Its Lab, entro fine anno 91 dipendenti rischiano il licenziamento

I lavoratori sollecitano l’apertura di un tavolo di confronto inter-istituzionale

Its Lab, l’azienda di informatica e telecomunicazioni insediata dal 2008 nell’area dell’ex stabilimento Dalmine di via Terragneta a Torre Annunziata, ha avviato la procedura di licenziamento collettivo, notificata il 14 novembre scorso ai lavoratori. Entro fine anno 91 dipendenti su 118 rischiano il licenziamento.

Si tratta di personale altamente qualificato, tra matematici, fisici ed ingegneri,  ora in stato di agitazione permanente per difendere il proprio lavoro. Chiedono l’attivazione di un tavolo di concertazione con le Istituzioni ed il ritiro immediato da parte dell’azienda della procedura di licenziamento.

Circa otto mesi di stipendi arretrati e una crisi che viene da lontano, esattamente dal 2008 con la richiesta da parte della Its di ammortizzatori sociali per 30 lavoratori su 250. Una riorganizzazione aziendale partita nel 2011 ma mai riuscita, ha determinato una riduzione di personale fino alle attuali 145 unità. Ma la situazione degenera ulteriormente il 14 novembre scorso quando l’azienda promuove istanza di “licenziamento collettivo per 91 lavoratori su 118” salvando esclusivamente per la sede di Torre Annunziata un operaio delle pulizie, un autista e due addetti ai sistemi di rete mentre le altre 23 unità sono o presso clienti campani o in altre sedi tra Roma ed Ivrea.

La crisi di Its Lab è strettamente connessa con quella che sta vivendo il colosso delle telecomunicazioni Ericsson ed il conseguente venir meno delle commesse, linfa vitale per i lavoratori di Its.

Nella giornata di ieri, una delegazione di 50 lavoratori – a rischio licenziamento entro fine anno – ha organizzato un presidio al Centro Direzionale di Napoli, all’isola A6, presso la sede dell’assessorato al Lavoro della Regione Campania. Una delegazione è stata ricevuta anche dal sindaco Vincenzo Ascione che ha scritto al prefetto di Napoli e all’assessore al Lavoro della Regione Campania per sollecitare l’apertura di un tavolo di confronto inter-istituzionale. Il rischio è che l’azienda porti i libri contabili in Tribunale dichiarando fallimento.

Lascia un commento

diciassette − quattordici =