Il Pd Napoli chiude i giochi: le primarie saranno con quattro candidati. Escluso Ranieri (Pd): “ottusità burocratica”

Con una nota il Pd Metropolitano di Napoli comunica la chiusura della fase delle candidature alle primarie del centrosinistra per l’individuazione del candidato sindaco di Napoli. Umberto Ranieri: “dissennata e misera condotta condivisa da Antonio Bassolino e Valeria Valente”

primarie Partito Democratico“La Commissione per le primarie, riunitasi in data 4 febbraio 2016, dopo aver preso visione della documentazione e delle firme presentate, delibera che Antonio Bassolino, Antonio Marfella, Marco Sarracino e Valeria Valente sono ufficialmente candidati alle primarie di coalizione per la candidatura a Sindaco di Napoli.
Inoltre, in relazione alla presentazione della candidatura di Umberto Ranieri, è stato rilevato all’unanimità che, ai sensi del regolamento per le primarie vigente, non era possibile accogliere la candidatura, in quanto la stessa non presentava i requisiti previsti”.

Non si fa attendere la risposta piccata di Umberto Ranieri che bolla come “Errore politico e ottusità burocratica” la decisione della Commissione che lo esclude dalla competizione: “Non accogliere le oltre mille firme di elettrici ed elettori del centro sinistra a sostegno della mia partecipazione alle primarie è una manifestazione di ottusità burocratica e un grave errore politico: il Pd a Napoli rischia di ridursi ad una sommatoria informe di gruppi e notabili che ne impedisce lo sviluppo e l’apertura alla società.

Trovo singolare e sconcertante che dirigenti nazionali abbiano ritenuto fondata la richiesta di non limitare ai soli iscritti la scelta dei partecipanti alle primarie senza poi intervenire efficacemente perché fosse adottato anche a Napoli la procedura prevista a Milano e a Roma.

Hanno condiviso una tale dissennata e misera condotta, escluso il giovane Marco Sarracino, i candidati Antonio Bassolino e Valeria Valente. Ringrazio le elettrici e gli elettori di Napoli che, nel volgere di 48 ore, hanno sottoscritto la mia candidatura. Una barriera burocratica ne ha reso vano lo sforzo. Continueremo a lavorare perché il loro impegno generoso non si disperda ma prosegua nella battaglia civile per la nostra città”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.