Cremonese-Napoli 1-4. Gli Azzurri volano in vetta alla classifica in solitaria

Allo stadio Zini al gol di Politano su rigore rispondono i padroni di casa con Dessers. Poi i cambi di Spalletti nel secondo tempo cambiano la gara e il Napoli passa di nuovo in vantaggio Simeone, prima di dilagare con Lozano e Olivera

CREMONESE (4-2-3-1): Radu; Sernicola, Bianchetti, Lochoshvili, Valeri (27′ st Buonaiuto); Meite, Ascacibar (34′ st Ciofani); Zanimacchia (1′ st Okereke), Felix (17′ st Escalante), Quagliata; Dessers (27′ st Aiwu). All. Alvini

NAPOLI (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Rrahmani (37′ st Ostigard), Kim, Mario Rui (37′ st Olivera); Anguissa, Lobotka, Ndombele (12′ st Simeone); Politano (28′ st Lozano), Raspadori (28′ st Zielinski), Kvaratskhelia. All. Spalletti

MARCATORI: 26′ pt Politano (N), 2′ st Dessers (C), 31′ st Simeone (N), 48′ st Lozano (N), 50′ st Olivera (N)

ARBITRO: Abisso della sezione di Palermo

Il Napoli batte 4-1 la Cremonese allo stadio Giovanni Zini, in gara valida per la nona giornata del campionato di Serie A, e vola da solo in testa alla classifica, visto il pareggio dell’Atalanta con l’Udinese e nonostante la vittoria del Milan con la Juve. Gli Azzurri vanno in vantaggio alla mezz’ora ma si fanno riprendere dai padroni di casa con Dessers. Poi nella ripresa i cambi di Spalletti risultano decisivi, anche perché a segnare sono diversi giocatori subentrati: prima Simeone che riporta in vantaggio gli Azzurri, poi Lozano su assist di Kvara e infine Olivera allo scadere dei minuti di recupero. Splendida prova del Napoli in uno stadio difficile e nei confronti di una squadra, che pur essendo una neopromossa, gioca un buon calcio e aveva già messo in difficoltà squadre come Atalanta, Roma e Sassuolo. La formazione di Alvini si è difesa molto bene, non rinunciando ad attaccare quando possibile, soprattutto con l’autore del gol Dessers e con Okereke (entrato nel secondo tempo, ndr). Come abbiamo detto a fare la differenza sono stati i cambi di Spalletti, con giocatori che hanno cambiato il ritmo della gara nel momento più opportuno. Cambi resi quasi necessari per il mister, pensando che mercoledì il Napoli ospiterà l’Ajax al Maradona, una partita molto importante perché in caso di vittoria gli Azzurri saranno anzitempo qualificati agli ottavi di Champions, forti delle tre successi già ottenuti finora.

Nessuna sorpresa nella formazione della Cremonese, Alvini si affida al 4-2-3-1 come nella gara con il Lecce. Solito 4-3-3 invece per il Napoli, anche se Spalletti effettua meno cambi del previsto, limitandosi a mandare in campo Ndombele al posto di Zielinski. Gli Azzurri iniziano molto bene, rendendosi pericolosi quasi subito con Rrahmani che trova la traversa a negargli il gol. Pochi minuti dopo però è la Cremonese a beccare un altro legno, su un tiro a colpo sicuro di Zanimacchia. La formazione di Spalletti con il passare dei minuti diventa padrone del terreno di gioco, al 23’ Kvara finta su Bianchetti e viene sgambettato da quest’ultimo: l’arbitro concede il penalty, dal dischetto va Politano e fa 1-0. Gli Azzurri però non sono spumeggianti come il loro solito, forse a causa dei recenti impegni ravvicinati tra campionato e coppe. Così la Cremonese al 47’, in maniera anche un po’ fortunata, trova il pari con Dessers.

A inizio secondo tempo qualche occasione da una parte e dall’altra, anche perché i padroni di casa con il passare dei minuti prendono coraggio. Spalletti decide di intervenire prima sostituendo Ndombele con Simeone e poi Politano con Lozano. Proprio Simeone al 75’ va di testa su un gran cross di Mario Rui e riporta in vantaggio il Napoli. Poco dopo Rrahmani si infortuna: al suo posto entra Ostigard e in contemporanea Mario Rui lascia il posto a Olivera. I padroni di casa sono ancora pericolosi con Ciofani e Okereke ma gli Azzurri al 90’ fanno tris con Lozano su assist di Kvara, poi allo scadere dei minuti di recupero si iscrive nel registro dei marcatori anche Olivera, in tuffo di testa su assist di Di Lorenzo. Napoli primo in classifica in solitaria, ci sarà da provare la fuga ma prima c’è da pensare all’impegno di mercoledì con l’Ajax, altra gara importante vista l’occasione di ipotecare anzitempo la qualificazione agli ottavi.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.