terroristica denominata Islamic State o Daesh. Il giovane si chiama Alagie Touray, 21 anni, era sbarcato a Messina il 22 marzo 2017 con altri 638 migranti, di cui 208 provenivano dal Gambia e, munito di foglio di soggiorno provvisorio, da circa un anno era ospite di una struttura alberghiera, adibita a centro di accoglienza, a Licola. Il fermo, avvenuto il 20 aprile all'uscita della moschea di Licola, è stato convalidato dal giudice che ha emesso l'ordinanza di custodia cautelare dopo una