8 marzo, 24 ore di sciopero dei trasporti. Le fasce di garanzia di Anm

A Napoli è previsto un corteo organizzato dal comitato Non una di meno, partenza da Piazza dante alle ore 18 In occasione della Giornata internazionale della donna, domani giovedì 8 marzo, è stato indetto uno sciopero generale che riguarderà anche i dipendenti nei settori dei trasporti. Interessati allo sciopero Trenitalia, Italo e Trenord, Alitalia e Blue Panorama e dei mezzi pubblici. Lo sciopero è stato durerà 24 ore; ad aderire molte sigle sindacali, tra cui USB, l’USI Lavoro Privato, Cobas, CUB trasporti, Cgil, Cisl e Uil. Ha dimensioni internazionali, ed è promosso in 70 paesi in tutto il mondo da movimenti femministi come forma di protesta contro ogni forma di discriminazione di genere. A Napoli è previsto un corteo organizzato dal comitato Non una di meno, partenza prevista

Sciopero dei trasporti, a Napoli chiuse Cumana e Circumflegrea

Sciopero del trasporto pubblico locale proclamato dall'Usb Napoli, 10 novembre - Chiuse Cumana e Circumflegrea. La funicolare centrale sta effettuando solo dirette, i bus lentamente stanno rientrando ai depositi. Questi gli effetti a Napoli dello sciopero del trasporto pubblico locale proclamato dall'Usb. Al momento è regolare il servizio della linea 1. La stazione di Toledo è chiusa per infiltrazione di acqua dovuta alle piogge delle ultime ore. A fronte di una generale sfiducia nei confronti della politica, istituzioni e sindacati - sottolinea l'Usb - registriamo una buona adesione da parte della categoria. Come USB restiamo convinti che l'esercizio del diritto di sciopero, al netto delle tifoserie sindacali, è l'unica arma di lotta contro le misure 'lacrime e sangue" ' contenute nel piano

Anm, il terzo giorno di trattative si conclude con un nulla di fatto

Manca l'intesa tra Comune di Napoli e sindacati sul piano di salvataggio dell'Anm, l'azienda del trasporto pubblico locale Napoli, 12 ottobre – Anche il terzo giorno di trattative, tra Comune di Napoli e sindacati sul piano di salvataggio dell'Anm, si è concluso con un nulla di fatto: manca, infatti, la firma del Protocollo necessario alla ricapitalizzazione dell'azienda di trasporto pubblico locale (vai all'articolo). Ma il tempo stringe, perché se non si arrivasse alla firma entro fine mese, precisamente entro il 29 ottobre, come dichiarato dal sindaco de Magistris ai microfoni del quotidiano La Repubblica, “c'è il rischio concreto che si portino i libri in tribunale”. Il primo cittadino nei giorni scorsi si era detto “fiducioso”, mentre l'assessore al Bilancio Enrico Panini, dopo

Anm, ancora una fumata nera per l’accordo con i sindacati

Non c'è ancora l'intesa tra Comune e sindacati, ma sindaco e assessore al Bilancio sono fiduciosi si possa arrivare alla firma del Protocollo necessaria per patrimonializzare l'Azienda Napoletana Mobilità Napoli, 10 ottobre – Non c'è l'intesa tra Comune di Napoli e sindacati sul salvataggio di Anm: dopo l'incontro di giovedì scorso, nella serata di ieri è arrivata un'altra fumata nera. La firma del protocollo (vai all'articolo) tra Comune e sindacati è necessaria per dare il via alla patrimonializzazione dell'Azienda Napoletana Mobilità, la municipalizzata comunale del trasporto pubblico locale. “Avremmo preferito altro, ma non drammatizziamo la mancata sottoscrizione del Protocollo d’Intesa con i Sindacati di Anm che avrebbe dovuto consentirci di definire un quadro ampio di iniziative condivise per mettere in sicurezza l’Azienda”,

Sciopero Anm, traffico in tilt e forti disagi

L'Usb: piano di risanamento "fallimentare" Napoli, 2 ottobre - Lo sciopero di 24 ore dei lavoratori Anm, a Napoli, sta provocando forti disagi e ripercussioni sul traffico che in alcune zone della città è andato in tilt. Chi è giunto in città con il servizio pubblico extraurbano - che viene effettuato regolarmente - è stato costretto a raggiungere la destinazione a piedi, a causa del blocco dei mezzi. Al momento ferme la linea 1 della metropolitana, le funicolari cittadine, le scale mobili e i servizi intermodali e il trasporto di superficie. La protesta, secondo fonti sindacali, sta registrando un'altissima adesione. In mattinata si è tenuta una manifestazione con lavoratori e sindacati in piazza Municipio, davanti alla sede del Comune, per chiedere garanzie

Sciopero generale: la protesta dei precari e degli studenti manda in tilt il traffico in città

Forte l'adesione allo sciopero degli autisti del servizio di trasporto locale dell'Anm Napoli, 21 ottobre - E' lo sciopero contro le politiche del Governo Renzi a mobilitare da stamane per le vie di Napoli, disoccupati, precari, insegnanti e studenti. La protesta, organizzata dai sindacati di base, Usb, Unicobas e Unione sindacale di base, ha visto sfilare per le vie di Napoli il corteo cui hanno aderito collettivi studenteschi e centri sociali come Insurgencia e l'ex Opg occupato Je so pazzo. Tanti gli striscioni, contro il Governo: "Il nostro No sociale, sciopero generale contro il Governo Renzi";  contro la Buona Scuola: "No a presidi sceriffi"; per il NO alla riforma costituzionale: "Da Napoli a Milano, cambiamo il sistema non la Costituzione. No al referendum". Durante

Sciopero Generale e “No Renzi Day”: USB, Unicobas e USI contro il governo Renzi e per il NO al Referendum

L'USB, l'Unicobas e l'USI hanno indetto lo sciopero generale di tutte le categorie pubbliche e private per l’intera giornata del 21 ottobre Roma, 20 ottobre - Sciopero della scuola domani, venerdì 21 ottobre. Insegnanti e personale amministrativo incroceranno le braccia per protestare contro la Buona Scuola. Non sarà garantito quindi il corretto svolgimento delle lezioni. Appuntamento nelle princiapali piazze italiane per manifestare contro la limitazione della libertà d’insegnamento e la chiamata diretta da parte del dirigente scolastico. Cortei sono previsti a Roma, Torino, Novara, Milano, Vicenza, Genova, Bologna, Firenze, Pisa, Viterbo, Napoli, Foggia, Bari, Potenza, Catania, Cagliari. Nella capitale le proteste si protrarranno anche il giorno successivo per il  “No Renzi Day” organizzato da Rifondazione Comunista per protestare contro la riforma

Sciopero di 4 ore dei mezzi pubblici nelle principali città Italiane

Indetto dall'USB (Unione Sindacale di Base). Garantiti i servizi minimi Lunedì 30 marzo, si prospetta una giornata difficile per gli utenti di mezzi pubblici. Lo sciopero, che interesserà le principali città italiane, a Napoli è stato indetto dall'USB (Unione Sindacale di Base) e avrà una durata di 4 ore. Nel capoluogo partenopeo coinvolgerà cumana, circumflegrea, bus, metro e funicolari ANM. La cumana e la circumflegrea sciopereranno dalle ore 8.00 alle ore 14.30. I mezzi ANM dalle ore 9.30 alle 13.30. Per quanto riguarda le linee bus della compagnia, le ultime partenze saranno effettuate 30 minuti prima dell'inizio dello sciopero mentre il servizio tornerà regolare 30 minuti dopo. Per quanto riguarda la metro linea 1 e le funicolari, gestite sempre dall'Azienda Napoletana Mobilità, sulla