Pompei partecipa alle Giornate Europee dell’archeologia 2023

Il calendario dei cantieri visitabili nei giorni 16, 17 e 18 giugno

Il Parco archeologico di Pompei partecipa alle Giornate Europee dell’archeologia 2023 che si terranno nei giorni 16, 17 e 18 giugno. Le Giornate nate su iniziativa dell’Inrap, l’Istituto nazionale di ricerca archeologica preventiva della Francia (Institut national de recherches archéologiques préventives) e estese su territorio nazionale, sono promosse in Italia dal Ministero della Cultura – Direzione Generale Musei allo scopo di promuovere il patrimonio archeologico e far conoscere il lavoro dell’archeologo.

A Pompei venerdì 16 giugno, dalle ore 9.30 alle 13.00 i visitatori avranno la possibilità di addentrarsi nell’attività di ricerca e nelle missioni di scavo di alcune Università impegnate in indagini archeologiche sulle fasi edilizie precedenti all’eruzione del 79 d. C. Le equipe di scavo saranno a disposizione del pubblico per raccontare il loro lavoro e gli aggiornamenti delle ricerche in corso.

Di seguito i cantieri visitabili:

Botteghe su via dell’Abbondanza, VII 14, 1-4/6-8/10-14 (Università degli Studi di Genova, referente Prof.ssa Pallecchi);

Casa della Regina Carolina, VIII 3, 14 (Cornell University, referenti Prof.sse Gleason, Marzano, Barrett);

Casa su via del Tempio di Iside, VIII 7, 26 e Tempio di Asclepio (Università degli Studi Federico II, ref. Prof.ssa Capaldi);

Bottega su via del Foro, VII 5, 29 (Centre Jean Bérard, Napoli, ref. Prof.ssa Zanella);

Casa, VI 11, 11-12 (Centre Jean Bérard, Napoli, ref. Prof.sse Ballet, D’Auria);

Edificio su via di Nocera, I 14, 1/11-14, (Tulane University, ref. Prof.ssa Emmerson);

Sabato 17 giugno alle ore 10,00 è in programma una visita dedicata a Villa San Marco a Stabiae/ Castellammare di Stabia a cura degli archeologi del Comitato Libero D’orsi, mentre domenica 18 giugno, dalle ore 10.00 alle 13.00, è prevista una visita tematica alla Villa di Poppea a Oplontis/ Torre Annunziata,  dal titolo “La medicina nell’antica Oplontis” con l’archiatra Andromaco, medico di Nerone e della famiglia Giulio Claudia, a cura del Gruppo storico Oplontino e dell’Archeoclub di Torre Annunziata.  Non è richiesta prenotazione per le visite.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.