Agguato al rione Sanità, due morti e 3 feriti

Nel mirino dei sicari esponenti dello storico clan della famiglia Vastarella

agguato rione SanitàNapoli, 23 aprile – Due o forse più sicari della camorra hanno seminato il panico, nella serata di ieri, nel centro storico di Napoli, sparando all’impazzata tra la folla. Nel mirino dei sicari esponenti della famiglia Vastarella, attivi nel rione Sanità. Uccisi Giuseppe Vastarella, di 42 anni, esponente dello storico clan camorristico ed il cognato Salvatore Vigna, di 41. Ferite gravemente altre tre persone. Due di questi sono Dario ed Antonio Vastarella, rispettivamente di 33 e 24 anni. La terza persona ferita è Alfredo Ciotola. I tre sono stati trasportati al Cardarelli dove sono stati ricoverati in codice rosso.

L’agguato è scattato in via Fontanelle, nei pressi del cimitero delle “capuzzelle”, davanti ad un circolo ricreativo proprio mentre in strada si trovavano dei bambini che si erano fermati a comprare delle granite nei pressi di un rivenditore ambulante. Alcuni minori, si è appreso, erano anche all’interno dello stesso locale. I sicari sono giunti a bordo di una moto. Ai primi spari le vittime sono scappate all’interno del circolo dell’associazione “Maria Santissima dell’Arco“, dove sono stati inseguiti e freddati. Vigna è morto sul colpo mentre Giuseppe Vastarella è stato soccorso in un disperato tentativo di salvargli la vita, ma è morto all’ospedale Pellegrini.

FOTO: tratta da ansa.it

Lascia un commento