Due feriti nel Casertano per scontri fra ultras

A fine gara il presidente dell'Albanova, Zippo, ha annunciato le dimissioni Durante degli scontri avvenuti prima della partita per il campionato di Eccellenza con i supporter della squadra locale dell'Albanova, due tifosi dell'Afragolese sono rimasti feriti a Casal di Principe. Ad essere presenti nel momento dello scontro, avvenuto nel piazzale dello stadio di Casal di Principe, c'erano solo i carabinieri. Il match non era stato segnalato come a rischio scontri. Ad avere la peggio sono stati Nicola Pannone dg dell'Afragolese, che ha riportato la frattura di un femore, ed un tifoso del team napoletano, che ha riportato due ferite d'arma da taglio non gravi. In rinforzo ai carabinieri sono arrivati agenti dell Polizia di Stato. Gli scontri sono terminati prima della gara, che

De Laurentiis acquista il Bari Calcio, scoppia la protesta dei tifosi partenopei.

Ufficiale l'acquisto della società pugliese appena fallita. A breve l'accordo tra De Laurentiis e il Comune di Napoli sullo stadio San Paolo, vicina l'intesa per altri cinque anni È ormai ufficiale l'acquisto della società pugliese appena fallita. La trattativa si è conclusa alle 21: Aurelio De Laurentiis ha acquistato il Bari Calcio, a breve l'accordo tra De Laurentiis e il Comune di Napoli sullo stadio San Paolo, vicina l'intesa per altri cinque anni. Il Bari calcio riparte dalla Serie D, il sindaco del capoluogo pugliese indicherà alla Figc per l’assegnazione del titolo sportivo la Ssc Bari del patron del Napoli. È stato il primo cittadino, Antonio Decaro, a dare la notizia spiegando di averlo "scelto perché ha mostrato passione e competenza. Gestisce una società che partecipa

Napoli-Torino. Al San Paolo accoglienza straordinaria per gli Azzurri

Squadre in campo quest’oggi alle ore 15 Napoli, 6 maggio – Dopo aver probabilmente detto addio al discorso scudetto con la sconfitta di Firenze, il Napoli affronterà quest’oggi il Torino dell’ex Walter Mazzarri nel match valido per la trentaseiesima giornata di Serie A. Se il Napoli vince i punti di distacco in classifica dalla Juve restano 4, difficilissimi da recuperare in appena due giornate dal termine del campionato, anche se nulla è impossibile. Nell’impianto di Fuorigrotta sarà comunque festa: previsto il pubblico il pubblico delle grandi occasioni, con i tifosi pronti a ringraziare la banda Sarri per una stagione che resta straordinaria. E chissà che non ci sia spazio anche per qualche protesta contro i vertici del calcio italiano, viste le

Tifosi olandesi fermati dalla Polizia allo stadio San Paolo

Condotti in commissariato per identificazione, erano diretti allo stadio nonostante l'interdizione Napoli, 26 settembre - Sette tifosi olandesi in possesso del biglietto per accedere allo stadio San Paolo - malgrado Napoli-Feyenoord sia stata vietata agli ospiti dall'Uefa - sono stati bloccati e condotti dalla polizia nel commissariato San Paolo, per l'identificazione. I tifosi erano in fila ai tornelli: quattro diretti alla curva B, due alla tribuna ed uno ai distinti. Sequestrati i biglietti in loro possesso in attesa di accertamenti su come gli olandesi ne siano venuti in possesso. Nel frattempo, sul lungomare di Via Caracciolo, sono presenti circa 120 tifosi olandesi, monitorati dalle forze di polizia schierate per l'occasione.

Tre per tre fa nove e il Napoli passa a Bologna, 3 a 0

Il Napoli delle meraviglie dice buongiorno al campionato 2017-2018 con un biglietto da visita di tutto rispetto I dati: tre partite, tre vittorie, dunque nove punti, dieci i gol all’attivo, solo due al passivo, in due trasferte sei gol, forma strepitosa di Ghoulam, Allan, Reina, Koulibaly e Hysaj, intesa vincente del trio d’archi Callejon-Mertens-Insigne, primi violini di un’orchestra che Sarri dirige con maestria. Il copione? Identico quando l’antagonista è squadra di centro classifica, spinta all’illusione di uscire indenne dal confronto con un primo tempo frenetico, assillante, aggressivo. Lo ha preparato il simpatico Donadoni e per 45 minuti gli azzurri hanno stentato a esibire il fraseggio elegante, imprendibile, spettacolare, di cui sono accreditati oramai in tutta l’Europa. Per un niente, o meglio

Napoli-Nizza, oltre 50mila tifosi per l’andata dei playoff di Champions League. E Sarri suona la carica

Il tecnico del Napoli: “Questa città merita la Champions. Contro il Nizza sarà dura”. Mertens confermato titolare al centro dell'attacco, con Milik pronto a subentrare dalla panchina. Lucien Favre, tecnico del Nizza, dovrà fare a meno di Sneijder e Balotelli, ma non demorde: “Il Napoli è forte, ma tutti hanno un punto debole” Napoli, 16 agosto – Dopo un breve ciclo di amichevoli estive, di cui l'ultima con l'Espanyol pochi giorni fa, il Napoli questa sera affronterà il Nizza al San Paolo nella gara valida per l'andata dei playoff di Champions League. Si tratta della prima partita davvero importante della stagione, quella da non sbagliare assolutamente, e nell'impianto di Fuorigrotta siederà il pubblico delle grandi occasioni: oltre 50mila i tifosi azzurri

“I ragazzi della curva B”, bimbi orientali cantano il celebre coro da stadio in cinese

In tempo di dibattito sullo ius soli, i bambini cinesi di seconda generazione dimostrano di sentirsi italiani, napoletani e soprattutto tifosi del Napoli I piccoli allievi della scuola Yong En, tra una lezione di cinese e un laboratorio didattico, hanno così imparato e cantato nella lingua dei loro genitori “I ragazzi della curva B”, celebre pezzo di Nino D’Angelo che da decenni è considerato simbolo di “napoletanità”. “Un modo – spiega Jun Qin, presidente dell’associazione culturale Ciao Cina che è partner dell’iniziativa – per avvicinare due culture che non sono nemmeno più geograficamente lontane. Lo sforzo della nostra associazione è proprio quello di favorire l’integrazione della comunità cinese in Italia. Un impegno notevole, vista una storica diffidenza di entrambe le parti chiamate

Dal San Paolo al San Carlo, breve storia di un mito

Lettera aperta di Gerardo Mazziotti, architetto, giornalista e dichiarato tifoso del Napoli dagli anni cinquanta al sindaco de Magistris Mazziotti chiede il perché della cittadinanza di Napoli al calciatore Maradona, ma soprattutto l’incomprensibile scelta di non rispettare l’ovvia priorità del riconoscimento a un illustre napoletano d’adozione qual è Aldo Masullo, che in sintesi è descritto così: “Ha illustrato la città di Napoli in campo culturale e politico. Ordinario di Filosofia Teoretica della Federico II, Medaglia d’oro del ministero della Pubblica Istruzione, Presidente del Comitato Tecnico Scientifico della Fondazione “Gian Battista Vico”, è stato consigliere comunale di Napoli e candidato Sindaco, deputato e senatore. A dispetto dei suoi 93 anni, portati alla grande, è ospite d’onore dei numerosi congressi di filosofia che

L’ambo secco di Higuain: 9 la maglia e 71 l’uomo di…

Sconforto e amarezza tra i tifosi del Napoli per la decisione del proprio beniamino di lasciare i colori azzurri per indossare la maglia della storica rivale Napoli, 24 luglio - Si va dalla ormai classica statuina di San Gregorio Armeno che raffigura Higuain con la maglia della Juventus al camion per la raccolta dei rifiuti imbardato, nel vano dove si versano i rifiuti, con la bandiera con il volto di Higuain. "È questo il suo posto perché è na' munnezza" - questa la spiegazione degli operatori ai curiosi. Mentre nei vicoli di Napoli, nella zona dei presepi, la statuina del calciatore ora in bianconero fa bella mostra di se: "E' il pastore che non avrei mai voluto fare", ha scritto il maestro

Scontri tifoserie Napoli-Legia: 26 arresti e 86 Daspo

Feriti 11 agenti negli scontri nel quartiere Fuorigrotta in attesa della partita di Europa League Napoli, 11 dicembre - Daspo del Questore di Napoli per tutti gli ultrà coinvolti negli scontri avvenuti la notte del 9 dicembre, vigilia di Napoli-Legia Varsavia, arrestati e denunciati. 76 i provvedimenti già emessi, altri 10 scatteranno per i 10 arrestati negli scontri nei pressi del San Paolo. Il bilancio delle violenze, scatenate dall' arrivo dei tifosi polacchi è di 26 arresti (7 polacchi, 3 bulgari,16 italiani e 2 denunciati. 10 poliziotti ed 1 carabiniere sono rimasti feriti in modo non grave.

Guerriglia urbana a Napoli per la partita con il Legia Varsavia, 65 tifosi in questura

Europa League, gli azzurri incontrano stasera il Legia Varsavia. Scontri tra le tifoserie e cariche di alleggerimento della polizia. 65 supporter Legia in questura e arresti. Incendiata anche un'auto Napoli, 10 dicembre - Tafferugli all'esterno dello stadio San Paolo di Napoli all'arrivo di un gruppo di tifosi del Legia Varsavia. I tifosi, una dozzina, hanno lanciato oggetti contro le forze dell'ordine che hanno risposto con un'azione di alleggerimento. Altri tafferugli tra un gruppo di tifosi, armati di mazze e con il volto coperto da passamontagna, e le forze dell'ordine, nei pressi dello stadio. La polizia ha fronteggiato e respinto gli ultrà che cercavano di arrivare nella piazza. La notte appena trascorsa è stata caratterizzata da scontri, risse ed azioni di guerriglia, a

Napoli con la carica dei 50mila. Fiorentina al test scudetto

Il campionato ritorna con questa sfida al vertice, che per la classifica vale più del classico Inter-Juventus Napoli, 17 ottobre – Dopo due settimane di pausa per le nazionali ritorna il campionato di calcio, l'unico in grado di accendere la passione dei tifosi ad ogni latitudine della Penisola. Domenica alle ore 15.00 c'è Napoli-Fiorentina. Sfida che, insolitamente, per la classifica quest'anno vale più di un classico della nostra serie A: Inter-Juve. Al San Paolo sono previsti 50mila supporter azzurri. Segno che i tifosi dopo un iniziale smarrimento dovuto ai risultati negativi hanno ricominciato a seguire la squadra e adesso sognano in grande. La gara contro l'Empoli dello scorso 13 settembre ha rappresentato una svolta per gli uomini di Sarri, che da allora

Pallotta, tifosi romanisti della Curva Sud: “fottuti idioti e stronzi”

Curva Sud chiusa per un turno Benitez: "Bisogna chiudere le curve e gli stadi. Solo così si riuscirà a risolvere il problema". Ed ancora: "Per risolvere il problema dei cori discriminatori e degli striscioni ho sempre detto che bisogna chiudere curve e stadi. E oggi coi social che veicolano opinioni senza responsabilità la legge deve essere più severa". Così ha commentato il tecnico del Napoli Rafa Benitez gli striscioni contro la mamma di Ciro Esposito esposti sabato scorso in Curva Sud all'Olimpico. (Vai all'editoriale: Roma-Napoli e gli striscioni della vergogna. Se questi son tifosi… Buona Pasqua di resurrezione anche a loro) Per ora la decisione adottata è dal giudice sportivo è che la Curva Sud resterà chiusa per un turno, in occasione della

Roma-Napoli e gli striscioni della vergogna. Se questi son tifosi… Buona Pasqua di resurrezione anche a loro

Gli striscioni dell'Olimpico non sono solo contro la Signora Leardi, offendono l'intero Paese. Che paghino per la loro malvagità Napoli, 5 aprile - ''Affido chi ha scritto quegli striscioni nelle mani di Dio affinché possa cambiare il loro cuore''. ''Ho visto la partita in tv, mi sono sentita ferita da quelle parole, fa male sentire dire cose orribili su un figlio che si è perso''. Queste le parole dette all'Ansa da Antonella Leardi, madre di Ciro Esposito, il tifoso napoletano assassinato fuori allo stadio Olimpico di Roma negli scontri prima della finale di coppa Italia tra Napoli e Fiorentina lo scorso anno. I tifosi romanisti non si sono smentiti, ancora una volta. Ieri in occasione del derby del Sud, Roma-Napoli, una partita di