Tesoro di San Gennaro, restauro dei rami di Luca Giordano

Tornano a risplendere di nuova luce i preziosi dipinti di Luca Giordano, fra i gioielli del Museo del Tesoro di San Gennaro custoditi nella Sacrestia della Cappella

Da oggi 7 giugno apre la mostra “Luca Giordano. Il restauro dei rami per la Nova Sacristia” a cura di Laura Giusti, curatrice scientifica del Museo. L’esposizione è il risultato del restauro dei quattro capolavori che il pittore napoletano realizzò per la Deputazione nel 1668: la Madonna della Purità, San Giuseppe, Sant’Anna e San Gioacchino. L’intervento, prontamente finanziato dalla Deputazione della Real Cappella del Tesoro di San Gennaro è stato realizzato da Lithos s.r.l., sotto l’Alta Sorveglianza della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per il Comune di Napoli, e affiancato da un importante studio scientifico e una approfondita ricerca bibliografica che ha arricchito la conoscenza e gli studi sulla storia del prezioso patrimonio dedicato al Santo Patrono.

La mostra visitabile fino al 23 luglio è nata da un’idea di Luciana De Maria, responsabile del Settore Cultura della Cappella di San Gennaro, e permetterà di vedere da vicino le magnifiche opere, esposte a portata di sguardo, prima di essere ricollocate sulla sommità degli armadi lignei. L’iniziativa è la seconda proposta del progetto dedicato alle “Mostre Minime”, partito a settembre 2022 con l’esposizione “Tesori mai visti”, che nasce dalla volontà della Deputazione e del museo del Tesoro di San Gennaro, diretto da Francesca Ummarino con la curatela scientifica di Laura Giusti e la gestione di D’Uva, di approfondire, di volta in volta, un focus di studio e di ricerca sul patrimonio del Tesoro.

Il restauro sui rami di Luca Giordano ha permesso di riportare alla luce l’originaria cromia delle superfici lucide e smaglianti dei dipinti e ha, per la prima volta, dato l’opportunità di esaminare le opere da vicino, ricavando preziose informazioni sulle tecniche di montaggio e di esecuzione dei rami, aggiungendo un altro importante tassello alla conoscenza di uno dei pittori più affermati della seconda metà del XVII secolo.

Un grande lavoro corale che ha coinvolto l’intera organizzazione e attività scientifica del Museo che ha portato alla pubblicazione di “Luca Giordano. Il restauro dei rami per la Nova Sacristia” realizzato grazie a D’Uva. Il catalogo raccoglie i testi di Francesca Ummarino, direttrice del Museo del Tesoro di San Gennaro, Laura Giusti, curatrice scientifica del Museo del Tesoro di San Gennaro e Luciana De Maria, responsabile del Settore Cultura della Cappella. Rosa Granato, archivista della Deputazione, ha curato l’appendice, raccogliendo documenti editi e inediti sulle opere e sulla Sacrestia; Marco Leone de Castris ha curato bibliografia e sitografia mentre le fotografie sono state realizzate da Simone Florena e dalla Lithos s.r.l., il progetto grafico è di Vanni del Gaudio e la stampa a cura di Officine Grafiche Francesco Giannini & Figli spa.

“La presentazione dei rami di Luca Giordano è un secondo importante step di studio e approfondimento del patrimonio della Cappella del Tesoro di San Gennaro che con la Deputazione e con D’Uva stiamo portando avanti e a cui lavoriamo con un team affiatatissimo. – spiega Laura Giusti, curatrice scientifica del Museo del Tesoro di San Gennaro – L’intenzione è di proseguire in un percorso di ricerca che, a seconda delle circostanze, opportunità e necessità, approfondisca un segmento del Museo e della Cappella, permettendo di scoprire anche aspetti nuovi ed inediti che possono sempre venire alla luce. L’obiettivo comune è quello certamente di valorizzare e promuovere la ricchezza qui custodita, ma anche di mantenere viva l’attività e la ricerca scientifica del Museo, che non è solo un luogo da visitare, ma un fondamentale punto di riferimento per lo studio, la conoscenza e la continua riscoperta del nostro patrimonio.”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.