Sol Lewitt. L’artista e i suoi artisti. Al museo Madre

Layout 1Dopo aver  rischiato la  chiusura, il Museo Madre di Napoli inaugura  la  nuova stagione espositiva con la mostra “Sol Lewitt. L’artista e i suoi artisti”, realizzata in collaborazione con la Fondazione Lewitt e con il Centre Pompidou di Metz.

L’artista russo-statunitense, scomparso nel 2007 cominciò la sua carriera come esponente della corrente minimalista di cui apprezzava la riduzione delle opere a  strutture geometriche elementari e l’uso esclusivo dei colori primari. In seguito divenne tra i massimi interpreti dell’ Arte concettuale, un movimento artistico che  afferma il prevalere dell’idea sull’ estetica.  L’Arte concettuale diviene dunque riflessione sull’ arte stessa, lo spettatore non solo osserva ma è anche  interprete di ciò che l’opera intende comunicare.

L’esposizione  ripercorre 50 anni della  vita dell’artista ed è stata suddivisa in tre differenti  aree tematiche.  La prima  è quella dei  wall drawings, murales inediti progettati e realizzati appositamente per le sale del Museo Madre. Si tratta di cinque disegni  dai colori vivaci, i cui giochi cromatici si intrecciano fino  a dar vita a molteplici figure astratte.  La seconda sezione riguarda disegni e sculture appartenenti a diverse collezioni napoletane. L’ultima accoglie opere provenienti dalla collezione privata di Lewitt, alcune delle quali sono state realizzate da artisti suoi contemporanei.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.