Comune di Napoli, c’è l’accordo con il consorzio Cr8 per la rinuncia parziale al pignoramento

L’accordo consente all’Amministrazione di liberare nelle prossime ore 70 degli oltre 90 milioni accantonati dalla Tesoreria comunale

Napoli, 12 aprile – La Giunta comunale, su proposta del sindaco Luigi de Magistris, ha deliberato l’adesione all’accordo proposto dal consorzio Cr8 per la rinuncia parziale al pignoramento inizialmente ottenuto. I debiti che avevano portato al pignoramento dei conti del Comune sono stati contratti dall’allora commissario per il sisma del 1980 nei confronti del Consorzio Ricostruzione otto, per lavori effettuati in base alla legge 219. Si tratta di un debito che Palazzo San Giacomo ha ereditato dopo trentasei anni e che è cresciuto, con oneri e interessi, passando di giunta in giunta.

L’accordo siglato con il consorzio Cr8 consente all’Amministrazione di liberare nelle prossime ore 70 degli oltre 90 milioni accantonati dalla Tesoreria comunale. Gli altri 20 milioni restano pignorati fino al prossimo 30 giugno, data entro la quale l’Amministrazione si è impegnata a provvedere al pagamento.

Il sindaco ha informato per iscritto dell’accordo la sottosegretaria alla presidenza del Consiglio, Maria Elena Boschi. “Mi aspetto ora che il Governo faccia la sua parte”, ha detto nelle ore successive il primo cittadino partenopeo. Intanto è stata stabilita in Conferenza dei Capigruppo anche la data del Consiglio comunale per la discussione e l’approvazione del bilancio di previsione 2017: si terrà nei giorni 20 e 21 aprile.

Lascia un commento