Napoli-Spezia 1-0. Raspadori regala la vittoria agli Azzurri

L’ex Sassuolo Raspadori con un gol all’89’ cambia la storia di una partita che sembrava destinata a finire in parità. Scintille nel finale con le espulsioni di Spalletti (doppio giallo) e di un membro dello staff dello Spezia

NAPOLI (4-3-3): Meret, Di Lorenzo, Rrahmani, Jesus, Mario Rui, Anguissa (12′ st Zielinski), Ndombele (1′ st Lobotka), Elmas (30′ st Gaetano), Politano (12′ st Lozano), Raspadori, Kvaratskhelia (22′ st Simeone). All. Spalletti.

SPEZIA (3-5-2): Dragowski; Ampadu (25′ st Hristov), Kiwior, Nikolaou; Holm, Agudelo (36′ st Sala), Bourabia (25′ st Ellertsson), Bastoni (17′ st Kovalenko), Reca; Gyasi, Nzola. All. Gotti.

ARBITRO: Santoro della sezione di Messina

MARCATORI: 44′ st Raspadori (N)

Il Napoli batte 1-0 lo Spezia al Maradona con un gol dell’ex Sassuolo Raspadori in gara valida per l’anticipo della sesta giornata del campionato di Serie A. La formazione di Spalletti si porta momentaneamente al primo posto in classifica con 14 punti, in attesa di conoscere i risultati di Atalanta-Cremonese e di Sampdoria-Milan. Lo Spezia non tradisce le aspettative e si rivela un osso duro da affrontare, rendendosi anche pericoloso in più di un’occasione nel finale di gara. Questo nonostante il grande possesso palla e il predominio nell’arco dei 90 minuti del Napoli, che fa vedere le migliori cose con Kvara, Elmas e Anguissa soprattutto nel primo tempo. Poi nel secondo tempo Spalletti sceglie di sostituire Kvara e Politano ma non Raspadori. Una scelta che si rivela azzeccata, perché all’89’ l’ex Sassuolo, protagonista di una gara abbastanza sottotono, si prende la scena segnando il gol vittoria. Una vera e propria beffa per la formazione ligure, che ha davvero messo in difficoltà il Napoli con un muro che sembrava invalicabile, almeno fino al gol di Raspadori appunto. Invalicabile per merito dello Spezia ma anche perché il Napoli continua a soffrire il gioco delle cosiddette piccole che si chiudono in difesa e lasciano pochi spazi. Eppure qualche spazio la formazione di Spalletti lo ha trovato nel corso della gara ma a mancare è stata la precisione. Una cosa che non può assolutamente mancare quando si affrontano certe gare.

Dopo la schiacciante vittoria nei confronti del Liverpool Spalletti sceglie di optare per un maxi turnover e cambia ben 5 giocatori rispetto alla gara di Champions disputata in settimana. In campo le novità sono Juan Jesus (al debutto stagionale, ndr), Mario Rui, Ndombele, Elmas e Raspadori: quest’ultimo viene preferito a Simeone per sostituire l’infortunato Osimhen. La prima occasione gol del Napoli arriva al 6’ di gioco con una bella azione personale di Kvara, pericoloso anche al minuto 15 e al 23’, senza tuttavia riuscire a superare il portiere Dragowski. Appena un minuto dopo a provarci è Elmas con un tiro che termina di poco a lato. Il primo tempo scivola via senza altre particolari emozioni, anche se al 41’ il Napoli rischia con un tiro di Gyasi sul quale Meret non si fa sorprendere.

Nella ripresa Spalletti decide di velocizzare la manovra e manda in campo Lobotka al posto di Ndombele, protagonista di una gara anonima. Il Napoli prova a cambiare l’inerzia della gara ma il risultato non si sblocca, quindi Spalletti manda in campo Lozano e Zielinski: il primo si divora più di un’occasione sottoporta mentre il secondo si vede parare un tiro ai 20 metri da Dragowski. Nel finale gli Azzurri continuano a sbattere contro il muro eretto dallo Spezia e rischiano perfino la beffa per una frittata di Mario Rui e Meret, con Kiwior che si avventa sul retropassaggio del difensore e per poco non trova il gol. All’89’ Raspadori si trova nel posto giusto al momento giusto: cross basso di Lozano per Gaetano che non trova la palla, questa entra nella disponibilità dell’ex Sassuolo che da due passi la piazza in rete. Subito dopo la rete l’espulsione di Spalletti (già ammonito per proteste) e di un membro dello staff dello Spezia. Il triplice fischio è una liberazione sia per i giocatori del Napoli che per il pubblico di Fuorigrotta.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.