Inter-Napoli 1-1. Juan Jesus risponde a Darmian

L’Inter al Meazza passa in vantaggio al 43’ con Darmian e si fa riprendere sul finale dal Napoli, a segno con un gol di testa di Juan Jesus. Un pari che non scontenta nessuna delle due squadre, infatti la formazione di Inzaghi fa un altro passo verso lo scudetto visto il grande vantaggio sulle inseguitrici e quella di Calzona continua a sperare in un posto in Champions o almeno in Europa League

INTER (3-5-2): Sommer; Pavard (1′ st Bisseck), Acerbi, Bastoni; Darmian (39′ st Buchanan), Barella (25′ st Frattesi), Calhanoglu, Mkhitaryan, Dimarco (34′ st Dumfries); Thuram, Martinez (34′ st Sanchez). Allenatore: Inzaghi

NAPOLI (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Rrahamni, Juan Jesus, Olivera (30′ st Mario Rui); Anguissa, Lobotka, Traoré (25′ st Cajuste); Politano (45’+2′ st Ngonge), Raspadori (30′ st Simeone), Kvaratskhelia 6 (45’+2′ st Lindstrom). Allenatore: Calzona

MARCATORI: 43′ Darmian (I), 36′ st Juan Jesus (N)

ARBITRO: Daniele La Penna di Roma

Finisce in parità con il risultato di 1-1 la sfida del Meazza tra Inter e Napoli, valida per la 29esima giornata del campionato di Serie A. Un risultato che non scontenta nessuna delle due squadre ma serve più alla formazione di Inzaghi, sempre più vicina ai 15 punti che mancano per l’aritmetica scudetto. Per quanto riguarda gli Azzurri invece c’è la soddisfazione di rimanere imbattuti da quando in panchina siede Francesco Calzona, anche se i punti che li separano dalla zona Champions League restano troppi (-6 dalla Roma quinta e -9 dal Bologna quarto). Difficile fare di più per questo Napoli, che è riuscito a contenere bene i padroni di casa per tutto l’arco della gara. Plauso in particolare a Meret che ha salvato in più di un’occasione i suoi e a Juan Jesus forse, gol a parte, in una delle migliori uscite stagionali. Pesante per gli Azzurri l’assenza di Osimhen, tenuto in panchina da Calzona a causa di un affaticamento muscolare, con il nigeriano infatti probabilmente qualcosa di più in attacco si sarebbe riuscita a creare perché Raspadori nonostante l’impegno non ha inciso granché. Con diversi scontri diretti ancora da affrontare il Napoli ha la possibilità ancora di migliorare una stagione che finora è stata molto al di sotto delle aspettative.

I padroni di casa scendono in campo con la formazione titolare nonostante le fatiche di Champions nella gara persa ai rigori con l’Atletico Madrid. Solo qualche cambio per Calzona invece rispetto alla partita con il Barcellona, tra cui quello obbligato di Osimhen alle prese con un affaticamento muscolare: al suo posto c’è Raspadori. Avvio di gara equilibrato, poi viene fuori l’Inter e si rende pericolosa con Lautaro, sul quale fa buona guardia Juan Jesus. L’Inter continua a far vedere le migliori cose e al 12’ Meret risponde con una grande parata al colpo di testa in tuffo di Darmian, ripetendosi sulla conclusione ravvicinata di Lautaro. Si resta sullo 0-0 e il Napoli con il passare dei minuti prova a conquistare un po’ di campo. Gli Azzurri ci riescono ma al 42’ si fanno beffare su una ripartenza che vede protagonisti Bastoni autore dell’assist e Darmian con il suo sinistro di prima intenzione.

A inizio ripresa l’Inter continua a far vedere le cose migliori, Lautaro è ancora pericoloso ma Meret evita il raddoppio. I Nerazzurri ci provano anche con Dimarco e Thuram ma la rete non arriva. Con il passare dei minuti i ritmi si abbassano, l’Inter è in pieno controllo però al 77’ si fa sorprendere da azione d’angolo con una deviazione sottoporta dell’ex Juan Jesus, perso dalla difesa di Inzaghi all’interno dell’area piccola. Finisce 1-1, un risultato che non soddisfa nessuna delle due formazioni ma neanche scontenta più di tanto. L’Inter vede sempre più lo scudetto vicino, il Napoli continua a sperare in un piazzamento europeo per la prossima stagione.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.