Mostra fotografica al PAN: “Vita, morte e miracule”. Edicole sacre dei quartieri spagnoli”

Negli scatti di cinque fotografi l’identità religiosa che a Napoli vive perennemente in bilico fra sacro e profano

“Vita, morte e miracule”. Edicole sacre dei quartieri spagnoli” è una mostra fotografica a cura di Angelo Esposito e realizzata dall’Ass. Hermes – Turismo e Beni Culturali, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli. Costituisce solo uno dei molteplici rivoli in cui si dirama un progetto sociale e culturale di più ampio respiro.

Inaugurazione giovedì 18 luglio al PAN-Palazzo delle Arti di Napoli di via dei Mille. dalle 18,00 alle 19,30. La mostra sarà visitabile dal 18 al 29 luglio 2019, tutti i giorni dalle 9.30 alle 19.30 La domenica dalle 9.30 alle 14.30 Il martedi chiuso.

Dettagli architettonici, luci, volti fiori, immortalati negli scatti dei fotografi vogliono provare a raccontare lo spazio affascinante e impercettibile dell’identità religiosa che a Napoli vive perennemente in bilico fra sacro e profano. Cinque giovani fotografi, Amanda Marie Annucci, Giuseppe Cammarano, Francesco Grossi, Rosa Marrano e Daniela Rosa, accompagnati tra i vicoli dei Quartieri Spagnoli hanno condiviso passeggiate, ricognizioni, osservazioni, chiacchierate per riuscire a portare in ogni foto un po’ dell’energia del quartiere.

La mostra segna una tappa comunicativa di “Discovering QS/Scoprendo i Quartieri Spagnoli”, il primo progetto dedicato alla conoscenza e alla valorizzazione delle diverse evidenze culturali e storico-artistiche del quartiere con visite, laboratori culturali, interventi di mappatura, censimento e valorizzazione dei beni culturali. Tutte le attività del progetto hanno visto la partecipazione attiva di dieci adolescenti dei Quartieri Spagnoli, seguiti e formati da un equipe di professionisti sotto la guida del curatore della mostra. Un lavoro complesso e sfaccettato organizzato in interventi funzionali alla concretizzazione degli obiettivi preposti.

Pienamente integrate nel patrimonio culturale e artistico del quartiere, le edicole stesse hanno ormai assunto una forte valenza identitaria. Intorno a loro si sono sviluppate tradizioni e rituali legati a credenze religiose che oscillano fra il sacro e il profano ma che testimoniano la vitalità e la spiritualità di un popolo che, anche nei piccoli gesti quotidiani (come la cura stessa delle edicole) rafforza continuamente il rapporto con il divino. Un’attenta analisi e una lettura sistematica di queste opere dell’arte devozionale, può restituirci una panoramica dell’evoluzione della vita sociale e religiosa di un quartiere popolare che assimila e vive lentamente i cambiamenti della città.

La mostra fotografica racconta di questi piccoli tempietti cristiani che cambiano ed evolvono con l’intera città di Napoli: si modifica la forma, l’architettura, i colori, i codici comunicativi, diventano sempre meno “ sacre” ma continuano a trasmettere il ricordo di un caro rendendolo eterno attraverso la condivisione con tutta la comunità dei Quartieri.

Autore

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.