“Stese” della camorra, de Magistris: “Bisogna chiedere allo Stato di interromperle”

Il sindaco di Napoli: “Non fu sufficiente la risposta dell’Esercito, lo abbiamo detto un anno fa, nonostante le dichiarazioni roboanti dell’allora ministro dell’Interno”. Il Procuratore generale Riello: “Sottrarre i minori alle famiglie in cui li si induce e insegna a delinquere” Napoli, 28 gennaio – “Allo Stato bisogna chiedere di interrompere le 'stese' (la pratica degli spari all'impazzata, ndr). Da tantissimo tempo chiedo più mezzi, risorse umane e materiali al Governo centrale. Non fu sufficiente la risposta dell'Esercito, lo abbiamo detto un anno fa, nonostante le dichiarazioni roboanti dell'allora ministro dell'Interno (Angelino Alfano, ndr)”. Lo ha affermato a margine dell'inaugurazione dell'anno giudiziario, tenutasi oggi a Castel Capuano, il sindaco di Napoli Luigi de Magistris. “Noi – ha aggiunto il sindaco – stiamo

Separazione: spese ordinarie e straordinarie per i figli

L'avvocato risponde Con la sentenza di separazione, il Giudice ha disposto a carico del mio ex marito un assegno di mantenimento per mia figlia e le spese straordinarie al 50%.  Avrei bisogno di sapere la differenza tra spese ordinarie e spese straordinarie, poiché il mio ex marito contesta le mie richieste di rimborso delle spese sostenute per le attività scolastiche e per le cure mediche, affermando che rientrano nell’assegno di mantenimento. Stefania T. Gentilissima lettrice, l’individuazione delle spese ordinarie e delle spese straordinarie dei figli rappresenta uno dei temi più dibattuti del diritto di famiglia, considerata la mancanza di qualsiasi specifica definizione normativa in proposito, pertanto una risposta può essere ricercata esclusivamente nella prassi dei Tribunali Italiani. Preliminarmente, diverse sono le modalità di

Affido condiviso e affido esclusivo.

L'avvocato risponde Due anni fa mi sono separata da mio marito e il Giudice ha deciso di affidare nostro figlio di sei anni ad entrambi i genitori, sebbene il clima di forte avversità che ha sempre caratterizzato la nostra unione. Con la mia decisione di porre fine al matrimonio la situazione è degenerata e a pagarne le conseguenze è soprattutto il bambino, con tutti i problemi che ne possono conseguire. Avrei qualche possibilità di ottenere l’affido esclusivo? Giovanna P. Gentilissima Lettrice, la legge 54 del 2006 ha attribuito al principio di bigenitorialità un ruolo prioritario per la disposizione dell’affidamento della prole minore in tutti i casi di disgregazione familiare. Regola derogabile esclusivamente in presenza di determinate condizioni contrarie all’interesse psico/fisico del minore,

La Giustizia è uguale per tutti (i ricchi). Tempi duri per l’effettività del diritto di difesa.

L’articolo 24 della Costituzione italiana disciplina il diritto di difesa e stabilisce che tutti possono agire in giudizio per la tutela dei propri diritti e interessi legittimi, statuendo inoltre che la difesa è un diritto inviolabile in ogni stato e grado del procedimento e che lo Stato assicura ai non abbienti, con appositi istituti, i mezzi per agire e difendersi davanti ad ogni giurisdizione. Per capire se il diritto di difesa abbia oggi effettività è necessario iniziare ad interrogarsi su quanto cosa il suo esercizio almeno in sede civile, ovvero su quanto costa avviare una causa civile, amministrativa, tributaria o del lavoro. Anzitutto bisogna considerare che per iniziare un giudizio è necessario pagare una tassa, il cosiddetto contributo unificato, dovuto per ciascun