Elezioni Comunali 2024, De Luca: “Meloni al Sud ha perso”

Secondo il governatore le ragioni della sconfitta sono da ricercarsi nella battaglia che la Regione Campania ha intrapreso contro il disegno di legge sull’autonomia differenziata e un segnale era arrivato già con le elezioni europee

“Il segnale politico era arrivato al governo in maniera forte e chiara già con le elezioni europee. Nel Sud, il governo Meloni ha perso e ha perso fondamentalmente, al di là di tutte le chiacchiere, per la battaglia pilotata dalla Regione Campania contro l’autonomia differenziata”. A dirlo il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, a margine dell’inaugurazione di un parco cittadino a Cava de’ Tirreni, parlando delle elezioni comunali 2024 appena concluse.

“Ho chiarito in queste settimane che la battaglia deve essere fatta su due fronti: non basta la battaglia contro l’autonomia differenziata, dobbiamo fare la battaglia anche contro la palude burocratica nazionale, cioè dobbiamo decentrare alle Regioni tutti i poteri che servono a fare un investimento, un’opera pubblica senza dover perdere anni per avere un parere ambientale dai Ministeri. Stiamo vedendo – conclude – la vicenda del piano Sviluppo e Coesione, c’è una centralizzazione presso i ministeri che è sconcertante”.

In queste ore il governatore è anche tornato a punzecchiare il direttore del Museo di Capodimonte Eike Dieter Schmidt, in questa tornata elettorale candidato sindaco a Firenze (sconfitto dalla candidata di centrosinistra Sara Funaro, ndr). “Noi abbiamo il cuore grande e Napoli è una città calorosa, solidale, cristiana, ospitale – spiega De Luca –. La sua non è stata una prova di grandissimo stile, ma torni a Napoli e l’importante è che almeno quando ritorna si mette a lavorare senza distrazioni”.

Già nella giornata di ieri il governatore non le aveva mandate a dire. “Io ho considerato un po’ offensivo per Napoli il fatto che qualcuno si facesse nominare direttore del museo Capodimonte, poi se ne andasse a fare la campagna elettorale, mettendosi in aspettativa. E poi, se non viene eletto a Firenze, ritorna a Capodimonte – aveva detto De Luca –. Napoli è una grande capitale del mondo. Non si può offendere la dignità di Napoli in questo modo: vado e vengo. Ha lasciato il cappello sulla sedia a Capodimonte, non gli faremo trovare neanche la sedia”. Il direttore, attualmente in aspettava, si era limitato a rispondere: “De Luca non è il responsabile di Capodimonte, non sa che il suo impero è limitato e che il museo dipende dal ministero della Cultura, guidato da un altro napoletano (in riferimento al ministro Sangiuliano, ndr)”.

Autore

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.