Napoli, De Magistris vuole battere moneta. Piovono critiche dalle Opposizioni e ironia sui social

L'annuncio del sindaco in un post su Facebook fa discutere Napoli, 4 settembre – Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, in un post su Facebook ha annunciato l'approvazione di tre delibere per “l'autonomia della città”. La prima delibera, scrive il primo cittadino, è quella per “Napoli città Autonoma, un manifesto politico concreto sull'autonomia della Città”; la seconda riguarda la “cancellazione del debito ingiusto. Il debito contratto dallo Stato, in particolare nelle gestioni commissariali post-terremoto ed emergenza rifiuti, noi non lo riconosciamo. Lo cancelliamo dal nostro bilancio”. La terza delibera invece riguarda “la realizzazione di una moneta aggiuntiva all'euro per dare forza a partenope”. Proprio l'annuncio di una moneta per Napoli ha scatenato in queste ore le critiche delle Opposizioni e l'ironia

Consiglio comunale di Napoli, Valente rassegna le dimissioni

La senatrice del Partito Democratico rinuncia alla carica di consigliera, a due anni dall’elezione, per l’aumentato “carico di lavoro” in Parlamento Valeria Valente, senatrice del Pd che nel 2016 sfidò de Magistris per la fascia di primo cittadino, ha lasciato il Consiglio comunale di Napoli rassegnando le dimissioni dalla carica di consigliera. “Voglio innanzitutto ringraziare tutti quei napoletani e quelle napoletane che il 5 giugno 2016 mi hanno accordato la loro fiducia come candidata a sindaco e mi hanno consentito poi di rappresentarli per due anni nelle assiste cittadine: spero di essere stata all’altezza delle loro aspettative”, scrive Valente in lungo post su Facebook. “Sono stata eletta in Consiglio mentre svolgevo il mandato di deputata e – prosegue – ho ritenuto doveroso

“No al debito ingiusto”, in tremila al corteo. De Magistris: “Ci attaccano perché non abbiamo privatizzato nulla”

In piazza Municipio la manifestazione per protestare contro il debito da 150 milioni contestato al Comune di Napoli. Alla contro manifestazione di piazza Trieste e Trento, dove si sono radunati gli avversari politici di de Magistris, c’era anche Casapound e gli esponenti del Pd hanno scelto di andarsene Napoli, 14 aprile – “È la prima manifestazione contro il debito ingiusto in Italia, con oggi siamo passati alla storia”. A dirlo il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, davanti a circa tremila persone riunite davanti palazzo San Giacomo per protestare contro il debito da 150 milioni che lo Stato contesta al Comune di Napoli (vai all’articolo). “Qualcuno”, ha aggiunto il sindaco riferendosi alla contro manifestazione dei suoi avversari politici in piazza Trieste

Elezioni politiche 2018, tutti gli eletti al Parlamento in Campania

Gli eletti alla Camera dei Deputati e al Senato in Campania. Grande successo dei Cinque Stelle, con 40 deputati e 20 senatori. Flop Pd, con 6 deputati e 3 senatori. Per il Centrodestra 12 eletti alla Camera e 6 al Senato Napoli, 6 marzo – A 48 ore dal termine delle Elezioni politiche 2018 si sta delineando il quadro degli eletti in Parlamento che erano candidati in Campania. Nella nostra Regione si assegnavano 60 seggi alla Camera e 29 al Senato. Negli uninominali ha stravinto il Movimento 5 Stelle, con la conquista di 32 collegi su 33: solo in quello di Agropoli ha prevalso il Centrodestra. I Cinque Stelle portano a Roma 40 deputati su 60 e 20 senatori su 29.

Elezioni politiche 2018, de Magistris: “Sono un battitore libero, pungolerò”

Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, critica la campagna elettorale. Sul Rosatellum: “Non consentirà di esprimere una maggioranza” Napoli, 30 gennaio – “Non facendo campagna elettorale da oggi sono un battitore libero. Il mio ruolo sarà di pungolare le forze politiche sui temi che ci sono a cuore e che non si vedono nei programmi e non si ascoltano nella competizione”. Lo ha affermato il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, a margine della seduta odierna del Consiglio comunale, commentando le campagna elettorale per le Elezioni politiche 2018. Secondo il primo cittadino ci si trova ad assistere a una campagna iniziata “in modo molto asfittico. Una campagna mediatica e propagandistica”. “Fino ad ora – ha aggiunto – l'unica certezza è che

Elezioni politiche 2018, il Pd candida Alfieri a Salerno e De Luca jr a Caserta

Il ministro dell'Interno Minniti e l'europarlamentare Gianni Pittella candidati a Salerno. Giuseppe De Mita candidato ad Avellino La Direzione nazionale del Partito Democratico ha approvato i nomi dei candidati alle elezioni politiche del 4 marzo. Alla votazione non ha partecipato la minoranza del partito, ovvero quella rappresentata da Andrea Orlando, Michele Emiliano e Gianni Cuperlo, per protestare contro la modalità di scelta di alcuni nomi. “In Campania non dico che è arrivato il lanciafiamme, ma qualche segnale bello lo abbiamo visto. Avremo candidati professionisti della Giustizia”, dichiara il segretario del Pd Matteo Renzi. “Vogliamo sorprendervi e sorprenderci in una campagna elettorale bella”, conclude. Sono rimasti fuori dalle liste alcuni nomi eccellenti. “Qual è il senso di non candidare gente seria e preparata,

Congresso Pd, oggi i risultati. Intanto Renzi punta a Paolo Siani per le politiche

I risultati per l'elezione del nuovo segretario metropolitano del Pd di Napoli saranno resi noti oggi Napoli, 14 novembre – Da ieri è slittata a oggi l'apertura dei plichi dei verbali con i risultati del Congresso provinciale del Pd di Napoli. I voti si sarebbero dovuti contare ieri sera, ma la decisione, riferiscono dalla sede dem di Napoli, è stata presa a causa del protrarsi della direzione nazionale del Pd a Roma, che ha impedito al garante Alberto Losacco di essere presente alla commissione congresso. Intanto, il segretario del Pd Matteo Renzi, ha fatto sapere di aver chiesto a Paolo Siani di candidarsi alle prossime elezioni politiche con il partito. “Ho chiesto a Paolo Siani, se avrà voglia, di correre con noi

Rischio dissesto per il Comune di Napoli, la Corte dei Conti dà 60 giorni per un nuovo piano di rientro

I giudici hanno bocciato il piano di rientro dell'Amministrazione comunale. Il sindaco de Magistris: “C'è preoccupazione, ma eviteremo il fallimento” Napoli, 18 ottobre – La Corte dei Conti ha bocciato il piano di rientro del Comune di Napoli. I giudici hanno ritenuto “inammissibile la riformulazione e rimodulazione del piano di riequilibrio dell'Ente comunale, ai sensi dell’art. 1 comma 714-bis Legge di stabilità 2016” e hanno invitato l'Amministrazione “a rieditare, limitatamente agli aspetti rilevati, il riaccertamento straordinario per assorbire con le pertinenti modalità di ripiano disavanzi latenti e non contabilizzati”. Alla Giunta de Magistris vengono concessi 60 giorni di tempo per evitare il dissesto. Il sindaco de Magistris, durante un'intervista al quotidiano La Repubblica, ha affermato: “Molti davano per scontato che la Corte

Comune di Napoli, approvato il bilancio consolidato

L'approvazione del bilancio è avvenuta grazie a 21 voti favorevoli. Le opposizioni in Consiglio comunale al momento del voto hanno lasciato l'Aula Napoli, 9 ottobre – Quest'oggi il Consiglio comunale di Napoli si è riunito per la votazione sulla delibera riguardante il bilancio consolidato, approvato in Giunta lo scorso 25 settembre. Il bilancio è stato approvato con 21 voti favorevoli, nonostante al momento del voto le forze di opposizione abbiano lasciato l'Aula. L'approvazione di questo documento contabile, ha detto l'assessore al Bilancio Enrico Panini parlando con i cronisti, “significa rendicontare qual è lo stato di salute del Comune di Napoli e delle 8 partecipate comunali. Lo stato di salute è discreto: a fronte di debiti per 3 miliardi, abbiamo 8 miliardi

Valente (Pd): “de Magistris ciarlatano”. Il sindaco: “Sue offese sono medaglie”

La parlamentare e consigliera comunale del Partito Democratico a Napoli, Valeria Valente, ha postato sulla sua pagina Facebook un video dal titolo “House of lies – Un anno di promesse mancate di Luigi de Magistris” Napoli, 16 giugno – “Mancate verità, bugie verificate in quest’anno, promesse e impegni non mantenuti da parte di un inaffidabile sindaco ciarlatano che gioca sulla pelle dei napoletani, per aumentare il consenso personale e politico del suo movimento”. Lo ha affermato Valeria Valente, parlamentare e consigliere comunale del Partito Democratico a Napoli. Valente, per sottolineare quelle che chiama le “mancate promesse di Luigi de Magistris”, ha pubblicato sulla sua pagina Facebook un video dal titolo Hous of lies (che ricorda la celebre serie TV House of

Comune di Napoli, approvato il bilancio di previsione 2017-2019

Il “sì” al documento contabile è arrivato dopo la maratona di 22 ore in Consiglio comunale. Il sindaco: “Manovra acrobatica e complicata, a pochi minuti dal dissesto” Napoli, 21 aprile – Il Consiglio comunale di Napoli ha approvato il bilancio di previsione 2017-2019 dopo una maratona in Aula di 22 ore. Il documento contabile è stato approvato con i voti della sola maggioranza. Durante il dibattito sono state approvate numerose mozioni e ordini del giorno, 11 su 35 proposti dal Partito Democratico. Negli ordini del giorno le forze politiche hanno chiesto interventi riguardanti la manutenzione stradale, la riqualificazione di parchi ed aree verdi, interventi relativi all'illuminazione pubblica. Presentati anche ordini del giorno in cui si chiede la costituzione di una commissione per

Consiglio comunale, Gianni Lettieri si dimette. Al suo posto subentra Vincenzo Moretto

L'ex candidato sindaco di Napoli per il centrodestra si dimette. Al suo posto Vincenzo Moretto, primo dei non eletti della lista civica Prima Napoli, al suo quinto mandato da consigliere comunale Napoli, 20 marzo – L'ex candidato sindaco alle Elezioni comunali di Napoli, Gianni Lettieri, si è dimesso dalla carica di consigliere comunale. A subentrargli è Vincenzo Moretto, primo dei non eletti della lista civica Prima Napoli. Per Moretto si tratta di un ritorno nei banchi del Consiglio comunale: è stato consigliere dal 1997 al 2016 e ora è al suo quinto mandato. Lettieri annunciò l'intenzione di dimettersi il 17 febbraio scorso in un'intervista al Corriere del Mezzogiorno. Secondo Lettieri “l'Aula è diventata ormai solo una farsa a discapito di quei consiglieri

Dopo la sfiducia Valente si dimette da capogruppo Pd in Consiglio comunale

Le dimissioni della Valente sono arrivate dopo il documento di sfiducia inviato dai consiglieri comunali Pd alla segreteria del Partito Democratico di Napoli Napoli, 7 marzo – “Come avevo detto più volte in queste settimane di fronte alla richiesta che mi è stata formalizzata stamattina dai componenti del gruppo consiliare e anticipata dalle dichiarazioni del segretario regionale della Campania rese nel corso dell’assemblea pubblica di venerdì scorso, non posso che lasciare il ruolo da capogruppo del Pd al Consiglio comunale di Napoli”. Lo ha dichiarato la deputata e consigliera comunale del Pd a Napoli, Valeria Valente, annunciando le sue dimissioni da capogruppo in Consiglio comunale. Le dimissioni dalla carica interna al partito erano state chieste dai consiglieri Pd Aniello Esposito, Federico Arienzo

Valeria Valente sfiduciata, i consiglieri comunali Pd la invitano a dimettersi da Capogruppo in Consiglio comunale

I consiglieri comunali del Pd hanno sfiduciato formalmente la Valente, a seguito del caso Listopoli, con un documento inviato alla segreteria del Partito Democratico a Napoli Napoli, 6 marzo – I consiglieri comunali del Pd Aniello Esposito, Federico Arienzo e Alessia Quaglietta, a seguito del caso Listopoli e cioè dei candidati a loro insaputa alle ultime Elezioni comunali di Napoli inseriti nella lista Napoli Vale (vai all'articolo), hanno sfiduciato la consigliera Valeria Valente invitandola a dimettersi dalla carica di Capogruppo in Consiglio comunale. Il documento è stato inviato alla segreteria del Partito Democratico di Napoli e, per conoscenza, alla segreteria regionale. Il documento non è stato firmato da Salvatore Madonna, autosospesosi dal Pd a seguito dell'inchiesta della Procura di Napoli che lo