Bologna-Napoli 0-2. Azzurri sempre più in scia delle milanesi

Al Dall’Ara grazie a una doppietta di Lozano il Napoli vola a -2 dal Milan secondo e -4 dall’Inter capolista

BOLOGNA (3-5-2): Skorupski; Soumaoro, Binks, Theate; De Silvestri, Soriano (22′ st Vignato), Viola (7′ st Domunguez), Svanberg, Hickey (27′ st Pyyhtia); Arnautovic (7′ st Falcinelli), Sansone (7′ st Skov Olsen). Allenatore: Mihajlovic.

NAPOLI (4-2-3-1): Meret; Di Lorenzo, Rrahmani, Juan Jesus, Mario Rui; Fabian Ruiz (41′ st Ghoulam), Lobotka; Elmas (41′ st Petagna), Zielinski (35′ st Demme), Lozano (26′ st Politano); Mertens (26′ st Osimhen). Allenatore: Spalletti

MARCATORI: 20′ pt Lozano (N), 2′ st Lozano (N)

ARBITRO: Marinelli di Tivoli

Il Napoli batte 2-0 il Bologna, in gara valida per la 22esima giornata di Serie A, grazie a due gol del Chucky Lozano e conquista tre punti molto importanti per la corsa Champions. Gli Azzurri, infatti, sono attualmente a più 5 dalla Juve, a più 4 dall’Atalanta quarta in classifica e a soli 2 punti dal Milan secondo. A -4 dall’Inter capolista, che però ha una partita da recuperare, proprio con il Bologna. Tutto abbastanza facile per il Napoli, che passa in vantaggio al 20’ con Lozano su assist di Elmas. Allo scadere del primo tempo altra grande occasione per la formazione di Spalletti con Fabian, che colpisce a botta sicura ma becca il palo. Il gol arriva all’inizio della ripresa, quando Zielinski taglia il campo e serve un assist sulla corsa al bacio per Fabian, che passa a un Lozano tutto solo davanti alla porta avversaria: da lì il messicano non può sbagliare. Nell’ultima mezz’ora di gioco il Bologna, che pure aveva fatto vedere buone cose nel corso della gara, chiude un Napoli stanchissimo dal punto di vista fisico nella propria area di rigore. I padroni di casa tuttavia riescono a rendersi pericolosi solo al 93’ con Svanberg su calcio di punizione, per fortuna degli Azzurri fermato dal palo. Finisce con il Napoli che vince per 2-0 e conquista tre punti pesanti per la corsa Champions. Risultato giusto per quanto si è visto, perché gli Azzurri per almeno 70 minuti sono stati padroni della gara mentre al Bologna, visto l’avversario, sarebbe servito un po’ di coraggio in più. Nella prossima gara la formazione di Spalletti sarà impegnata al Maradona con la Salernitana mentre il Bologna affronterà il Verona fuori casa.

Spalletti per la gara con i Rossoblù ritrova Mario Rui, Zielinski e Osimhen: i primi due sono in campo dal primo minuto mentre il terzo entrerà solo nel secondo tempo. Proprio Zielinski, così come Fabian Ruiz, fanno vedere le cose migliori creando non pochi grattacapi alla difesa avversaria. L’arma in più però è rappresentata da Lozano, desideroso di farsi perdonare dopo l’espulsione in Coppa Italia con la Fiorentina. Il trequartista messicano al 6′ di gioco viene messo davanti alla porta da un lancio di Fabian ma si vede negare il gol da Skorupski. Rete che avviene al 20’, con Lozano che stavolta non sbaglia spedendo in rete la palla ricevuta da Elmas. Altra grandissima occasione per il Napoli a fine primo tempo, con Fabian libero di andare al tiro da ottima posizione: la palla si stampa sul palo.

A inizio ripresa altro capolavoro del Napoli. Zielinski taglia il campo e serve Fabian sulla corsa, che vede libero sottoporta Lozano: finta del messicano su Skorupski e palla in rete. Iniziano i cambi da una parte e dall’altra: nel Bologna escono Arnautovic, Sansone e Viola per Falcinelli, Skov Olsen e Dominguez. Il Napoli però ha ancora la meglio e sfiora il tris sempre con Lozano, che da lì a poco sarà sostituito da Politano. Spalletti nel finale concede riposo anche a Mertens che lascia il campo per Osimhen e successivamente sostituisce Demme per Zielinski, Ghoulam per Fabian Ruiz e Petagna per Elmas. Al 93’ grande occasione per i padroni di casa con Svanberg su punizione, per fortuna del Napoli fermato dal palo. Non c’è più tempo, gli Azzurri conquistano la seconda vittoria consecutiva in campionato e consolidano il terzo posto in classifica.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.