Napoli-Sampdoria 1-0. Petagna regala i tre punti agli Azzurri

Al Maradona per la formazione di Spalletti arriva la prima vittoria del 2022, che permette di consolidare il terzo posto in classifica

NAPOLI (4-2-3-1): Ospina; Di Lorenzo, Rrhamani, Juan Jesus, Ghoulam (80′ Tuanzebe); Demme (80′ Fabian), Lobotka; Elmas, Mertens, Insigne (29′ Politano); Petagna. All. Spalletti.

SAMPDORIA (4-4-2): Audero (46′ Falcone); Dragusin, Ferrari (88′ Yepes), Chabot, Augello (74′ Murru); Ciervo (72′ Caputo), Ekdal (46′ Rincon), Askildsen, Thorsby; Quagliarella, Gabbiadini. All. D’Aversa.

MARCATORI: 43′ Petagna (N)

ARBITRO: Di Bello della sezione di Brindisi

Il Napoli batte 1-0 la Sampdoria al Maradona, grazie a un gol di Petagna al 43′, in gara valida per la 21esima giornata del campionato di Serie A. Gli Azzurri sono padroni del match dall’inizio alla fine della gara, ma hanno il demerito di non riuscire a siglare il raddoppio per un finale di partita tranquillo. Le occasioni non mancano, a mancare invece è sicuramente la precisione, anche complice la stanchezza dopo la difficile trasferta con la Juve e per il fatto di avere praticamente gli uomini contati viste le tante assenze. La vittoria con la Samp è importante non solo perché permette di consolidare il terzo posto ma perché può rappresentare un momento di svolta nella stagione del Napoli. Dopo tre sconfitte casalinghe immeritate (con Atalanta, Empoli e Spezia), sono finalmente arrivati due buoni risultati consecutivi e questo nonostante le enormi difficoltà. Ora ci sarà da affrontare la Fiorentina in Coppa Italia e poi le gare da qui a fine mese (con Bologna, Salernitana e Venezia), almeno sulla carta, non dovrebbero rappresentare un grande problema. Ci sarà nel frattempo la necessità di cercare di recuperare quanti più giocatori possibili, perché a questi ritmi è impensabile poter reggere con gli uomini contati.

Con la Samp in campo va praticamente la squadra che ha affrontato la Juve, a parte l’assenza di Zielinski (positivo al tampone Covid) che viene sostituito da Elmas. Il Napoli è padrone del match già dalle prime battute mentre la Sampdoria fatica a uscire dalla propria area. Gli Azzurri ci provano prima da fuori con Rrahmani e Politano (che sostituisce Lorenzo Insigne dal 29′) e poi con Ghoulam su punizione. La palla non entra ma il Napoli ha il merito di non demordere, costanza che viene premiata dalla rete di Juan Jesus di testa, purtroppo annullata dall’arbitro (grazie al Var, ndr) per un leggero fuorigioco del difensore centrale. Il Napoli continua a crederci e fa bene, poco dopo infatti Mertens viene atterrato in area di rigore, l’arbitro non fischia e lascia proseguire l’azione mentre la palla arriva nella disponibilità di Petagna, che senza pensarci fa una mezza rovesciata e la infila alla sinistra di Audero: davvero tutto facile, gesto tecnico a parte, per l’attaccante del Napoli, non contrastato nell’occasione da ben 3 difensori blucerchiati a un metro da quest’ultimo.

Nel secondo tempo gli Azzurri continuano a essere padroni del match ma con il passare dei minuti i ritmi continuano a calare e la partita, già abbastanza noiosa nel primo tempo, lo diventa sempre di più. I padroni di casa non trovano il raddoppio perché arrivano sempre poco lucidi alla conclusione, gli avversari provano a impensierire soprattutto con l’ex Quagliarella. Il Napoli rischia poco ma gli ultimi 20 minuti sono comunque di grande tensione, nonostante gli ingressi in campo del nuovo acquisto Axel Tuanzebe e di Fabian Ruiz, pienamente recuperato dall’infortunio. Il triplice fischio è una liberazione, gli Azzurri strappano i tre punti con un risultato giusto e consolidano il terzo posto in classifica.

Lascia un commento

13 + 5 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.