X-Factor 2015, gli Urban Strangers in finale

A X Factor 2015 il Duo Urban Strangers di Somma Vesuviana approda alla finale con un' altissima probabilità di arrivare primi e vincere il popolare format musicale TV in onda su Sky Alessio Iodice, 19 anni e Gennaro Raia, 20 anni, hanno creato il duo nel 2012, un progetto che pian piano hanno fatto crescere musicalmente, componendo brani inediti e presentandoli in vari contest di musica pop/rap inglese. Alessio Iodice, chitarrista e cantante, ha iniziato i suoi studi nel 2010 presso la scuola di musica e canto The Guitar School di Pomigliano d’Arco diretta dal Maestro Mimmo Manna, che fino al 2014 gli ha trasferito tutto il suo sapere e la sua esperienza di chitarrista professionale, ma soprattutto la sua umiltà,

Stefano Senardi, fiore all’occhiello della discografia italiana, ci parla della musica in Italia ripercorrendo la sua carriera.

Stefano Senardi, discografico italiano di fama internazionale, parte dalla CGD (Compagnia Generale del Disco), passando dalla Warner, diventando infine presidente di Polygram. Fondatore dellla Nun Entertainment, direttore Radio Fandango. Ha lanciato i Simply Red, lavorato con Madonna, Frank Sinatra, Eric Clapton, U2, Sting, Prince, Tracy Chapman, Matt Bianco, Litfiba, Vanoni, Tozzi, Raf, Pooh, questo solo per citare alcuni dei suoi importanti contributi nel campo discografico. Insomma professionisti come lui sono un vanto per la nostra discografia, e sono anche, come ammette lui stesso, una “specie” in via d'estinzione. Stefano, tu sei uno dei più affermati discografici del panorama italiano ed internazionale, hai decenni di esperienza alle spalle, come è iniziato il tuo rapporto con la musica? “Il mio rapporto con la

“Il Giardino Segreto”, primo singolo di Davide Papasidero, protagonista della scorsa edizionde di X Factor.

Davide Papasidero, giovane e frizzante protagonista della scorsa edizione di X Factor, ci presenta il suo primo singolo "Il Giardino Segreto". Il pezzo scritto da Francesco Arpino e Alessio Bonomo, ad un primo ascolto ci porta quasi in un'atmosfera infantile, nel senso più genuino e positivo del termine. Le parole e le note sono scandite come una sorta di filastrocca, che ci avvolge in un ascolto piacevole e leggero, ma concentrandosi con la dovuta sensibilità ed attenzione sul significato del testo, si capisce che ci troviamo difronte ad un pezzo che ha una profondità, rara al giorno d'oggi. La canzone è in sé un “Giardino Segreto”, che appare cinta da un muro di leggerezza, ma al suo interno c'è il messaggio: “non