Napoli-Monza 4-0. Spettacolo degli Azzurri al Maradona

Monza spettatore non pagante mentre il Napoli domina la gara per tutto l’arco dei 90 minuti. I gol portano la firma di Kvaratskhelia (doppietta), Osimhen e Kim

NAPOLI (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Rrahmani, Kim, Mario Rui; (25′ st Olivera) Anguissa, Lobotka (33′ st Politano), Zielinski; Lozano (33′ st Zerbin), Osimhen, Kvaratskhelia (25′ st Elmas). All. Spalletti.

MONZA (3-5-2): Di Gregorio; Marlon, A.Ranocchia (4′ st Antov), Carboni; Birindelli (38′ st Colpani), F. Ranocchia (13′ st Valoti), Barberis, Sensi, D’Alessandro (1′ st Molina); Caprari, Petagna (38′ st Gytkjaer). All. Stroppa

MARCATORI: 35′ pt Kvaratskhelia (N), 47′ pt Osimhen (N), 17′ st Kvaratskhelia (N), 48′ st Kim (N)

ARBITRO: Fourneau di Roma

Il Napoli batte 4-0 il Monza al Maradona in gara valida per la seconda giornata del campionato di Serie A. Gli Azzurri dominano il match per tutto l’arco dei 90 minuti, segnando due gol nel primo tempo e altrettanti nella ripresa: la sblocca Kvaratskhelia, raddoppia Osimhen e nella seconda parte della gara è ancora il georgiano ad andare in rete mentre il gol del 4-0 lo mette a segno Kim Min-jae. La vittoria permette al Napoli di portarsi a 6 punti in classifica, al primo posto insieme all’Inter. Finora i tanti addii non sembrano aver scalfito gli Azzurri, nonostante Spalletti abbia definito la sua squadra meno forte di quella dell’anno scorso: il campo sembra però dire tutt’altro. In prospettiva, considerando anche i nuovi acquisti (in panchina c’erano Ndombele, Raspadori e Simeone), questo Napoli è più che forte. Certo bisognerà aspettare di vedere avversari ben diversi da Verona e Monza, che hanno finora dimostrato davvero poco. Gli Azzurri però sembrano davvero in grado di lottare anche quest’anno per i primi posti del campionato, figurare bene in Champions e magari mettere in bacheca qualche trofeo.

Così come con il Verona il Napoli domina la gara sia dal punto di vista del possesso palla che delle giocate, stavolta però non andando mai in affanno in difesa: la differenza a centrocampo con Anguissa veloce come un treno e Lobotka super preciso nei passaggi. A mancare solo un po’ di precisione negli ultimi metri, Lozano e Osimhen infatti sprecano davvero molte occasioni. Al 35’ finalmente il gol di Kvaratskhelia, tiro a giro che finisce direttamente nel sette diventando imparabile per Di Gregorio. Appena due minuti dopo triangolazione tra il georgiano e Osimhen, quest’ultimo spara alto. Allo scadere della prima frazione di gioco Anguissa serve sulla corsa l’attaccante nigeriano, che fulmina l’estremo difensore del Monza con un rasoterra imparabile.

Nel secondo tempo non cambia lo spartito della gara, gli Azzurri continuano a macinare gioco mentre il Monza resta alle corde. Al 61’ arriva il tris messo a segno da Kvaratskhelia, dopo una finta in area di rigore il georgiano lascia partire un sinistro micidiale. Doppietta alla prima al Maradona per il talento ex Dinamo Batumi. Al 67’ gol di testa dell’ex Petagna per il Monza, l’arbitro dopo aver rivisto l’azione al Var (On- field review) annulla per un fallo su Rrahmani. Al 92’ va a segno pure il nuovo acquisto Kim Min-jae, primo gol in campionato per l’ex Fenerbahce che svetta più in alto di tutti sul corner di Di Lorenzo e firma la rete del 4-0. Inizio stagione da sogno per il Napoli, che ha ritrovato pure l’entusiasmo dei suoi tifosi dopo un mercato che all’inizio aveva lasciato un po’ l’amaro in bocca e invece poi ha regalato grandi sorprese.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.