Salvini: “Denuncio de Magistris. La prossima volta manifestazione a Piazza del Plebiscito”

Il leader leghista sfida il sindaco de Magistris e incalza i suoi al grido di “prima gli italiani”

Napoli, 11 marzo – “È scandaloso che un ex magistrato sfortunatamente sindaco, spero ancora per poco, si permetta di decidere chi può e chi non può venire a Napoli”. Lo ha affermato il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, quest’oggi presente alla Mostra d’Oltremare per la manifestazione di Noi con Salvini, movimento con cui quest’ultimo cerca di conquistare voti al Sud. A chi gli fa presente che de Magistris non ha preso parte al corteo di protesta per la sua presenza, Salvini replica che a lui basta quello che il sindaco ha dichiarato nei giorni scorsi. “Quello che ha dichiarato in questi giorni – ha detto Salvini – verrà portato in qualche tribunale dove, magari, qualche magistrato più equilibrato di lui deciderà se può insultare o no”.

“La prossima volta che vengo a Napoli la manifestazione la facciamo in piazza del Plebiscito, così vediamo”, ha poi detto il segreterio leghista. “Posso aver sbagliato in passato, ma non ho intenzione di sbagliare sul futuro, e il futuro dell’Italia è il rispetto delle diversità all’interno del Paese”.

“Poco fa – ha raccontato – ho incontrato alcuni ragazzi autistici della provincia di Napoli. Sono finiti i soldi per il progetto sperimentale che li sosteneva. Ci vogliono solo 700mila euro e noi spendiamo decine di migliaia di finti profughi spendendo miliardi. Al governo ci sono razzisti verso gli italiani”. “Andremo a prendere una a una le finte associazioni, le coop bianche, rosse o gialle che lucrano sulla pelle di questi disgraziati. Un’immigrazione controllata è una risorsa ma decine di migliaia di finti profughi vanno rimpatriati. Non dico opera di pulizia altrimenti qualche magistrato mi denuncia, certo se i magistrati sono come de Magistris. Io voglio un Paese libero e rispettoso, non mi interessa se uno è etero o omosessuale, ma due paletti li dobbiamo mettere altrimenti ci vendono per libertà l’anarchia e il caos. Non esiste un genitore uno o due, le adozioni gay sono un abominio, un premio all’egoismo degli adulti”. E ancora: “Se non ti piacciono il crocifisso e Gesù torna al tuo Paese. Per noi il 25 dicembre è Natale, non la festa dell’inverno. Una società che non ha più la sua identità non ha futuro”.

FOTO: tratta da ilmattino.it

One thought on “Salvini: “Denuncio de Magistris. La prossima volta manifestazione a Piazza del Plebiscito”

  1. Questo incredibile personaggio, riporta alla mente, che nel passato, (1799, Rivoluzione Napoletana) Il dispotismo Borbone si riaffermò grazie a chi fondò, per lo più, “sulla feccia del popolo, che senza cura veruna, ( come scrisse Vincenzo Cuoco) né di bene né di male, si vende a colui che meglio soddisfa il suo ventre.” Questo qualunquista di professione, vorrebbe insegnare a tutti, ed in particolare al popolo napoletano, dopo averlo offeso e calpestato, come salvarsi dallo straniero, e come conservare la tradizioni religiose e altre amenità simili. Questo ridicolo personaggio(Salvini) Ci ricorda che siamo invasi da terribili mangiatori di uomini, e anticristi, pronti a portarci via quel perfetto benessere che avevamo prima…Ci sarebbe da ridere, se la cosa non fosse tragica. Sappia questo furbo di turno, che Napoli, ha millenni di esperienza negativa di populisti che si sono ingegnati per poter meglio fottere chi ama farsi parlare alla pancia, appunto. Napoli non ha bisogno chi gli indichi i suoi problemi, li conosce, vuole soluzioni, per esse, fatte di buon senso e che possano servire a tutti, senza soluzioni drastiche e provvisorie. Quindi vada a farsi fottere e a cercare di fottere altre popolazioni che, come hanno già dimostrato al nord gli hanno creduto ed ora sono in tribunale a spiegare e farsi spiegare, quanti soldi hanno rubato. Ladri ne abbiamo già troppi, grazie lo stesso, ma fuori da coglioni al più presto, prima che ti facciano fare la fine di Masaniello.

Lascia un commento

dodici − 11 =