Salernitana-Napoli 0-2. Gli Azzurri chiudono il girone di andata a 50 punti

Allo Stadio Arechi Di Lorenzo e Osimhen regalano la vittoria al Napoli, che momentaneamente allunga ancora su Milan e Inter (12 e 13 lunghezze)

SALERNITANA (4-3-3): Ochoa; Daniliuc (85′ Sambia), Gyomber (16′ Lovato), Pirola, Bradaric; Candreva, Coulibaly, Nicolussi Caviglia, Vilhena (73′ Valencia); Dia (85′ Bonazzoli), Piatek. All. Nicola.

NAPOLI (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Kim, Rrahmani, Mario Rui; Anguissa, Lobotka, Zielinski (86′ Ndombele); Lozano (86′ Politano) , Osimhen (89′ Simeone), Elmas. All. Spalletti

MARCATORI: 45’ + 3’ Di Lorenzo, 48’ Osimhen

Il Napoli batte 2-0 la Salernitana allo Stadio Arechi in gara valida per la 19esima giornata di Serie A e chiude il girone di andata a quota 50 punti, a 12 e 13 lunghezze da Milan e Inter che domani saranno impegnati rispettivamente con Lazio ed Empoli. Nel derby campano vanno a segno Di Lorenzo e Osimhen, il primo allo scadere dei minuti di recupero del primo tempo mentre il secondo in avvio di ripresa. Non era facile per i ragazzi di Spalletti affrontare i Granata, che arrivavano all’appuntamento da un 8-2 rimediato dall’Atalanta e con una panchina, quella di Davide Nicola, più che traballante: il tecnico esonerato in settimana è stato richiamato subito dopo dal presidente Danilo Iervolino, anche per la mancanza di valide alternative. Il Napoli è stato bravo a superare questa prova, facendo parzialmente dimenticare l’eliminazione in Coppa Italia avvenuta ai rigori con la Cremonese: solo un incidente di percorso che non è riuscito a scalfire il morale dei ragazzi di Spalletti. Gara fisica quella dell’Arechi ma il Napoli ha concesso poco sia nel corso del primo tempo e sia sul 2-0, quando a parte un episodio all’82’ che avrebbe potuto riaprire la gara (palo di Piatek con deviazione decisiva di Meret) si è assistito a un monologo Azzurro. Nella prossima ci sarà da affrontare la Roma di Mourinho al Maradona mentre fra due giornate gli Azzurri faranno visita allo Spezia, con Inter e Milan impegnate nel derby: salvo sorprese un’ulteriore occasione per il Napoli di allungare sulle inseguitrici.

Spalletti per l’impegno con la Salernitana si affida ai titolarissimi mentre Nicola con gli uomini contati ha ben poche alternative e nel giro di un quarto d’ora perde anche Gyomber per infortunio, che viene sostituito dal classe 2000 Matteo Lovato. Gli Azzurri attaccano a testa bassa ma i Granata si difendono con ordine e crescono anche in attacco con il passare dei minuti, facendosi vedere prima con Piatek e poi proprio con il neo entrato Lovato. A passare in vantaggio però è il Napoli allo scadere del secondo minuto di recupero del primo tempo: azione dalla sinistra, Anguissa serve al centro per Di Lorenzo che si trova a tu per tu con Ochoa e insacca in rete.

Avvio di ripresa spumeggiante del Napoli e in appena tre minuti arriva il raddoppio: Elmas si gira in un fazzoletto e va al tiro beccando in pieno il palo, la palla entra nella disponibilità di Osimhen che ribadisce in rete e firma il 2-0. La formazione di Spalletti è in pieno controllo del match e per larghi tratti della ripresa si assiste a un monologo degli Azzurri, che qualcosa tuttavia concedono. La Salernitana infatti va vicino al gol prima con Pirola al 55’ e soprattutto all’82’, quando Piatek prende il palo dopo una deviazione decisiva di Meret. Finisce 2-0 con il Napoli che chiude il girone di andata a 50 punti e viaggia a pieno ritmo verso lo scudetto.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.