Brogli elettorali a Napoli, in un video di Fanpage la compravendita dei voti. De Magistris e Lettieri chiedono l’intervento del Prefetto

Le reazioni di de Magistris e Lettieri sui presunti brogli elettorali documentati in un video relativo alle elezioni amministrative di domenica scorsa

Napoli.brogli.elettoraliNapoli, 8 giugno – Persone che escono da un Caf con la scheda elettorale in mano e presunti passaggi di banconote e materiale elettorale a poca distanza dai seggi. È quanto documentato da un video della testata Fanpage.it, che ha messo online una sorta di reportage realizzato in diverse strade della città, mentre era in corso il voto per le amministrative. Il video comincia con le immagini riprese vicino all’Istituto Bovio, nel quartiere San Lorenzo, in cui si sente un uomo, che si qualifica come rappresentante di lista, che convince una donna a prendere una borsa. Poco dopo due donne vengono avvicinate da un uomo che passa qualcosa, forse soldi o materiale elettorale, ad una di esse. Il video prosegue con le immagini riprese all’esterno dell’Istituto Palizzi in via Solitaria. Si sente un uomo che scandisce “Forza Italia, Forza Italia”.

Immediate le reazioni del sindaco in carica, Luigi de Magistris, e di colui che lo sfiderà al ballottaggio domenica 19 giugno: il candidato del centrodestra, Gianni Lettieri. “Chiederò un incontro con il prefetto perché vogliamo garanzie sul voto pulito, e sono sicuro che il prefetto metterà in campo tutte le azioni necessari”, ha detto de Magistris commentando le presunte irregolarità documentate nel video. “Ci sono stati contatti importanti con la Prefettura anche domenica – ha spiegato de Magistris –. Oggi era già in programma nella mia agenda la richiesta di un incontro con il prefetto di Napoli. Da tempo abbiamo denunciato una campagna di odio personale, di veleni, di aggressività e di fiume di denaro che per nulla ci rassicurava. Sembrava che lo scandalo fossero i ragazzi con la maglia “controllo popolare”, invece a loro va il nostro ringraziamento. Abbiamo visto sgherri e teppaglia che si muovevano attorno ai seggi. Noi – ha affermato in conclusione de Magistris – vinciamo comunque, lo abbiamo dimostrato. La città ha già deciso che è libera, però chiediamo al prefetto di mettere in campo tutte azioni che sono convinto metterà perché è una donna delle istituzioni”.

“Sto chiedendo da mesi al prefetto di aumentare la vigilanza all’esterno dei seggi. Non crediamo nelle ronde dei ragazzi dei centri sociali di de Magistris perché servono le forze dell’ordine”, ha invece affermato Lettieri. Quest’ultimo, tentando di sfruttare la situazione per fini elettorali, poi riferendosi ai ragazzi dell’ex Opg, ha aggiunto: È inaccettabile che altri candidati abbiano provato a delegittimare il ruolo di Prefetto e uomini in divisa, inviando ronde di antagonisti ed estremisti fuori dai seggi per provare a militarizzare il voto ed intimidire gli elettori. Si tratta di un’operazione molto pericolosa di delegittimazione delle istituzioni e di negazione della democrazia e della partecipazione. Tra l’altro è singolare che queste ronde non abbiano segnalato che nei quartieri a rischio voto controllato abbia stravinto il sindaco uscente”.

Il video che documenta i presunti brogli è stato commentato anche da Arturo Scotto, capogruppo alla Camera di Sinistra Italiana. “Il video di Fanpage che denuncia irregolarità all’esterno di alcuni seggi delle amministrative di Napoli – ha detto Scotto – è un pezzo di giornalismo straordinario e dimostra quanto il voto a Napoli, in alcuni quartieri, non sia ancora libero. I signori delle preferenze lo comprano a 20 euro a pochi metri dai seggi. Ho segnalato più volte alla Prefettura domenica scorsa quello che stava accadendo in alcune scuole della città. Mi auguro che la magistratura apra immediatamente una inchiesta e che per il ballottaggio sia garantita da parte dello Stato la massima agibilità democratica e una votazione trasparente”.

One thought on “Brogli elettorali a Napoli, in un video di Fanpage la compravendita dei voti. De Magistris e Lettieri chiedono l’intervento del Prefetto

Lascia un commento

6 + dieci =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.