Napoli: de Magistris evita il commissariamento, ok a bilancio per un voto

Maratona nella notte, un consigliere colto da malore

Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, si salva e il Comune di Napoli non sarà dunque commissariato, a pochi mesi dalla scadenza naturale della consiliatura. Il Consiglio comunale, dopo una maratona di 18 ore, poco prima delle 4 del mattino, ha infatti approvato il bilancio di previsione 2020 – 2022.

Un sì che è arrivato sul filo di lana: 19 i voti favorevoli e 18 i contrari. 37 i presenti in aula al momento della votazione. Tutte le forze di opposizione M5s, Pd, Iv, Fdi, FI, La Città, hanno votato contro il documento contabile a cui si sono aggiunti i consiglieri che nel 2016 furono eletti nella maggioranza Maria Caniglia, da tempo passata al Gruppo Misto, e Fulvio Frezza eletto a settembre in Consiglio regionale nelle liste a sostegno del presidente De Luca.

A consentire al sindaco di portare a casa il risultato, il voto favorevole espresso da Anna Ulleto (ex Pd, ora Gruppo Misto) e le assenze al momento del voto di Salvatore Guangi (FI), Domenico Palmieri (Napoli popolare) e di Nino Simeone (Gruppo Misto). Durante la lunga trattazione degli ordini del giorno e degli emendamenti, è stata effettuata una nuova pausa perché il consigliere Simeone, che in estate ha subito un delicato intervento, si è sentito male e chiamato il 118 ha lasciato l’aula. Prima di sciogliere la seduta, il sindaco de Magistris ha ringraziato l’aula e sollecitato la convocazione di una seduta per il 14 dicembre per l’approvazione del bilancio consolidato. Proposta accolta all’unanimità.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.