Regione Campania, il presidente Pietro Foglia indagato per 30mila euro di falsi rimborsi

Secondo il PM Giancarlo Novelli, Foglia avrebbe alterato le ricevute di un benzinaio ed è indagato per peculato e falso materiale

pietro fogliaFinora era solo indagato per peculato, nell’ambito dell’inchiesta sulla “Rimborsopoli campana”, riguardante i fondi che il consiglio regionale destina ai propri gruppi. Ora, la posizione di Pietro Foglia, presidente del Consiglio regionale campano, si è aggravata: il procuratore aggiunto Alfonso D’Avino e il pm Giancarlo Novelli gli contestano anche il reato di falso materiale.

Si è scoperto che le ricevute del distributore di carburante, da lui depositate per giustificare la spesa di 32.183 euro, sarebbero contraffatte. Il timbro del titolare dell’impianto è falso e lo stesso titolare lo ha disconosciuto. Ad insospettire gli inquirenti il fatto che le ricevute avessero tutte lo stesso importo. Gli inquirenti si sono chiesti come e se fosse possibile che Foglia per fare rifornimento spendesse sempre la stessa esatta cifra (senza mai sforare un solo euro, quindi). Così hanno deciso di convocare la titolare dell’impianto che non solo ha disconosciuto il timbro ma ha anche voluto sottolineare la sua innocenza per i fatti in merito.

Destino vuole, che Foglia essendo un cosiddetto “grande elettore”, sarà chiamato a votare per il nuovo Capo dello Stato, proprio in questi giorni. Voterà come rappresentate della Regione Campania assieme a Stefano Caldoro e a Raffaele Topo.

Ricordiamo che a rischiare il processo, sono attualmente sette consiglieri: Ugo de Flaviis (Ncd), Pietro Diodato (ex consigliere, oggi in Ncd), Massimo Ianniciello (ex Fi, ora nel gruppo misto), Sergio Nappi (Fi), Angelo Polverino (ex consigliere Pdl), Gennaro Salvatore (Caldoro Presidente) e Raffaele Sentiero (Ncd). Nei loro confronti sono ipotizzati, a vario titolo, i reati di truffa e peculato. Altresì, al momento, la Regione Campania non si è costituita parte civile nel processo (vai all’articolo).

Lascia un commento

4 × quattro =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.