Tim: accordo trovato per i 30mila lavoratori

Contratto di solidarietà difensiva per circa 30.000 lavoratori su tutto il territorio nazionale Le  categoria sindacali delle telecomunicazioni hanno chiuso un accordo importante. L'intesa cui si è arrivati prevede l’applicazione del contratto di solidarietà difensiva per circa 30.000 lavoratori su tutto il territorio nazionale, scongiurando così la cassa integrazione. Questo ha dichiarato il Segretario della UilCom Campania Massimo Taglialatela. In tal modo modo nell’accordo, continua il Segretario regionale della Uilcom Campania, gli esuberi strutturali possono non essere più presenti alla fine del triennio. "Inoltre abbiamo stabilito con l’azienda - Prosegue Taglialatela - una serie di passaggi che si svilupperanno nei prossimi mesi e riporteranno in Tim il secondo livello di contrattazione che era stato già superato unilateralmente dalla azienda e sostituito con un

Napoli: continua la protesta dei lavoratori di Tim-Telecom Italia, manifestazione contro i tagli

La protesta regionale dei dipendenti di Tim, ex Telecom Italia, è stata indetta per manifestare contro la dirigenza aziendale Napoli, 13 dicembre - Una delegazione sindacale, comprendente anche i lavoratori dell’azienda, è stata ricevuta dall’assessore del Comune di Napoli Enrico Panini. Il Sindaco e l’assessore Panini invieranno una lettera a Flavio Cattaneo, amministratore delegato di Telecom Italia, come deciso nel corso dell’incontro. Nella discussione è emersa anche la necessità di coinvolgere nei problemi discussi nella riunione anche il nuovo Ministero del Mezzogiorno ponendo alla sua attenzione in evidenza gli aspetti più importanti delle questioni trattate. “Chiediamo che le istituzioni facciano pressioni – così dichiara Massimo Taglialatela Segretario regionale della UilCom Campania – sul Governo ma soprattutto sulle associazioni di categoria, perché tutto

Napoli, dipendenti Tim in piazza del Plebiscito. Flash Mob per la difesa del posto di lavoro

Flash Moob con manequin challenge, tutti insieme in una battaglia per i diritti, per il salario, per difendere il lavoro e l’azienda Napoli, 26 novembre - Oggi alle ore 10 in Piazza del Plebiscito i dipendenti Tim daranno vita ad una singolare forma di protesta, un Flash Moob con manequin challenge (restare immobili come manichini, ndr), tutti insieme in una battaglia per i diritti, per il salario, per difendere il lavoro e l’azienda. I lavoratori Tim vogliono rappresentare l'immobilismo del management Tim che ha individuato solo nei tagli lineari e nei diritti e nelle retribuzioni la via di uscita nel risparmiare 1 miliardo e 600 milioni di presunti sprechi. L'idea è nata da un un gruppo di lavoratori dove ha avuto anche il

IPhone 5, buona la prima. File chilometriche per i nuovi cellulari Apple

La casa madre di Cupertino lo aveva dichiarato. Il 25 ottobre i nuovi gioielli dell'azienda americana sarebbero approdati finalmente sul mercato italiano. Conclusasi da poche ore, la data di esordio in italia dei nuovi terminali, è arrivata imperturbabile la risposta netta di milioni di seguaci dell'azienda Apple. Come si apprende da diverse testate italiane, infatti, code chilometriche di ragazzi appassionati dei massimi tecnologici dell'azienda cofondata dall'imprenditore statunitense Steve Jobs, si erano già messi in marcia addirittura alcuni giorni prima della data stabilita, presi dalla grande curiosità di toccare e osservare da vicino le due grandissime novità presentate lo scorso mese di agosto. Per i nuovissimi terminali Apple, che si sono presentati assai differenti sia per caratteristiche tecniche che per quanto riguarda la notevole