Facevano prostituire 14enne, due arresti

Indagini partite dalla denuncia della madre Facevano prostituire un ragazzo di 14 anni due uomini di Casamicciola Terme, Comune dell' isola d' Ischia (Napoli), arrestati dai Carabinieri. Il ragazzo veniva indotto a prostituirsi in cambio di piccole somme di denaro. I fatti - secondo quanto emerso dalle indagini dei militari della Compagnia di Ischia - risalgono all' anno scorso e l' attività dei due uomini, uno di 37 ed uno di 52 anni, entrambi residenti sull' isola, è proseguita fino a dicembre. Le indagini sono partite da una denuncia della madre della vittima e sono state eseguite con intercettazioni telefoniche e ambientali, perquisizioni, sequestri e consulenze tecniche. Nello smartphone del 37 enne è stato trovato un ingente quantitativo di materiale pedopornografico. L' uomo

Lasciato, violenta l’ex e manda foto ad amici

Imprenditore del Napoletano arrestato per stupro e stalking Napoli, 30 aprile - Dopo essere stato lasciato dalla compagna ha iniziato a perseguitarla e ad abusare sessualmente di lei, arrivando ad inviare delle foto intime della donna ai suoi amici. Per questo un imprenditore edile di Afragola (Napoli) è finito in carcere per i reati di violenza sessuale, estorsione e stalking. A notificargli l'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere sono stati i carabinieri della Tenenza di Caivano.

Abusarono di una ragazza in Circumvesuviana, libero uno dei fermati

La decisione del tribunale del Riesame di Napoli, ottava sezione penale Napoli, 23 marzo - Torna libero Alessandro Sbrescia, uno dei tre giovani fermati nell'inchiesta sullo stupro di una 24enne nell'ascensore stazione della Circumvesuviana di San Giorgio a Cremano (Napoli). Lo ha deciso il tribunale del Riesame di Napoli, ottava sezione penale. Non si conoscono ancora le motivazioni della decisione; per gli altri due fermati il Riesame si pronuncerà la prossima settimana. A denunciare la violenza fu la stessa vittima, trovata in lacrime da un passante la sera del 5 marzo su una panchina della stazione di San Giorgio a Cremano. Le indagini della Polizia di Stato permisero di identificare in poche ore i tre giovani - ripresi anche da una telecamera

Anziana violentata da immigrato, indagini della Polizia

La 74enne risiede nella località di Pescopagano, sarebbe stata violentata da un uomo di colore Caserta, 4 settembre - La Polizia di Stato indaga sulla vicenda di una donna di 74 anni di Castel Volturno (Caserta), che ha raccontato di essere stata violentata da un extracomunitario nella notte mentre era nella sua abitazione. E' stata la donna a chiamare il 113; gli agenti, giunti poco dopo, hanno scoperto che presentava delle contusioni. Ma a colpire è stato il racconto drammatico fornito dalla pensionata della presunta violenza subita ad opera di "un uomo di colore". La 74enne risiede nella località di Pescopagano, dove vivono migliaia di immigrati africani. E' stata condotta alla clinica Pineta Grande di Castel Volturno in stato confusionale, e sono subito

Abusa della nipotina e altra bimba, fermato 70enne

In carcere anche la figlia dell'uomo, madre di una delle vittime Salerno, 16 agosto - Un uomo di 70 anni è stato arrestato per aver abusato della nipotina e di un'altra bimba che gli veniva affidata dai genitori. In carcere è finita anche la figlia dell'anziano, madre di una delle due vittime, che secondo gli inquirenti sarebbe stata al corrente delle violenze ma non avrebbe fatto nulla per impedire che avvenissero. La vicenda avvenuta nell'Agro Nocerino Sarnese, in provincia di Salerno. I carabinieri della sezione di polizia giudiziaria, a seguito delle indagini delegate dal pm Gaetana Amoruso, hanno tratto in arresto padre e figlia, residenti a Nocera Superiore e Roccapiemonte. L'uomo è accusato di violenza sessuale continuata ai danni delle due minorenni. Gli

Molestie sessuali ad una 13enne via social, condannati

Condannati un 24enne di Napoli irreperibile e un 52enne romano che patteggia L'avevano adescata sui social tramite il cellulare tempestandola poi di foto hard. Protagonisti un 24enne di Napoli e un 52enne di Roma. Il primo, irreperibile, è stato condannato ad un anno e sei mesi, il secondo ha patteggiato di fronte al giudice del Tribunale di Parma un anno. Vittima della vicenda, datata settembre 2014, una ragazzina di soli tredici anni. La giovanissima era entrata in contatto con i due attraverso il telefonino e poi era finita in una serie di messaggi erotici. Ad accorgersi di cosa stava succedendo la mamma dell'adolescente che aveva notato il cambiamento di umore della tredicenne. A scoprire i due molestatori è stata la polizia postale coordinata dalla procura

Stupro di gruppo, turista inglese drogata e violentata: 5 arresti

In penisola sorrentina, l'indagine della polizia porta in carcere cinque uomini dipendenti della struttura alberghiera presso cui la turista soggiornava Meta di Sorrento, 14 maggio - Gli agenti di Polizia del Commissariato di Sorrento e della Squadra Mobile di Napoli, coordinati dalla Procura di Torre Annunziata, stanno eseguendo tra Massa Lubrense, Vico Equense, Portici e Torre del Greco, un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di cinque persone ritenute responsabili di violenza sessuale di gruppo con l'aggravante dell'uso di sostanza stupefacente nei confronti di una turista inglese. I fatti risalgono alll'ottobre 2016, quando i cinque uomini, tutti dipendenti dell'albergo presso cui soggiornava la turista insieme alla figlia, avrebbero prima drogato la donna con la cosiddetta "droga dello stupro" (Z-drugs e benzodiazepine)

Caivano: abusava della nipote minorenne, arrestato

L'uomo è residente nel parco Verde di Caivano, logo tristemente noto per l'omicidio della piccola Fortuna, la bimba di 6 anni più volte stuprata e poi uccisa Napoli, 10 maggio - Un uomo di 28 anni è stato arrestato con l'accusa di violenza sessuale ai danni della nipote, una ragazzina oggi 15enne. La vittima avrebbe subito a lungo le violenze del giovane zio, per poi confidarsi con un'amica e con una assistente sociale. E' scattata così l'indagine che ha portato in carcere l'uomo, residente nel Parco Verde di Caivano (Napoli), lo stesso complesso di edilizia popolare finito sotto i riflettori per l'omicidio della piccola Fortuna, la bimba di 6 anni più volte stuprata e poi uccisa dal vicino di casa Raimondo Caputo,

Molesta alunna, professore arrestato nell’Avellinese

Ammiccamenti e molestie in autobus Avellino, 27 marzo - Un insegnante di 40 anni della provincia di Avellino è stato arrestato dai carabinieri del Comando provinciale per violenza sessuale e stalking nei confronti di una studentessa di 16 anni. L'uomo, che insegna in un istituto superiore della provincia, dall'ottobre dello scorso anno aveva cominciato a seguire la studentessa, che frequenta lo stesso istituto del docente, nel bus che la ragazza abitualmente prendeva per tornare a casa alla fine delle lezioni. La giovane si era confidata con una insegnante. In particolare, la studentessa aveva riferito alla docente degli ammiccamenti e delle molestie che riceveva durante il viaggio. Della vicenda era stato messo al corrente il dirigente scolastico che a sua volta, dopo aver ammonito

Esorcismi e violenze sessuali, arrestato sacerdote. Tra le vittime anche una minorenne

Del caso si erano occupate le Iene in un servizio in cui si denunciavano esorcismi praticati su una tredicenne che avrebbe avuto problemi psichici Caserta - Un sacerdote del Casertano di 42 anni, è stato arrestato con l'accusa di aver compiuto "medievali e brutali riti esorcisti" su numerose donne, tra cui una minore e una giovane, le cui modalità - secondo la Procura di Santa Maria Capua Vetere - hanno concretizzato la realizzazione della violenza sessuale aggravata. Ai domiciliari sono finite altre tre persone, due delle quali sono genitori della minore vittima e un dirigente della Polizia, amico del sacerdote. Il sacerdote arrestato, Michele Barone, era stato sospeso appena una settimana fa per un anno dalle funzioni sacerdotali dal vescovo di Aversa,

Abusi sessuali su 16enne, esame del DNA per identificare gli aggressori

Indagati dei minori sottoposti a prelievi per esame DNA dopo la denuncia madre della presunta vittima Napoli, 20 luglio - I carabinieri stanno indagando per fare luce su presunti abusi sessuali ai danni di una 16enne che sarebbero avvenuto lo scorso giugno a Napoli, sugli scogli di Marechiaro, ad opera di un gruppo di coetanei della vittima. Fino a poco tempo fa la minore aveva detto alla madre che si era trattato di rapporti consensuali. Di recente, però, ha cambiato versione e detto, invece, di essere stata vittima di abusi. La madre ha denunciato tutto ai carabinieri di Bagnoli che ora, coordinati dalla Procura dei Minori, stanno indagando. Tre, finora, i giovani identificati anche se - secondo il racconto - del gruppo ne avrebbero

Violenza sessuale di branco su minore, due arresti a Cava de’ Tirreni

Lo stupro di gruppo è stato filmato con il telefonino, due volentatori sono stati individuati Salerno - Un ragazzo di 17 anni è stato legato e violentato a turno nel Salernitano da quattro uomini che hanno filmato lo stupro con un telefonino. La violenza è avvenuta in un centro massaggi di Cava de' Tirreni (Salerno) nei mesi scorsi. Due dei presunti responsabili della violenza, entrambi di 50 anni, sono stati arrestati oggi dai Carabinieri a Cava de' Tirreni e Vicenza. Gli altri protagonisti dell'episodio - si apprende dalla Procura di Salerno - durante la violenza avevano maschere e parrucche per non farsi riconoscere.

Ultimo saluto alla piccola Maria, violentata e uccisa nel Beneventano

Il paese tutto si stringe attorno alla famiglia, "un angelo per tutti noi" San Salvatore Telesino (Benevento), 1 luglio - "La piccola Maria è un angelo per tutti noi. L'intera comunità della diocesi deve essere vicina e solidale coi genitori". Lo ha detto monsignor Michele De Rosa, vescovo di Cerreto Sannita (Benevento), nell'omelia, celebrando i funerali della bimba rumena di quasi dieci anni, violentata ed uccisa lo scorso 19 giugno nella piscina di un resort di San Salvatore Telesino (Benevento). Diverse centinaia di persone, tra cui il sindaco di San Salvatore Telesino, Fabio Romano, hanno partecipato alle esequie per stringersi intorno ai genitori della piccola, Andrea e Mario.

La violentano in cinque: lei 16 anni, gli aggressori tutti minorenni. Arrestati nel Salernitano

Tutti minori gli aggressori, tra i 15 e i 17 anni. Violentano a turno una ragazzina di Sarno Salerno, 27 giugno - Arrestati dai carabinieri del Reparto Territoriale di Nocera Inferiore, per violenza sessuale, 5 minori. Sono accusati di aver ripetutamente violentato, a turno, una ragazzina di 16 anni. Le violenze sono avvenute la notte scorsa per le vie del centro di San Valentino Torio (Salerno). I ragazzi, tutti tra i 15 e i 17 anni, sono tutti originari della stessa località nel Salernitano. E' stata la ragazzina a denunciare l'accaduto ai carabinieri, dopo aver raccontato delle violenze subite ai genitori che l'hanno accompagnata a sporgere denuncia. La 16enne è originaria di Sarno e non aveva rapporti di amicizia con gli aggressori. Dal