Torino-Napoli 0-1. Gli Azzurri consolidano il terzo posto in classifica

Allo Stadio Olimpico Grande Torino decide la gara il gol di Fabian Ruiz al 73’, dopo un rigore parato da Berisha a Insigne

TORINO (3-4-2-1): Berisha; Izzo (25′ st Djidji), Bremer, Rodriguez; Singo, Ricci (21′ st Linetty), Mandragora (21′ st Pobega), Vojvoda (21′ st Ansaldi); Praet, Brekalo (36′ st Pellegri); Belotti. Allenatore: Juric.

NAPOLI (4-2-3-1): Ospina; Di Lorenzo, Rrahmani, Koulibaly, Mario Rui; Anguissa, Fabian Ruiz (32′ st Lobotka); Lozano (23′ st Politano), Mertens (23′ st Zielinski), L. Insigne (32′ st Elmas); Osimhen (48′ st Petagna). Allenatore: Spalletti.

MARCATORI: 28′ st Fabian Ruiz (N)

ARBITRO: Prontera di Bologna

Il Napoli batte 1-0 il Torino nella 36esima e terzultima gara del campionato di Serie A, con un gol che porta la firma di Fabian Ruiz. Vittoria che permette agli Azzurri di consolidare il terzo posto in classifica, portandosi a più 4 sulla Juventus, battuta venerdì in trasferta dal Genoa. Ininfluente invece dal punto di vista della classifica la sconfitta per i granata, ormai salvi da un pezzo e troppo lontani dalla zona che vale la qualificazione in Europa League. Come ci si aspettava il Toro è stato avversario ben più tosto del Sassuolo che il Napoli ha battuto qualche giorno fa con il risultato di 6-1. Gara sostanzialmente equilibrata tra le formazioni di Spalletti e Juric nel corso del primo tempo, anche se le occasioni gol e il possesso palla sono state in misura maggiore degli Azzurri. Poi nella ripresa, con le squadre che si sono iniziate ad allungare, è venuta fuori la qualità di Osimhen e compagni. Dopo un rigore parato da Berisha a Insigne, assegnato dall’arbitro per fallo su Mertens di Izzo, ci ha pensato al 73’ Fabian Ruiz con una palla recuperata sulla trequarti dai piedi di Pobega a spedire palla in rete, grazie anche alla decisiva deviazione di Djidji. Troppo poco quanto fatto vedere nel finale dal Toro per pensare di ribaltare la gara, anche se Belotti continua a essere una spina nel fianco del Napoli, per fortuna senza trovare il gol.

All’Olimpico di Torino Spalletti si affida alla stessa formazione vincente con il Sassuolo, con Mertens sulla linea dei trequartisti alle spalle di Osimhen. Gara molto equilibrata nel primo tempo, con il Napoli che soffre molto il pressing degli avversari e non riesce a rendersi pericoloso, se non in rare occasioni. Deboli le conclusioni prima di Anguissa e poi di Osimhen per impensierire Berisha nei primi 20 di gioco, più pericoloso invece Mertens su una punizione sporcata e deviata in angolo dalla barriera. Nei primi 45 minuti di gioco l’occasione gol più nitida è proprio dei granata con Belotti di testa, a cui viene negato il gol da un grandissimo intervento di Ospina.

Nel secondo tempo quando le squadre iniziano ad allungarsi i tatticismi vengono meno e la gara diventa ancora più fisica di quanto lo sia stata nel primo tempo. Al 58’ Insigne ha l’occasione di portare il Napoli in vantaggio su rigore, assegnato dall’arbitro per fallo di Izzo su Mertens. Dal dischetto il capitano calcia bene ma Berisha intuisce la traiettoria e salva i suoi. Il Toro va vicino al gol con una delle solite giocate di Belotti, fuori di poco la conclusione del Gallo. Al 73’ la svolta con Fabian Ruiz che recupera palla sulla trequarti, entra in area e fa partire la conclusione, trovando la deviazione decisiva del neo entrato Djidji: è 1-0 per il Napoli. Nel finale altre occasioni gol da parte di entrambe le formazioni, il più pericoloso del Toro è sempre Belotti. Il Napoli regge e porta a casa i tre punti, che permettono di consolidare il terzo posto e distanziare ulteriormente la Juventus, quando mancano solo 2 gare al termine del campionato.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.